Passa ai contenuti principali

Un nostro ricordo nel 10° anniversario della sua morte CARLO BISACCIA, ARTIGIANO E BARONE


Ha onorato il suo paese, Ripacandida, con l’arte di ebanista e con la cultura. 
di Michele Traficante 

Ripacandida (l’antica Candida Latinorum), circa duemila abitanti, posto a cappuccio su un’amena collina di fronte al monte Vulture, è un paese come tanti altri della Basilicata. Qui, fino a qualche decennio fa, ogni mattina un umile artigiano apriva la sua modesta bottega per una giornata di duro lavoro. Era Carlo Bisaccia nato a Ripacandida il 2 dicembre 1930, dai capelli brizzolati ma sempre intraprendente e scattante come un giovanotto, uno dei più valenti ed apprezzati falegnami della zona.

Più di una volta ci siamo recati nella sua bottega e vederlo destreggiarsi alle prese con i suoi attrezzi di lavoro ( attrezzi di altri tempio ormai scomparsi nelle attuali falegnamerie), era come fare un tuffo nel passato. La perizia e la passione che Carlo Bisaccia metteva nell’esecuzione dei suoi lavori, specie intagli e decorazioni nel legno, erano ammirevoli. Ma chi l’avrebbe detto che sotto l’umile veste del pur valente artigiano si nascondesse un nobile, nel senso araldico della parola? E’ proprio così. 


