Passa ai contenuti principali

Un nostro ricordo nel 10° anniversario della sua morte CARLO BISACCIA, ARTIGIANO E BARONE


Ha onorato il suo paese, Ripacandida, con l’arte di ebanista e con la cultura. 
di Michele Traficante 

Ripacandida (l’antica Candida Latinorum), circa duemila abitanti, posto a cappuccio su un’amena collina di fronte al monte Vulture, è un paese come tanti altri della Basilicata. Qui, fino a qualche decennio fa, ogni mattina un umile artigiano apriva la sua modesta bottega per una giornata di duro lavoro. Era Carlo Bisaccia nato a Ripacandida il 2 dicembre 1930, dai capelli brizzolati ma sempre intraprendente e scattante come un giovanotto, uno dei più valenti ed apprezzati falegnami della zona.

Più di una volta ci siamo recati nella sua bottega e vederlo destreggiarsi alle prese con i suoi attrezzi di lavoro ( attrezzi di altri tempio ormai scomparsi nelle attuali falegnamerie), era come fare un tuffo nel passato. La perizia e la passione che Carlo Bisaccia metteva nell’esecuzione dei suoi lavori, specie intagli e decorazioni nel legno, erano ammirevoli. Ma chi l’avrebbe detto che sotto l’umile veste del pur valente artigiano si nascondesse un nobile, nel senso araldico della parola? E’ proprio così. 


