Passa ai contenuti principali

Melfi: Sanità Futura, i motivi per cui l’ospedale va difeso, riorganizzato e rilanciato.

L’ospedale di Melfi non deve essere abbandonato a se stesso, deve rimanere aperto, ma soprattutto deve funzionare bene, e perché questo accada deve essere gestito bene. Sanità Futura sin dalla sua nascita ha sempre promosso la necessità strategica di realizzare in Basilicata dei poli sanitari moderni ed efficienti nei Comuni al confine con le altre Regioni.
Questi presidi, oltre a servire nel migliore dei modi l’utenza lucana, possono essere dei forti attrattori verso un territorio amplissimo di pazienti, invertendo la tendenza all’emigrazione sanitaria che tanto pesa sui conti della nostra Regione. In questa visione delle cose, la città di Melfi, per questioni storiche, geografiche e di energie disponibili, è perfetta per svolgere un ruolo così importante, è un pilastro sanitario cruciale per l'intera Regione Basilicata. Questo ruolo aiuterebbe a compensare il negativo fenomeno della spoliazione territoriale che ha come suo contraltare l'altro irragionevole fenomeno della concentrazione di servizi su Potenza, destinata anch'essa a soccombere per gli effetti di un'illogica impostazione del sistema. Un sistema di assistenza territoriale ha bisogno di avere un cuore sano e pulsante per poter vivere nella sua interezza. L'ospedale di Melfi è il cuore di un corpo/territorio vastissimo, che va oltre i confini regionali. E' un corpo sano e produttivo che però non potrà sopravvivere se il suo cuore funziona male o addirittura si ferma. Di conseguenza nessun organo di questo corpo sopravvivrebbe ed anche le strutture private accreditate, che sono funzionalmente connesse a questo cuore sarebbero le prime a pagarne il prezzo con la loro stessa vita. Se il cuore muore, l'intero corpo muore, ogni arto, anche se sano muore. Non c'è da opinare. Sanità Futura, che da sempre la pensa così, ha voluto mettere in pratica la sua visione delle cose ed ha contribuito, insieme a una propria struttura associata, la Polimedica di Melfi, a ideare un progetto innovativo, moderno, che si muove con l'idea di una forte connessione con le funzioni dell'ospedale di Melfi: Il Villaggio Salute, legando così la propria ragion d'essere a quella dell'ospedale di Melfi. Se però l'ospedale funziona male o addirittura si ferma, se il cuore smette di compiere la sua funzione vitale, il sistema muore e con se tutti gli organi a lui connessi, Villaggio Salute compreso. Quanto quotidianamente leggiamo sui giornali, riguardo i disservizi denunciati dai cittadini e il progressivo depotenziamento dei reparti, ci allarma profondamente. Se un ospedale non è efficiente, non cura bene i propri pazienti, costringendo (chi può) ad andare altrove, come possiamo pretendere che poi vengano pazienti, gente, da altre regioni? Se i servizi ospedalieri non funzionano, se la gestione operativa è allo sbando, il danno è enorme e man mano sarà sempre più difficile ripararlo e ricostruire in modo efficiente. Cosa si aspetta a fare scelte gestionali chiare e a impegnarsi affinché l’ospedale di Melfi funzioni a dovere? La questione, quindi la responsabilità, prima ancora che politica è gestionale. Bisogna ridare efficienza operativa a questo cuore del sistema territoriale e di certo il compito non può essere affidato a chi ha realizzato questo disastro. La politica ha quindi una responsabilità indiretta, generale, che dovrebbe esercitare rimuovendo chi ha colpa diretta su una situazione così aggravata. Se non lo fa, dà ragione a chi alimenta il pensiero di un disegno pianificato per far morire l'ospedale di Melfi. Un ospedale con la storia di quello di Melfi, se ben funzionante ed integrato col resto del territorio, può portare benefici all'intero bacino a cavallo di 3 regioni: Basilicata, Puglia e Campania, sia in termini di assistenza ai cittadini che di ritorno economico diffuso. Per non parlare dei benefici verso la stessa città