Carlo Bisaccia, in base a ricerche documentate e a riconoscimenti ufficiali, era l’ultimo erede della nobile famiglia Bisaccia il cui capostipite è fatto risalire a Guglielmo Bisaccia che visse verso l’anno 1110, al tempo di Guglielmo II d’Altavilla e che fu barone e signore di Bisaccia e Monteverde, nella vicina Irpinia. Il titolo nobiliare ereditario di barone della reale Casa Normanna d’Altavilla, è stato ufficialmente riconosciuto a Carlo Bisaccia il 16 febbraio 1982. Il 6 giugno 1986 è stato riconosciuto anche Cavaliere ereditario del Cingolo militare dell’Ordine nobiliare della dinastia Normanna. Inoltre è stato insignito pure della Croce di Cavaliere della Repubblica ( decreto del 2 giugno 1982). Ma il barone Carlo Bisaccia ha dimostrato di sapere maneggiare la storia con la stessa eccezionale maestria con cui lavorava il legno. Da approfondite ricerche storiche , durate parecchi anni, sulle origini del suo casato, ha pubblicato i volumi dal titolo significativo “Un Barone a Ripacandida” (1988) e Un Barone a Ripacandida Storia del casato Bisaccia dal XI secolo al Regno delle Due Sicilie” (1991). Carlo Bisaccia, forte degli insegnamenti dei suoi maestri di vita (che ricorda con affetto e gratitudine, fra cui l’insegnante di scuola elementare Luigi Anastasia, il maestro ebanista Giuseppe Guerrieri e il maestro di musica Giuseppe Castelli) ha nutrito un profondo amore ed attaccamento per il suo luogo natio, tanto da dedicare tempo e denaro per la conoscenza della sua storia, dei suoi costumi, usanze e cultura. Ha così pubblicato ancora: “Origini storiche di Ripacandida e Circondario (1991), Ricordi Nostalgici, dialetto ripacandidese e sue origini (1995), Il Vulture, Paesi, aspetti e personaggi ( 2000), Ripacandida Pubblico Giardino ( 2003), Attività di un tempo e i mestieri scomparsi ( 2006) Pubblicato alcuni mesi prima della morte. Sono opere impegnative, frutto non solo di attente, lunghe e dispendiose ricerche ( da vero topo d’archivio), ma anche di grande pregnanza culturale ed educativa. Egli è riuscito, con destrezza ed intelligenza , a fotografare caratteristici quadretti di vita paesana, dando una testimonianza delle vita pratica, del linguaggio dialettale (assai preziosa la parte etimologica da trasmettere alla future generazioni), delle usanze dei tempi andati del suo paese e del circondario. Interessante il piccolo dizionario delle parole ripacandidesi, con origine e derivazioni, detti dei mestieri quasi del tutto scomparsi. Insomma un patrimonio di parole in vernacolo ripacandidese che consente di penetrare nell’animo del popolo minuto e conoscerne le usanze, il carattere di gente di borgata, la fierezza tipica del lucano, l’arguzia del buon lavoratore della terra. Aspetti e personaggi che hanno dato lustro e dignità alla comunità di Ripacandida. Tanto da suscitare tanta ammirazione per la tenacia e la competenza con cui si avvicinava ai fatti e ai personaggi relativi alla vita del suo paese e non solo. Un’ammirazione sempre crescente perché scaturita dalla consapevolezza che Carlo Bisaccia, umile ma nobile artigiano, abile nel maneggiare gli arnesi da lavoro e infaticabile cultore del passato si è mostrato, da autodidatta, abilissimo nel maneggiare la penna. E sì che Carlo Bisaccia per i suoi lavori editoriali ci ha rimesso non poco del suo scarso peculio. Uno schiaffo morale per tanti cosiddetti intellettuali che si fregiano di titoli altisonanti ( diploma, laurea, dottorati ecc.) , ma incapaci di concretizzare e produrre nulla di culturalmente valido e meritevole di considerazione. Immancabilmente all’uscita di ogni suo volume seguiva la presentazione presso un noto ristorante di Monticchio Laghi. Venivano invitati amici più cari ( anche noi fra questi) e parenti, personalità politiche e uomini di cultura, che partecipavano con entusiasmo portando il loro contributo di idee, di apprezzamento e d’incoraggiamento nei confronti dell’autore. Questi alcuni giudizi. “ Pur non avendo il rigore scientifico proprio delle opere storiche, il lavoro di Carlo Bisaccia, prodotto da un autodidatta, merita la massima considerazione ed apprezzamento. Esso colma un vuoto offrendo uno spaccato delle vita economica, sociale e religiosa di Ripacandida” ( Giampaolo D’Andrea, docente presso l’Università della Basilicata e storico). “ L’amore per la propria terra e il desiderio di contribuire ancora una volta a farne conoscere gli avvenimenti e le persone di un passato remoto o recente hanno spinto Carlo Bisaccia a scrivere un nuovo libro. E ancora una volta bisogna apprezzarne il generoso e coraggioso tentativo di trattare- e con molta ampiezza - argomenti che in effetti possono esigere competenze storicistiche e perfino linguistiche approfondite”( Aurelio Sinisi, già direttore generale del Ministero delle Pubblica Istruzione). Giampaolo D’Andrea nella prefazione al volume “ Ripacandida Pubblico Giardino scrive, fra l’altro: “Quello che ci consegna Bisaccia è già molto e dobbiamo essergli grati per lo sforzo di ricostruire il percorso storico di un centro come Ripacandida che può vantare una tradizione particolarmente ricca e significativa”. I cittadini di Ripacandida gli dovranno essere profondamente grati! Carlo Bisaccia rimase celibe, non ebbe figli e trascorse gli ultimi tempi della sua vita ( ormai malato) presso alcuni parenti a Belluno ove si spense il 4 dicembre 2006. Per sua espressa volontà la sua salma è stata trasportata a Ripacandida ove nel cimitero una modesta sepoltura ne custodisce le spoglie.

Commenti

Post popolari in questo blog

Non si finisce mai!!! Un'altro incidente sulla via della Morte.

Non passa settimana, senza un incidente sulla Potenza-Melfi. Questa mattina, ennesimo scontro tra autovetture.  Verso le ore 6:00 nei pressi di San Nicola di Melfi, scontro frontale tra due auto sulla strada provinciale. Quattro le persone rimaste ferite. Una donna, di Barile,  che viaggiava in una delle auto coinvolte, è stata ritrovata fuori dal veicolo e trasportata d’urgenza al San Carlo di Potenza.
Pino Di Lucchio

Rapone. Prima Festa di Santità dei pastorelli di Fatima Santi Francesco e Giacinta

A Rapone piccolo paese del vulture tutto pronto per dare inizio alla prima festa di Santità dei Pastorelli di Fatima Francesco e Giacinta. Il 13 febbraio hanno iniziato con un'ora eucaristica dedicata a Suor Lucia la terza pastorella che rimase in vita per scrivere fino agli ultimi tempi nel 2005 tutto quello che lei ricordava delle apparizioni di Fatima .Sabato 17 febbraio alle ore 19:00 in chiesa Madre convegno sulla spiritualità adulta dei Santi Pastorelli. Interverranno: Padre Valter Arrigoni Monaco, il sindaco di Rapone Ing. Lorenzo Felicetta, la referente del Movimento del Messaggio di Fatima della Basilicata De Luca Vita, il parroco don Giovanni De Palma. Un convegno dedicato tutto alla spiritualità dei bambini diventati Santi come mai la Madonna apparve a tre bambini?, forse perchè i bambini sono la chiave del nostro futuro? 

