Passa ai contenuti principali

Calcio. Lega-Pro. Melfi-Juve Stabia 1-2. Due ingenuità difensive della squadra di Bitetto, favoriscono la vice capolista.

MELFI-JUVE  STABIA 1-2
MELFI: Gragnaniello, Bruno (al 62’ Grea), Laezza, De Giosa, Lodesani (al 62’ Mangiacasale), Foggia, Libutti, De Vena, Defendi, Obeng, Vicente. A disposizione: Sciretta, Casiello, Ferraro, Demontis. Allenatore: Bitetto.
JUVE  STABIA: Russo, Cancellotti, Cadodaglio, Atanasov, Marotta
(al 46’ Rosafio), Camigliano, Liotti, Izzillo (al 62’Sandomenico), Lisi, Mastalli, Ripa (al 75’ Del Sante). A disposizione: Bacci, Borrelli, Zibert, Petriocciuolo,E sposito. Allenatore: Fontana.


Arbitro: G.Luciano di Lamezia Terme. Assistenti: Angotti di Lamezia Terme e Antonacci di Barletta.
Marcatori: al 4’Lisi; al 46’Rosafio; al 81’Obeng.
Note: giornata fredda, spettatori circa 1000, di cui 300 ospiti. Osservato un 1’ di raccoglimento per la morte del papà del medico sociale della Juve Stabia,Catello.Recupero: 1° tempo:1’. 2° tempo:3’.


Melfi. Il freddo polare ha mantenuto a casa tanti fedelissimi del Melfi. Nonostante tutto, la partita è stata piacevole, il Melfi sotto di due gol (a causa delle solite disattenzioni difensive), ha reagito, accorciando le distanze con Obeng a dieci minuti dalla fine della partita. La cronaca. Al 3’ rimessa laterale battuta veloce dal Melfi per Foggia, che spalle al portiere, effettua un cross per De Vena,tutto solo, che tira al volo, palla di poco fuori. 


Gol mancato per il Melfi. Al 4’  in gol la Juve Stabia, con Lisi, ricevuto palla lunga, anticipa Gragnaniello, uscito dai pali, ed insacca a porta vuota. Il Melfi non ci sta e reagisce.Al 18’ punizione dai 30 metri di Vecente, tiro al volo di De Vena, il portiere devia oltre la traversa. 


Al 22’ verticalizzazione di Foggia, allunga di testa De Vena per Defendi, che a tu per tu col portiere, si fa deviare di pugno in angolo il tiro. Al 24’ clamoroso errore del direttore di gara: De Vena salta Camigliano, come ultimo uomo, ma viene platealmente fermato fallosamente, il sig.Luciano invece di estrarre il cartellino rosso, decide di ammonire il giocatore, tra le proteste dei giocatori melfitani e del pubblico. La Juve Stabia si fa vedere dopo la mezz’ora di gioco, al 32’ con una punizione che va oltre la traversa di Marotta. Al 38’ presunta gomitata ricevuta da Defendi, lontano dal pallone, nessuno della terna segnala questa infrazione di gioco. Al 46’ occasione da gol del Melfi: cross di Vicente dalla trequarti di campo,Foggia stop di petto e conclusione centrale bloccata dal portiere. 


Al 47’, Rosafio, appena entrato da un minuto,nella propria metà campo.salta tre avversari, appena entrato in area di rigore,trova l’angolino basso alla sinistra del portiere. Risponde il Melfi con Obeng al 50, su corner di Vicente,girata di destro, palla a lato. Al 68’ gol annullato al Melfi per una carica al portiere da parte di Defendi, su un tiro-cross di Lodesani, la palla arriva a Foggia che mette dentro. All’80’ cross di Cancellotti dalla destra per Sandomenico, che in area piccola colpisce di testa,palla centrale e preda del portiere. 