di Potenza che, con il San Carlo, avrebbe un senso di portata regionale. Così come la Fiat a San Nicola ha creato il proprio indotto, così un ospedale può essere il cuore di una filiera della salute e della sanità, sostenibile da ogni punto di vista, perché se l’ospedale funziona bene può diventare non un costo, ma una fonte di entrate per tutta la nostra Regione. Ma poi, quando parliamo di salute pubblica, possiamo mai utilizzare come parametro semplicemente quello economico? O piuttosto dovremmo pensare al bene dei cittadini? Abbiamo spiegato che se l’ospedale di Melfi dovesse chiudere sarebbero a rischio anche tantissime altre realtà come la stessa Polimedica che con le sue prestazioni ambulatoriali partecipa significativamente al sistema pubblico. Senza un ospedale ben funzionante e capace di integrarsi con tutta la filiera, verrebbero meno i presupposti e la ragion d’essere del progetto Villaggio Salute, in quanto senza i servizi erogati dall’ospedale, i cittadini di altre regioni e anche della Basilicata, avrebbero un’offerta parziale e insufficiente dei percorsi di cura. Sanità Futura ritiene che sia fondamentale difendere l’ospedale di Melfi, riorganizzarlo e rilanciarlo, in una rete di servizi ad esso collegati, che evitino il suo congestionamento, per prestazioni che possono e devono essere erogate in ambito non ospedaliero, permettendo così alle sue risorse di concentrarsi sulla sua missione principale. Ci vuole una visione ampia e soprattutto ci vuole competenza e capacità di gestione, capacità di tradurre le intenzioni in azioni concrete ed efficienti. Non è possibile che la città di Melfi debba subire il contrario di quel che si dovrebbe fare: che venga cioè privata del suo cuore. Tutta la nostra solidarietà va quindi alle risorse umane che lavorano in questo ospedale e ai cittadini di Melfi, una solidarietà che però non vuole limitarsi ad un gesto inerte, ma vuole mettere in campo una serie di pubbliche iniziative affinchè le responsabilità gestionali siano valutate e definitivamente risolte. Per questo non basta che si scongiuri la chiusura, bisogna far sì che l'ospedale funzioni al meglio, che ci siano numeri e qualità. Se l’ospedale non brilla per fama e qualità dei servizi (così da avere poi una scusa per chiuderlo) di chi è la colpa? Sarebbe superficiale pensare che se un ospedale non è ben organizzato ed efficiente sia solo colpa della politica, ci sono responsabilità gestionali precise che vanno messe in luce, a cominciare da chi ha ruoli decisionali, organizzativi e di controllo all’interno dell’ospedale, dell’Azienda sanitaria e del dipartimento regionale. Nell’ospedale di Melfi ci sono tanti ottimi professionisti che andrebbero valorizzati e messi nelle condizioni di lavorare con serenità, con trasparenza e con criteri meritocratici. Se l’ospedale non viene gestito bene diventa difficile che possa attrarre altri bravi professionisti. L’ospedale e la città di Melfi meriterebbero ben altra dignità e fama. Servono partnership e collaborazioni con università, protocolli con i centri territoriali accreditati, serve gestire il tutto con competenza ed efficienza. Se ci fosse una gestione attenta ed oculata si eviterebbe perfino che qualcuno possa pensare di difendere il proprio orticello di potere, l’ospedale di Melfi potrebbe rifiorire in breve tempo, in sinergia con i presidi di Rionero e Venosa e in perfetta sintonia con le strutture territoriali. Quale politico si sognerebbe mai di chiudere un ospedale che curi bene i pazienti e che abbia un bilancio in attivo? Quali motivazioni o scuse avrebbe? Se questo cuore cessa di battere, morirebbe con esso anche la speranza di realizzare un sistema virtuoso fatto di ulteriori attività legate all'universo della salute, che potrebbero imprimere slancio e ritrovata motivazione all'iniziativa di un intero territorio che invece oggi vive in emergenza. La strada quindi è una sola: l’ospedale va difeso, riorganizzato e rilanciato. 