Carlo Bisaccia, in base a ricerche documentate e a riconoscimenti ufficiali, era l’ultimo erede della nobile famiglia Bisaccia il cui capostipite è fatto risalire a Guglielmo Bisaccia che visse verso l’anno 1110, al tempo di Guglielmo II d’Altavilla e che fu barone e signore di Bisaccia e Monteverde, nella vicina Irpinia. Il titolo nobiliare ereditario di barone della reale Casa Normanna d’Altavilla, è stato ufficialmente riconosciuto a Carlo Bisaccia il 16 febbraio 1982. Il 6 giugno 1986 è stato riconosciuto anche Cavaliere ereditario del Cingolo militare dell’Ordine nobiliare della dinastia Normanna. Inoltre è stato insignito pure della Croce di Cavaliere della Repubblica ( decreto del 2 giugno 1982). Ma il barone Carlo Bisaccia ha dimostrato di sapere maneggiare la storia con la stessa eccezionale maestria con cui lavorava il legno. Da approfondite ricerche storiche , durate parecchi anni, sulle origini del suo casato, ha pubblicato i volumi dal titolo significativo “Un Barone a Ripacandida” (1988) e Un Barone a Ripacandida Storia del casato Bisaccia dal XI secolo al Regno delle Due Sicilie” (1991). Carlo Bisaccia, forte degli insegnamenti dei suoi maestri di vita (che ricorda con affetto e gratitudine, fra cui l’insegnante di scuola elementare Luigi Anastasia, il maestro ebanista Giuseppe Guerrieri e il maestro di musica Giuseppe Castelli) ha nutrito un profondo amore ed attaccamento per il suo luogo natio, tanto da dedicare tempo e denaro per la conoscenza della sua storia, dei suoi costumi, usanze e cultura. Ha così pubblicato ancora: “Origini storiche di Ripacandida e Circondario (1991), Ricordi Nostalgici, dialetto ripacandidese e sue origini (1995), Il Vulture, Paesi, aspetti e personaggi ( 2000), Ripacandida Pubblico Giardino ( 2003), Attività di un tempo e i mestieri scomparsi ( 2006) Pubblicato alcuni mesi prima della morte. Sono opere impegnative, frutto non solo di attente, lunghe e dispendiose ricerche ( da vero topo d’archivio), ma anche di grande pregnanza culturale ed educativa. Egli è riuscito, con destrezza ed intelligenza , a fotografare caratteristici quadretti di vita paesana, dando una testimonianza delle vita pratica, del linguaggio dialettale (assai preziosa la parte etimologica da trasmettere alla future generazioni), delle usanze dei tempi andati del suo paese e del circondario. Interessante il piccolo dizionario delle parole ripacandidesi, con origine e derivazioni, detti dei mestieri quasi del tutto scomparsi. Insomma un patrimonio di parole in vernacolo ripacandidese che consente di penetrare nell’animo del popolo minuto e conoscerne le usanze, il carattere di gente di borgata, la fierezza tipica del lucano, l’arguzia del buon lavoratore della terra. Aspetti e personaggi che hanno dato lustro e dignità alla comunità di Ripacandida. Tanto da suscitare tanta ammirazione per la tenacia e la competenza con cui si avvicinava ai fatti e ai personaggi relativi alla vita del suo paese e non solo. Un’ammirazione sempre crescente perché scaturita dalla consapevolezza che Carlo Bisaccia, umile ma nobile artigiano, abile nel maneggiare gli arnesi da lavoro e infaticabile cultore del passato si è mostrato, da autodidatta, abilissimo nel maneggiare la penna. E sì che Carlo Bisaccia per i suoi lavori editoriali ci ha rimesso non poco del suo scarso peculio. Uno schiaffo morale per tanti cosiddetti intellettuali che si fregiano di titoli altisonanti ( diploma, laurea, dottorati ecc.) , ma incapaci di concretizzare e produrre nulla di culturalmente valido e meritevole di considerazione. Immancabilmente all’uscita di ogni suo volume seguiva la presentazione presso un noto ristorante di Monticchio Laghi. Venivano invitati amici più cari ( anche noi fra questi) e parenti, personalità politiche e uomini di cultura, che partecipavano con entusiasmo portando il loro contributo di idee, di apprezzamento e d’incoraggiamento nei confronti dell’autore. Questi alcuni giudizi. “ Pur non avendo il rigore scientifico proprio delle opere storiche, il lavoro di Carlo Bisaccia, prodotto da un autodidatta, merita la massima considerazione ed apprezzamento. Esso colma un vuoto offrendo uno spaccato delle vita economica, sociale e religiosa di Ripacandida” ( Giampaolo D’Andrea, docente presso l’Università della Basilicata e storico). “ L’amore per la propria terra e il desiderio di contribuire ancora una volta a farne conoscere gli avvenimenti e le persone di un passato remoto o recente hanno spinto Carlo Bisaccia a scrivere un nuovo libro. E ancora una volta bisogna apprezzarne il generoso e coraggioso tentativo di trattare- e con molta ampiezza - argomenti che in effetti possono esigere competenze storicistiche e perfino linguistiche approfondite”( Aurelio Sinisi, già direttore generale del Ministero delle Pubblica Istruzione). Giampaolo D’Andrea nella prefazione al volume “ Ripacandida Pubblico Giardino scrive, fra l’altro: “Quello che ci consegna Bisaccia è già molto e dobbiamo essergli grati per lo sforzo di ricostruire il percorso storico di un centro come Ripacandida che può vantare una tradizione particolarmente ricca e significativa”. I cittadini di Ripacandida gli dovranno essere profondamente grati! Carlo Bisaccia rimase celibe, non ebbe figli e trascorse gli ultimi tempi della sua vita ( ormai malato) presso alcuni parenti a Belluno ove si spense il 4 dicembre 2006. Per sua espressa volontà la sua salma è stata trasportata a Ripacandida ove nel cimitero una modesta sepoltura ne custodisce le spoglie.

Commenti

Post popolari in questo blog

STRADA PROVINCIALE N°18 OFANTINA. VENOSA-GAUDIANO. UN AUTOMOBILISTA PER EVITARE LE NUMEROSE BUCHE, ROMPE LA MACCHINA.