Il Melfi all’81’ accorcia le distanze, bravo Obeng, su cross di Mangiacasale, De Vena di testa anticipa il portiere, la palla giunge al centrocampista del Melfi, che di piatto mette dentro. La Juve Stabia viene spaventato dal Melfi, ma solo in una occasione, all’83’ con De Vena, tutto solo in area piccola, ritarda la conclusione, che viene deviato in fallo laterale da un avversario. Non succede più nulla fino al triplice fischio finale di un contestato direttore di gara.
Lorenzo Zolfo


 INTERVISTE FINE PARTITA

Mister Bitetto, contento della prova dei suoi giocatori ed annuncia novità per la ripresa del campionato: “ pur giocando contro la vice capolista non abbiamo sofferto affatto. La Juve Stabia è stata brava nel pressarci e a non farci giocare, anche se ha giocato la più brutta partita della stagione. Aver perso questa partita per due nostre ingenuità, è un rimpianto.Speravamo di guadagnare punti, purtroppo non è stato così, doveva essere la partita del riscatto.Le nostre vertticalizzazioni hanno creato non poche difficoltà agli avversari.Qualcosa cambieremo in vista della ripresa del campionato”.

Mister Fontana in casa Juve Stabia è soddisfatto: “ chiudiamo una fase di campionato in positivo, nonostante diversi giocatori influenzati. Non dovevamo concedere spazi al Melfi, dobbiamo crescere di più dal punto di vista mentale. Cerco più coesione in questa squadra, per ritrovare più lucidità, amalgama e più cattiveria  in campo. Questa sosta di campionato ci voleva per recuperare energie fisiche e mentali, prima della ripresa del campionato”.

Lorenzo Zolfo

Commenti

Post popolari in questo blog

Nota congiunta Irccs Crob - Aor San Carlo su post Facebook Conte

Il direttore generale dell’Irccs Crob Giovanni Battista Bochicchio, e il commissario dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Rocco Alessandro Maglietta stigmatizzano con forza il comportamento dell’attuale responsabile amministrativo della centrale operativa degli screening oncologici regionali, Salvatore Conte, sulla vicenda scaturita a seguito di un suo post pubblico su Facebook dai contenuti e dai toni inaccettabili. I vertici delle due direzioni ospedaliere, alla luce delle richieste di intervento nelle dimissioni del dott. Conte pervenute da più parti, evidenziano come il responsabile amministrativo della centrale operativa degli screening oncologici non sia un dipendente della pubblica amministrazione facente capo ad una delle due strutture, bensì un dipendente dell’azienda Fora spa di Parma vincitrice dal 2013 di una gara ad evidenza pubblica indetta dalla Regione Basilicata. Rimane la gravità della condotta tenuta da un dirigente che ricopre un incarico impo…

GIOVEDI SU RAI UNO A 'LA VITA IN DIRETTA': RAPOLLA (PZ) e il PARCO URBANO DELLE CANTINE

Ribalta nazionale per la riuscitissima edizione 2018 per il Parco Urbano delle Cantine di Rapolla, presenti le telecamere della nota trasmissione 'La Vita in Diretta' in onda su Rai Uno, che offriranno un ricco e interessante servizio che sarà trasmesso Giovedi 18 ottobre a partire dalle ore 16.30. Grande riscontro ottenuto, anche superiore alle più rosee aspettative, considerando le ottime condizioni meteo e nonostante i numerosi eventi concomitanti in diverse località del Vulture Alto Bradano e resto del potentino, che non hanno affatto scalfito numeri da record per la comunità rapollese, con molti pullman provenienti da ogni parte del sud e tantissimi camper che sono stati parcheggiati nel campo sportivo e nelle apposite aree predefinite. Un evento che si distingue sempre più per la sua originalità, lo scenario, il contesto, l'unicità delle pietanze agroalimentari e piatti tipici, che ha catturato l'attenzione anche del popolare programma televisivo, con apprezzam…

Successo a Venosa per il Festival dei Cinque Continenti, tra cucina e spettacoli

Apprezzata la sfida gastronomica tra sindaci, insieme agli artisti italiani e internazionali 

Venosa ha ospitato la quattordicesima edizione del Festival dei Cinque Continenti, la rassegna di spettacoli e arte ideata dall’associazione culturale “Il Circo dell’Arte” e organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Venosa. 