 Sanità Futura

Commenti

Post popolari in questo blog

35.0000 persone alla 15. Edizione del Parco Urbano delle Cantine. Qui le foto

Sarà un'edizione indimenticabile. La 15. Edizione del Parco Urbano delle Cantine di Rapolla è stato un successone. Trentacinquemila persone giunte da tutta Italia, hanno apprezzato i luoghi, i sapori, le atmosfere che solo il Parco Urbano delle Cantine di Rapolla sanno trasmettere. Già dalle prime luci dell'alba su Rapolla si sono versati migliaia di turisti, che si sono aggiunti a quelli che erano presenti la sera precedente. 

Tutti i parcheggi erano pieni, le navette che portavano i turisti da Rapolla, alle cantine, hanno girato senza sosta.  Un grazie alla Polizia Locale e i volontari della protezione Civile e delle Guardie Ecozoofile, che sono riusciti a smaltire il traffico. 

Ma la bellezza di questa manifestazione sono stati gli eventi in programma che hanno accompagnato i turisti per tutta la giornata, e in tutti i luoghi.  Si e partiti nella prima mattinata con la visita alla Cooperativa Rapolla Fiorente, con “Degustazione Pane e Olio in frantoio”. Sempre in mattinata visi…

Il lucano Nicola Nigro, di Rionero in Vulture, conquista una bella vittoria al campionato di corsa automobilistico di Greccio (Rieti)

Grande vittoria per il pilota rionerese Nicola Nigro in gara lo scorso weekend al 16°Slalom Nazionale di Corsa su Strada automobilistico di Greccio, provincia di Rieti, località nota per il presepe più antico del mondo, voluto da San Francesco D’Assisi. 
Classificandosi al 1°posto in classifica e 1° di gruppo, a bordo della sua Citroën Saxo VTS 1.600 16v Gr. N3 sfidando concorrenti in classe di rilevanti capacità, piazzandosi così al gradino più alto in classifica. 


Che dire, dopo il 1° posto di slalom di Forino e quest’altra vittoria del 2017,auguriamo al nostro pilota lucano una carriera piena di soddisfazioni. 
Lorenzo Zolfo

Rionero. Conto alla rovescia per l'evento "Briganti o Migranti"

Ancora pochi giorni di attesa per la terza edizione di “Briganti o Migranti”, il percorso storico\rievocativo interamente dedicato alle gesta del generale dei briganti Carmine Crocco. Alla guida di questa edizione che si terrà il 13, 14 e 15 Ottobre ci sarà sempre la Pro Loco di Rionero che già nelle due edizioni precedenti ha raccolto importanti consensi di pubblico e studiosi del fenomeno. Un percorso rinnovato nei contenuti che però si distribuirà sempre nello storico Rione Costa di Rionero. 

“Questa edizione – riferisce il Presidente della Pro Loco di Rionero Cristian Strazza – si è arricchita di tanti nuovi partner teatrali che renderanno ancora più emozionante il percorso che attraverso il , racconterà le tappe più importanti della vita di Carmine Crocco”. Alla regia della Parata Gerardo Nardozza, autore di importanti testi teatrali sulla storia rionerese, che sulla base di atti e libri storici ha ricostruito le vicissitudini del generale rionerese. “Ma la manifestazione…

Aspettando "Briganti o Migranti". Rionero 13, 14 e 15 Ottobre

É venuto il nostro tempo! dissero i contadini
Ancor oggi si dice che la reazione fu il frutto dell'ignoranza, ciò sarà vero, anzi è verissimo, ma, a promuovere la reazione vi concorsero pure questi arrabbiati signorotti di provincia, i quali con sfacciata millanteria dicevano: "venuto il tempo nostro". Ed i poveri oltraggiati risposero: "venuto pure il nostro tempo", e cosi' in molti paesi si ebbero uccisioni, assassinii, depredazioni; i frutti della guerra civile. Fui ricevuto in Stigliano dal prete, un grasso parroco, vestito per le grandi occasioni, che mi venne incontro ed offrendomi il Crocifisso a baciare invocò la pietà e la misericordia pei suoi fedeli rimasti in paese. 

Prevaleva in me e nei componenti la mia banda un sentimento di religione che ci faceva timorosi di fronte a Dio; ognuno di noi aveva appeso al collo il sacro abitino coll'immagine della Madonna, ch'egli invocava a salvezza della vita ne' conflitti, onde la preghiera del pr…

Rionero. UNILABOR Inaugurazione Anno Accademico 2017-2018

Domani, 13 ottobre, alle ore 17,00, presso il Palazzo Giustino Fortunato si terrà la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico 2017-18 dell'Unilabor, l'Università delle tre età.  Il saluto inaugurale sarà della Presidente dell'UNILABOR Giuseppina Cervellino. Seguiranno gli interventi di Luigi Di Toro, Sindaco di Rionero e Paola D'Antonio, docente dell'Università di Basilicata. Maria Luigia Bozza del direttivo UNILABOR, presenterà i docenti, e illustrerà i corsi e i docenti.  Buon Anno Accademico a tutti i partecipanti dell'UNILABOR.