Vi aspettiamo a Rapone per rispondere insieme a tante domande del mistero delle Apparizioni della Madonna ai tre pastorelli. Martedì 20 febbr…

Potenza. Da febbraio, al San Carlo, attivato il servizio ambulatoriale di Ipnosi Clinica. Responsabile il prof. Carlo Antonelli di Palazzo San Gervasio

L’Ospedale San Carlo di Potenza dal 1 febbraio si arricchisce di un altro servizio, quello della Terapia del Dolore, offrendo un servizio ambulatoriale di Ipnosi clinica. E’diventato attivo presso l’Unità Dipartimentale di Terapia del Dolore diretta dal Dottor Antonio Giardina il nuovo Ambulatorio di Ipnosi Clinica. Nell’ambito del territorio Nazionale, rappresenta un raro esempio e sforzo nell’ottica di una gestione multidisciplinare dell’esperienza di dolore. L’ambulatorio è gestito da Carlo Antonelli, Terapista del Dolore e specialista in Ipnosi Clinica e Psicoterapia, e sarà orientato al trattamento del dolore cronico non oncologico, non rispondente o gestibile in modo adeguato con i consueti protocolli terapeutici e nel quale siano determinanti e ragionevolmente modulabili componenti cognitive ed emotive del dolore globale. L’accesso sarà mediato da una prima visita algologica che valuterà l’opportunità di un ricorso all’ipnosi, come prima linea o come terapia di support…

TG7 Basilicata 8 Febbraio 2018 - 3.Edizione

Vaglio Basilicata. Stage Tecnico di Karate (1) Centro Karate Shotokan. Maestro Mimmi Lacerenza  Intervento di dott. Giancarlo Tamburrino - Sindaco di Vaglio Basilicata

Appuntamento Domenica 18 Febbraio con il Carnevale di Lavello

Manca solo un giorno al grande evento del Carnevale di Lavello. C'è tanta attesa per la meravigliosa sfilata dei carri e della maschera lavellese "il domino". Quest'anno l'evento è reso ancora più eccezionale dal successo ottenuto dal "Domino" al Carnevale di Venezia, dove ha rappresentato la Basilicata, e al Bit di Milano. Un successo ottenuto dall'amministrazione Comunale in un opera di recupero, tutela e valorizzazione del patrimonio immateriale culturale.



Nell'antica tradizione lavellese, il Domino, Indossa una lunga tunica in raso con cappuccio e una mantella che copre spalla e braccia. Sono vestiti rosso, il colore del popolo. Ogni sabato sera, nel periodo compreso tra il 17 gennaio e il sabato successivo al giorno delle ceneri, animano i “festini”: fino al mattino si radunano per ballare mascherati per nascondere la propria identità. Sono i “Domini”, maschera di Carnevale tipica di Lavello.



L’idea è quella di far diventare il carnevale un a…

Domani a Palazzo San Gervasio Don Roberto, il prete-dj che fa la parodia dello Stato Sociale

Manca davvero poco domani finalmente sarà con noi Don Roberto Fiscer, non mancare alla S. Messa a Palazzo San Gervasio, sarà un'esperienza unica.
Prima faceva il dj sulle navi da crociera, adesso è un prete. Così, don Roberto Fiscer ha trasformato la canzone dello Stato Sociale “Una vita in vacanza” in “Una vita in preghiera“. Dopo il successo dello scorso anno, ottenuto con “Lo vinci con quest’arma“, parodia sempre in chiave religiosa della celebre “Occidentalìs Karma“, don Roberto prova a fare il bis, reinterpretando un altro tormentone di Sanremo. Uscendo da Sanremo e arrivando in chiesa, il ritornello di “Una vita in vacanza” diventa: “Una vita in preghiera è la gioia più vera con il Regno che avanza e tutta la Chiesa che suona e che canta per un mondo diverso e che vinco se perdo e Gesù che ci rende migliori la gente che dice e che pensa ‘sei fuori'”. E così in due giorni superale 4500 visualizzazioni. Insomma, il prete-dj riscuote un grande successo con le sue canzoni e…