Una serata di spettacoli di circo contemporaneo e musica, che ha animato Piazza Orazio, per concludersi in Largo Vescovado, nei pressi della Concattedrale di Sant’Andrea e del Museo Episcopale. 


A precedere le esibizioni di artisti e compagnie internazionali, la grande novità di quest’anno: lo show cooking “Vi racconto il mio primo - 4 sindaci ai fornelli”. 


L’evento è iniziato con l’attesa sfida ai fornelli tra i sindaci di quattro comuni, ognuno in rappresentanza di una provincia diversa: Umberto Di Michele, sindaco di Carapelle (Foggia), Beniamino Palmieri, sindaco di Montemarano (Avellino), Andrea Bernardo, sindaco di Colobraro (Matera) e …

Ginestra (Pz) 14 ottobre 2018. Al borgo dei Sapori Arbereshe, non solo cibo arbereshe, ma anche musica e poesia con Mogol, paroliere e produttore discografico

Un 14 ottobre 2018 da ricordare nel piccolo centro arbereshe, ospite al "Borgo dei Sapori Arbereshe" il noto autore di canzoni: Mogol, paroliere di 2000 canzoni e di 523 milioni di dischi.  Alla presenza di Patrizia Minardi, dell'ufficio cultura e turismo della Regione Basilicata, Ulderico Pesce, rigista e attore lucano, collaboratore, insieme all'amministrazione comunale, guidata da Fiorella Pompa, di questo evento, che rientra tra i beni immateriali della Regione Basilicata e dei due gruppi musicali, la Rigillo's Band (composta da Annamaria Rigillo alla voce, Dino Rigillo alla chitarra, Raffaele Rigillo al piano, Michele Rigillo al basso e Corrado Aloise alla batteria) Gruppo "Stil Novo" (Raffaele Giuliano, Leo Giuliano, Cinzia G, Lorenzo P.Vincenzo Dorsi e Daniele) e la cantante Roberta Langone (che ha stupito il numeroso pubblico presente con la canzone "Oro" di Mango e scritta da Mogol) che hanno eseguito alcuni dei suoi brani cel…

Il manganese oltrepassa la 106 Jonica: spunta in falda un refrigerante oltre l'area ENEA

Grazie all'impegno congiunto di Mediterraneo No-Triv e Cova Contro abbiamo ottenuto altri dati sulla contaminazione di falda dell'Itrec-Enea. Infatti relativamente ai piezometri di recente costruzione è rilevabile che nei prelievi relativi al mese di luglio 2018, nel piezometri spb1 - 5, oltre la SS106, il manganese la fa da padrone: si oscilla tra i 146 mcg/l (soglia di legge 50 ) ed i 682 mcg/l, quindi ben oltre 10 volte la soglia di legge. Incomprensibile è la mancata ricerca nelle analisi di tallio, vanadio ed idrocarburi totali già rinvenuti da Sogin in analisi precedenti nei suoli come nelle acque. Manca come al solito la ricerca di fenoli, bario ed altre sostanze, come prescritto dal dlgs 152/06. Inspiegabile ad oggi come piezometri poco distanti tra loro possano vedere oscillare così pesantemente i valori del manganese che passano da 150 circa di media ai 682 del piezometro spb3. Le analisi con le relazioni annesse non fugano altri dubbi: da dove vengono gli altri m…

Pignola. Lotta alla criminalita' il valoroso coraggio del maresciallo dei carabinieri Agatino Di Matteo

Il Comune di Pignola in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Pignola, organizzano il convegno “Lotta alla Criminalità: Il valoroso coraggio del Maresciallo dei Carabinieri Agatino Di Matteo”, Vittima del Dovere e insignito della Medaglia di Bronzo al Valore dell’Arma dei Carabinieri. Attraverso l’esperienza del Maresciallo Di Matteo, l’Amministrazione Comunale e la Dirigente Scolastica , intendono sensibilizzare i giovani della comunità Pignolese sul tema della legalità, attraverso una testimonianza diretta e concreta di un uomo che ha votato la propria esistenza alla giustizia e alla sicurezza del nostro Paese. Il M.llo CC. Agatino Di Matteo, e’ nato a Taranto, figlio di genitori lucani da anni vive a Pignola. L’ episodio sanguinoso, in cui si trovo’ coinvolto Agatino Di Matteo risale alla notte tra il 4 e il 5 giugno 1981, quando, insieme ad altro Carabiniere in servizio di perlustrazione sulla strada provinciale nel territorio, Brindisino notavano una macchina di c…