DANNI PER 400 EURO. HA CHIAMATO I CARABINIERI CHE SONO INTERVENUTI E FATTO RIPARARE IL DANNO SUBITO. SONO STATI STANZIATI DEI FONDI, A CHI SI ASPETTA AD INTERVENIRE? 
Venosa Ci risiamo con le strade provinciali, procurano più danni, che benefici. E’ il caso della strada provinciale n° 18, che dalla vicina Puglia conduce a Venosa. Da anni questa strada è piena di buche, non è sicuramente un bel biglietto da visita per chi arriva nella cittadina oraziana, in questo periodo pieno di emigranti e qualche turista che la visita per i suoi bellissimi monumenti archeologici. 

Piu’ volte nel passato è stato denunciato dal nostro giornale il degrado di questa strada. La Regione Basilicata ha stanziato dei fondi per il suo miglioramento, sono trascorsi dei mesi e nulla si vede ancora. Intanto alcuni giorni fa un automobilista che dalla vicina Puglia raggiunge Venosa per motivi di lavoro e’ abbastanza infuriato. F.D. le iniziali sui social ha postato questo commento: “ Volevo ringraziare cal…

Venosa 6 Agosto 2018. Un successo lo spettacolo di danza di fine settimana di ArtFest. Artisti di tutto il mondo hanno entusiasmato il numeroso pubblico presente

Lo scorso 6 Agosto al cine-teatro Lovaglio con il “Gala, invito alla Danza” è stata portata a termine la settimana delle Arti Coreutiche “ArtFest” con ballerini di fama internazionale. Si sono esibiti, davanti ad una platea dalle grandi occasioni, artisti del Teatro alla Scala di Milano (Claudio Coviello,1° ballerino, Vittoria Valerio, Christian Fagetti,Marta Gerani), Teatro dell’Opera di Roma (Michele Satriano, Susanna Salvi), Los Angeles Ballet (Petra Conti) e del Ballet du Capitolu Toulouse (Davit Galstyan). 

Una produzione Etra, a cura di Piergianni Manca e Claudio Coviello. Segreteria d produzione: Pietro Loconte. Coordinamento organizzativo: Walter Madau, Carmen Vella e Sara Defeudis- Coordinamento tecnico: Vincenzo Pacilio. L’evento rientrava nell'ambito della Rassegna Danza Contemporanea 2018 ed è stato realizzato in collaborazione con Teatri Uniti di Basilicata. 

Il programma eseguito:"Anime Salve" con Claudio Coviello,Musica Antonio Vivaldi; "Pipis…

Ieri una data storica per l'auto. Nello stabilimento FCA di Melfi esce l'ultima Punto

Ieri si è chiuso un ciclo per lo storico modello della Punto, che ha segnato la vita di milioni di persone. Un'auto che si è diffusa principalmente tra le famiglie Italiane e nel mondo. Ma è stata anche un riferimento per i giovani, nelle sue versioni più sportive e accattivanti. Un ciclo iniziato nel lontano 1993, concluso ieri 8 Agosto 2018, sul secondo turno lavorativo, nello stabilimento FCA Melfi Plant. Presenti nell'ultima foto di gruppo il Direttore dello Stabilimento di Melfi Nicola Intrevado, lo staff direzionale, gli addetti linea.
Un quarto di secolo, la Fiat Punto ha rappresentato un ponte tra la vecchia e la nuova Fiat. Era il 1993 quando la Fiat Punto raccoglieva la pesante eredità lasciata dalla Uno e si affacciava sul mercato. Capace di catturare da subito l’interesse degli automobilisti, la Punto conobbe da subito un buon successo, aggiudicandosi nel 1995 il premio “Auto dell’Anno” fino a riuscire a superare, nel 1997, le vendite continentali di modelli sacri, c…

A Rapolla l'Associazione "Insieme per un Mondo Unito" propone Vicoli in Festa

Fervono i preparativi dell'Associazione "Insieme per un Mondo Unito" per la manifestazione Vicoli in Festa, che si terrà il 16 Agosto 2018.  Una passeggiata tra i sapori contadini, con Musica, Rappresentazioni Culturali, Giochi e Misteri.  Ricco il programma che parte dalle ore 18.00 con Giochi popolari, Trasformazione del Latte, Esibizione Scuola di Ballo, Rappresentazione della Storia di Rapolla e balli popolari. Dopo ferragosto tutti a Rapolla per gustare e vivere le tradizioni contadine. 