IL TECNICO FEDERALE CREMONINI DOMENICA A MELFI

Il responsabile federale del settore minibasket farà visita alla Normanna Basket Melfi nel suo giro tra 175 società scelte per il loro ottimo lavoro con i più piccoli in tutta Italia Il lavoro paga e se si lavora bene, con i tecnici giusti e senza fretta, investendo sui giovani, i risultati non tardano poi ad arrivare. Per questo possiamo dire che il momento e' sicuramente d'oro per la Normanna basket che è stata scelta, con altre 175 società in tutta Italia, proprio per il suo lavoro nei settori giovanili, per uno stage in cui riceverà la visita del tecnico federale Maurizio Cremonini, la prossima domenica 18 febbraio. Sarà un momento di grande prestigi o per Melfi e la nostra società, con tecnici, ragazzi, dirigenti, genitori, tifosi che incontreranno colui che è responsabile del minibasket e del settore scuola della federazione e li si potrà dialogare con lui, seguire i suoi corsi o ascoltare i suoi consigli e le varie nuove metodologie x coinvolgere sempre più i ragaz…

Tre lievi scosse nel Potentino

Tre scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 2.8, le altre di 2.1, sono state registrate nel Potentino tra le ore 9.49 e le 10.07. L'epicentro è stato tra Muro Lucano, Bella, Castelgrande, Balvano e Ricigliano. Non ci sono danni a persone e cose.

Pino Di Lucchio

MELFI 17 FEBBRAIO 2018.UN SUCCESSO IL CARNEVALE DEI GIGANTI.COINVOLTI DISABILI DEL CENTRO AIAS E MIGRANTI PER UNA PERFETTA INTEGRAZIONE

Nella cittadina federiciana il Carnevale 2018 si è concluso nel migliore dei modi. Sabato scorso è stato portato a termine il “Corteo dei Giganti”Tanti personaggi coinvolti, dai componenti del centro Aias ai migranti, dai campanacci di San Mauro Forte, ai medici della peste. Un corteo dei giganti che ha soddisfatto sia gli organizzatori (in primis l'amministrazione comunale nella persona del vice Sindaco Raffaele Nigro), la tanta gente presente e soprattutto i personaggi. Entusiasmanti i componenti dei Campanacci di San Mauro Forte, che per circa due ore hanno trasmesso il suono di queste campane tra la folle delirante. 

Domenico D'Eufemia rappresentante della pro-loco di San Mauro Forte ha riferito: " siamo felici di aver preso parte ad un carnevale che ha coinvolto tanti personaggi e catalizzato l'attenzione di tanta gente. Pensiamo di aver portato un forte messaggio col suono caratteristico delle nostre campane, visto che il nostro carnevale è entrato a far…

L'Alta Moda Italiana di Michele Miglionico a Buckingham Palace - Londra

In occasione della presentazione delle Credenziali dell’Ambasciatore d’Italia S.E. Raffaele Trombetta, la consorte Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un abito di Alta Moda firmato dallo stilista Michele Miglionico. 
L’Ambasciatore S.E. Raffaele Trombetta ha presentato a Londra le Credenziali alla Corte di San Giacomo al cospetto di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. La cerimonia, come vuole la tradizione, si è svolta a Buckingham Palace. 

Per questa occasione Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un outfit di Alta Moda a firma dello stilista italiano Michele Miglionico. Un tailleur rosso lacca composto da una giacca di lana e seta matelassè intarsiata di pizzo macramè nero e gonna di duchesse di seta rossa dalla linea a matita con un sopragonna di tulle point d’esprit nero ricamato motivo tartan nei colori grigio e rosso.  Alla fine della cerimonia delle Credenziali, un Vin d’Honneur è stato offerto in Residenza per festeggiare l…