VENOSA. LA CITTADINA ORAZIANA PROTESTA PER LA SCELTA DELLA RAI DI FARE" L’ANNO CHE VERRA’" A MATERA

La notizia apparsa lo scorso 16 ottobre sull’agenzia Ansa Basilicata nella quale la Rai Com decide di proporre Matera come sede dell’”Anno che Verrà” il 31 dicembre 2018 ha fatto indispettire amministratori, associazioni turistiche e cittadini di Venosa. La Rai ha motivato questa scelta dicendo: “non si può non tenere conto che la città dal 1 gennaio 2019 sarà la Capitale Europea della Cultura e diventerà la protagonista assoluta del panorama culturale italiano e europeo. Invece per la città di Venosa potrebbe essere indicata per l'edizione 2019/2020 previa una serie di verifiche tecniche e organizzative che dovranno essere effettuate". Carmela Sinisi, assessore alla Cultura del Comune di Venosa, non la pensa come la Rai e dice: “ sono furiosa. Sarebbe utile conoscere sviluppi e retroscena dei luoghi in cui si decide. A noi tocca sapere le cose in questo modo e urtarsi oltre modo. Io scenderei in piazza per chiedere dialogo e chiarimenti”. Michele Duino, presidente della pr…

Rinnovato il consiglio di amministrazione dell’Università della Basilicata

L’Unibas ha rinnovato il consiglio di amministrazione dell’Ateneo: il nuovo cda è composto dalla Rettrice (con funzioni di presidente), Aurelia Sole, dai docenti Ferdinando Di Carlo, Ruggero Ermini e Giovanni Salzano (componenti appartenenti alla comunità accademica in servizio nell'Università), da Mara Rosaria Belviso (componente appartenente al ruolo del personale dirigente e tecnico-amministrativo dell’Ateneo), da Pasquale Carrano e Luigi Gay (componenti esterni non appartenenti ai ruoli dell'Università), da Micaela Triunfo e Giovanni Albini (rappresentanti degli studenti biennio accademico 2017-2019), dal Prorettore vicario, senza diritto di voto, Michele Perniola, e dal Direttore generale, senza diritto di voto e con funzioni di segretario, Lorenzo Bochicchio. La Rettrice, nell’augurare buon lavoro al nuovo consiglio di amministrazione, ha ringraziato per l’impegno svolto in questi anni nel cda, Saverio Calia e Antonio Colangelo, il professor Francesco Panarelli, nuovo di…

Live stream di LeCronache TV

TOLVE. Incontro sulla "Lotta alla Criminalità"

Il Comune di Tolve in collaborazione con l’ Istituto Scolastico I.C. "F. Giannone", organizzano il convegno “Lotta alla Criminalità: Il valoroso coraggio del Maresciallo dei Carabinieri Agatino Di Matteo”, Vittima del Dovere e insignito della Medaglia di Bronzo al Valore dell’Arma dei Carabinieri. Attraverso l’esperienza del Maresciallo Di Matteo, l’Amministrazione Comunale e la Dirigente Scolastica , intendono sensibilizzare i giovani della comunità di Tolve sul tema della legalità, attraverso una testimonianza diretta e concreta di un uomo che ha votato la propria esistenza alla giustizia e alla sicurezza del nostro Paese. Il M.llo CC. Agatino Di Matteo, e’ nato a Taranto, figlio di genitori lucani da anni vive a Pignola. L’ episodio sanguinoso, in cui si trovo’ coinvolto Agatino Di Matteo risale alla notte tra il 4 e il 5 giugno 1981, quando, insieme ad altro Carabiniere in servizio di perlustrazione sulla strada provinciale nel territorio, Brindisino notavano …