Pino Di Lucchio

A Trivigno “Quando il riciclo si fa moda”

Concorso di eco-fashion: 15 stilisti hanno mostrato il loro talento sostenibile. 
Nella notte di San Lorenzo, sotto un cielo di stelle, si è tenuta a Trivigno la terza edizione del concorso di eco-fashion “Quando il riciclo si fa moda”, originale manifestazione a cura della Pro Loco, finalizzata alla valorizzazione di giovani talenti e alla promozione di un concetto di moda creativo e sostenibile. 

A scendere in passerella gli astri emergenti del riciclo (stilisti, sarti e creativi amatoriali), 15 partecipanti che si sono cimentati nella realizzazione di abiti con materiali non convenzionali: camere d’aria, gusci d’uovo, materiale da pasticceria, guanti in lattice, teli TNT e da pittura e molto altro. I concorrenti in gara provenivano dalla regione e non solo: Trivigno, Potenza, Genzano di Lucania, Pignola, Pomarico, Molfetta. Esperienza unica anche per le modelle, preparate dalla Scuola Nazionale e protagoniste di shooting fotografici professionali. 

Ad avere l’arduo compito di …

CULTURA, CIBO E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO. IL 17 AGOSTO TORNA LA 15ESIMA EDIZIONE DI “LU MUZZ’C” A CURA DELLA PRO LOCO FILIANO

La storia di un territo rio non si legge soltanto nei documenti e nei reperti archeologici, ma si rivive anche nelle manifestazioni con le quali le comunità richiamano alla memoria la cultura contadina che i cambiamenti storici e sociali hanno travolto ma non cancellato. Cultura in senso proprio rivive nella quindicesima edizione della “Giornata tipica del mietitore – Lu Muzz’c”: un evento con al centro il tema della valorizzazione del cibo come strumento di promozione locale. 

“Lu Muzz’c” è una manifestazione enogastronomica che s i tiene il 17 agosto di ogni anno a Filiano ed è organizzata dalla Pro Loco di Filiano, con il patrocinio del Comune di Filiano e dell’UNPLI Basilicata, e con il contributo della Regione Basilicata e dell'A.P.T. di Basilicata. “L’evento Lu Muzz’c - dichiara Vito Sabia della Pro Loco Filiano, uno degli organizzatori storici della manifestazione - rappresenta una chiave di accesso alla comprensione e alla pr…

SUMMER PARTY, moda e cabaret a LAGOPESOLE (PZ).

Evento spettacolo alla vigilia di Ferragosto presso l'area eventi zona PAIP di Lagopesole, proposto e organizzato da Gerardi Pubblicità e Fiere Lucane, il 'Summer Party' con in evidenza moda, cabaret, djset e area food. Ospiti d'eccezione gli attesi cabarettisti del Trio La Ricotta, che riproporranno gli sketch più divertenti e famosi degli ultimi anni per una serata che si annuncia all'insegna della comicità e divertimento. Sulle scene dal 1987, il trio "La ricotta" è diventato un fenomeno nazionale con la riuscita partecipazione alla trasmissione televisiva Zelig. Quel "Zocchè? Zocchè!" che storpia l' espressione inglese "It' s okay" è il simbolo più genuino dell' incapacità dell' uomo medio di adattarsi al progresso ed è ora diventato un tormentone in voga tra gli appassionati. Protagonisti sul palco I fratelli Peppe e Antonio Centola, accompagnati da Mario Ierace, che propongono un' esplorazione divertita tra…