Pino Di Lucchio

CORSO DI COMUNICAZIONE RADIOFONICA Relatore Massimo Cervelli conduttore di radio2 rai Hotel Kiris di Viggiano (PZ) 25 e 26 Novembre 2017

Massimo Cervelli conduttore dal 1998 di radio2 rai presso la Sala Congressi dell’Hotel Kiris di Viggiano (PZ) il 25 e il 26 Novembre 2017 terrà un Corso di comunicazione radiofonica-Come diventare DJ e conduttori radiofonici. Il seminario si articola in due giornate, per una durata complessiva di 16 ore: 8 ore il sabato e 8 ore la domenica, dalle 9:00 alle 13.00 e dalle 14:00 alle 18:00. Il corso di comunicazione radiofonica è rivolto a speaker professionisti, amatoriali e aspiranti che vogliono migliorare la tecnica di conduzione radiofonica e scoprire i metodi di una comunicazione efficace e diretta. Durante le due giornate il conduttore di radio2 rai svolgerà un vasto programma strutturato in due parti: teorico e pratico. La prima parte sarà dedicata alla costruzione di una scaletta di un programma radiofonico e musicale, all’intervista, alla costruzione di un intervento radiofonico partendo da una notizia, alle tecniche di Presentazione di un evento Live e alle tecniche di dizion…

Rionero. Un grande successo la terza edizione di Briganti o Migranti.

Grazie all’impegno della locale Pro Loco, presieduta dal giovane Cristian Strazza, e dell’Amministrazione Comunale, Apt e Regione Basilicata, a Rionero in Vulture si è rivissuta l’atmosfera del brigantaggio post-unitario. 

“Briganti o Migranti”, si intitola così la tre giorni dedicata alla figura di Carmine Crocco, svoltasi il 13, 14 e 15 Ottobre scorsi, che ha richiamato un gran numero di visitatori provenienti dall’intero Sud Italia. 

Dopo il grande successo della seconda edizione, un vero e proprio boom di spettatori (circa 2000 in totale) ha potuto attraversare le strette vie del centro storico per riscoprire i momenti più significativi della storia del Generale dei Briganti Carmine Crocco. 

 Filo conduttore di questa edizione è stato il “fato” ovvero i motivi che hanno spinto il ribelle rionerese a darsi alla macchia e combattere contro l’esercito piemontese. 12 le scene allestite nel Rione Costa: processo a Carmine Crocco, il fiume, l’infanzia, Crocco e il P…

Parco Urbano delle Cantine di Rapolla. Ottima la Prima. Qui le foto

Grande successo alla prima giornata del Parco Urbano delle Cantine. Migliaia i visitatori. Oltre 150 camper sono giunti da tutta Italia per poter assaporare, gustare i sapori e i piaceri dei prodotti della nostra terra. Quella di ieri è stata una giornata piena di eventi e manifestazioni con l'annullo filatelico delle Poste Italiane, premiazione  dei ragazzi disabili, esibizione artisti da strada, il Gruppo Folk "I F'st'nidd" di Lavello, Street Band cittadine, Dimostrazione della trasformazione del latte con antichi metodi tradizionali, Pigiatura dell’uva in costume tipico. Oggi , invece ci attende: 
Domenica 8 Ottobre 2017  ore 9.00 Visita alla Cooperativa Rapolla Fiorente“Degustazione Pane e Olio in frantoio” . Visita guidata centro storico Cattedrale, chiese di Santa Lucia, Annunziata, San Biagio ore 9.30 Concerto bandistico itinerante per le vie del Paeseore 10.30 Villa Comunale “F. Albis”Spettacolo gruppo Arcieri storici – “Turris Maior” di Torre MaggioreSpett…

A Ruvo del Monte un polacco ucciso per motivi passionali

Un cittadino polacco di 39 anni è stato ucciso la notte scorsa a Ruvo del Monte al termine di una lite per motivi passionali con un rumeno. Il tutto è avvenuto durante una cena, dove era presente un terzo amico, anche lui rumeno. A quando sembra, dopo è scoppiata una lite, finita in tragedia. I Carabinieri - coordinati dal pm di Potenza Vincenzo Lanni, che si è recato sul posto - hanno arrestato un romeno di 42 anni.
Pino Di Lucchio

Domani a Melfi un'importante convegno su Mauro Tartaglia

S terrà domani 10 Ottobre, alle ore 17.00, presso la Sala Consiliare Nitti-Boveret un convegno su una figura di spicco della società melfitana: Mauro Tartaglia.  Il tema dell'incontro sarà: "Mauro Tartaglia la sfida di un educatore". Il prof. Mauro Tartaglia, melfitano benemerito, a lungo amministratore pubblico, storico maestro elementare e promotore del rinnovamento della didattica e dell’educazione, è stato consigliere di amministrazione della Fondazione “Francesco Saverio Nitti” e animatore civile e culturale del Centro Nitti di Melfi.
Pino Di Lucchio

TG7 Basilicata Supplemento a SIDERURGIKATV testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. Num. Reg. Stampa 470