Il 17-18 -19 Agosto 2018 prenderà il via a Barile(Pz) nel suggestivo scenario del Parco Urbano delle Cantine, la XII Edizione di Cantinando Wine&Art

Nella settimana di ferragosto, ritorna puntuale a Barile , Cantinando Wine&Art, festival di musica, cultura, tradizioni popolari ed enogastronomia di qualità ad animare il Parco Urbano delle Cantine di Barile, luogo di grande interesse storico naturalistico, scavato nel tufo nel XV secolo e scelto nel 1964 da Pier Paolo Pasolini come set cinematografico per girare quattro scene del film “Il Vangelo Secondo Matteo”. Filo conduttore dell’evento più atteso del Vulture-Melfese che da dodici anni caratterizza le estati lucane è il rubino della nostra tradizione enogastronomica : l’Aglianico del Vulture. La manifestazione, nata nel 2006 grazie all’Associazione Sisma con l’intento di risvegliare e valorizzare le potenzialità e le risorse della propria terra, questo anno è stata organizzata da un gruppo di persone da sempre vicine e partecipi nell’organizzazione, rappresentati dall’Associazione Torymus con il patrocinio del Comune di Barile, l’UNPLI Basilicata e la collaborazione delle as…

RIPACANDIDA 5 AGOSTO 2018. SI è RINNOVATA LA PROCESSIONE DI SAN DONATO, ALLA PRESENZA DI TANTI EMIGRANTI AMERICANI. TRA QUESTI JOE MIROBALLI DI 94 ANNI DA CHICAGO

Un 5 agosto da ricordare nel centro del Vulture. In occasione della festa in onore di San Donato ritornano tanti emigranti, non solo dal Nord Italia, ma dalla lontana America. In tanti sono giunti da Chicago, e per la prima volta da Arizona. Tra questi Joe Miroballi di 94 anni, dove da giovane ha avuto la fortuna di aprire un negozio di scarpe a Chicago fino a crearne ben 12 negozi anche nei dintorni di Chicago, sistemando tre dei cinque figli (Donato non poteva chiamarlo diversamente con chiaro accostamento a San Donato), Perry e Antonio, mentre gli altri due figli Giuseppe e' diventato un noto avvocato, Michele, un noto bancario, presidente di 30 filiali. Joe non ritornava a Ripacandida da dal 2002, ha incontrato le sorelle Filomena, Lucia e Nina, gli amici: Enrico Gioiosa, Pasquale Potenza e Pasquale Cetta. Joe, insieme ad Enrico, ha ricordato gli anni trascorsi da giovane quando abitava con i genitori nella zona " punta via nova": 

"durante la II guerra …

Megale Hellas Experience, il Sogno degli Dei rivive a Metaponto e Policoro

Dal 13 agosto va in scena il racconto delle origini nei parchi archeologici “Megale Hellas Experience”: un nuovo viaggio nel tempo sta per cominciare. 
“Il Sogno degli Dei”, lo spettacolo teatrale itinerante all’interno dei parchi archeologici, ideato e diretto da Giuseppe Ranoia su drammaturgia di Emanuele Asprella e dello stesso Ranoia, per il quarto anno, è pronto a far rivivere i fasti della Magna Grecia. Grazie all’Ensemble teatro instabile, 13-27 agosto e 7 settembre nel Parco archeologico dell’Area Urbana di Metaponto e 30 agosto e 6-15 settembre nel Parco archeologico di Policoro ( nell’area del Museo Nazionale della Siritide), a partire dalle ore 21, prende vita una vera e propria immersione nella storia attraverso il teatro. A far rivivere il mito di un passato glorioso oltre trenta tra attori, giocolieri e danzatori, con un racconto teatrale, che si snoda all’interno delle aree archeologiche, di grande impatto visivo ed emotivo. Dal passato più remoto, come per incanto, ri…