Passa ai contenuti principali

Melfi: Sanità Futura, i motivi per cui l’ospedale va difeso, riorganizzato e rilanciato.

L’ospedale di Melfi non deve essere abbandonato a se stesso, deve rimanere aperto, ma soprattutto deve funzionare bene, e perché questo accada deve essere gestito bene. Sanità Futura sin dalla sua nascita ha sempre promosso la necessità strategica di realizzare in Basilicata dei poli sanitari moderni ed efficienti nei Comuni al confine con le altre Regioni.
Questi presidi, oltre a servire nel migliore dei modi l’utenza lucana, possono essere dei forti attrattori verso un territorio amplissimo di pazienti, invertendo la tendenza all’emigrazione sanitaria che tanto pesa sui conti della nostra Regione. In questa visione delle cose, la città di Melfi, per questioni storiche, geografiche e di energie disponibili, è perfetta per svolgere un ruolo così importante, è un pilastro sanitario cruciale per l'intera Regione Basilicata. Questo ruolo aiuterebbe a compensare il negativo fenomeno della spoliazione territoriale che ha come suo contraltare l'altro irragionevole fenomeno della concentrazione di servizi su Potenza, destinata anch'essa a soccombere per gli effetti di un'illogica impostazione del sistema. Un sistema di assistenza territoriale ha bisogno di avere un cuore sano e pulsante per poter vivere nella sua interezza. L'ospedale di Melfi è il cuore di un corpo/territorio vastissimo, che va oltre i confini regionali. E' un corpo sano e produttivo che però non potrà sopravvivere se il suo cuore funziona male o addirittura si ferma. Di conseguenza nessun organo di questo corpo sopravvivrebbe ed anche le strutture private accreditate, che sono funzionalmente connesse a questo cuore sarebbero le prime a pagarne il prezzo con la loro stessa vita. Se il cuore muore, l'intero corpo muore, ogni arto, anche se sano muore. Non c'è da opinare. Sanità Futura, che da sempre la pensa così, ha voluto mettere in pratica la sua visione delle cose ed ha contribuito, insieme a una propria struttura associata, la Polimedica di Melfi, a ideare un progetto innovativo, moderno, che si muove con l'idea di una forte connessione con le funzioni dell'ospedale di Melfi: Il Villaggio Salute, legando così la propria ragion d'essere a quella dell'ospedale di Melfi. Se però l'ospedale funziona male o addirittura si ferma, se il cuore smette di compiere la sua funzione vitale, il sistema muore e con se tutti gli organi a lui connessi, Villaggio Salute compreso. Quanto quotidianamente leggiamo sui giornali, riguardo i disservizi denunciati dai cittadini e il progressivo depotenziamento dei reparti, ci allarma profondamente. Se un ospedale non è efficiente, non cura bene i propri pazienti, costringendo (chi può) ad andare altrove, come possiamo pretendere che poi vengano pazienti, gente, da altre regioni? Se i servizi ospedalieri non funzionano, se la gestione operativa è allo sbando, il danno è enorme e man mano sarà sempre più difficile ripararlo e ricostruire in modo efficiente. Cosa si aspetta a fare scelte gestionali chiare e a impegnarsi affinché l’ospedale di Melfi funzioni a dovere? La questione, quindi la responsabilità, prima ancora che politica è gestionale. Bisogna ridare efficienza operativa a questo cuore del sistema territoriale e di certo il compito non può essere affidato a chi ha realizzato questo disastro. La politica ha quindi una responsabilità indiretta, generale, che dovrebbe esercitare rimuovendo chi ha colpa diretta su una situazione così aggravata. Se non lo fa, dà ragione a chi alimenta il pensiero di un disegno pianificato per far morire l'ospedale di Melfi. Un ospedale con la storia di quello di Melfi, se ben funzionante ed integrato col resto del territorio, può portare benefici all'intero bacino a cavallo di 3 regioni: Basilicata, Puglia e Campania, sia in termini di assistenza ai cittadini che di ritorno economico diffuso. Per non parlare dei benefici verso la stessa città di Potenza che, con il San Carlo, avrebbe un senso di portata regionale. Così come la Fiat a San Nicola ha creato il proprio indotto, così un ospedale può essere il cuore di una filiera della salute e della sanità, sostenibile da ogni punto di vista, perché se l’ospedale funziona bene può diventare non un costo, ma una fonte di entrate per tutta la nostra Regione. Ma poi, quando parliamo di salute pubblica, possiamo mai utilizzare come parametro semplicemente quello economico? O piuttosto dovremmo pensare al bene dei cittadini? Abbiamo spiegato che se l’ospedale di Melfi dovesse chiudere sarebbero a rischio anche tantissime altre realtà come la stessa Polimedica che con le sue prestazioni ambulatoriali partecipa significativamente al sistema pubblico. Senza un ospedale ben funzionante e capace di integrarsi con tutta la filiera, verrebbero meno i presupposti e la ragion d’essere del progetto Villaggio Salute, in quanto senza i servizi erogati dall’ospedale, i cittadini di altre regioni e anche della Basilicata, avrebbero un’offerta parziale e insufficiente dei percorsi di cura. Sanità Futura ritiene che sia fondamentale difendere l’ospedale di Melfi, riorganizzarlo e rilanciarlo, in una rete di servizi ad esso collegati, che evitino il suo congestionamento, per prestazioni che possono e devono essere erogate in ambito non ospedaliero, permettendo così alle sue risorse di concentrarsi sulla sua missione principale. Ci vuole una visione ampia e soprattutto ci vuole competenza e capacità di gestione, capacità di tradurre le intenzioni in azioni concrete ed efficienti. Non è possibile che la città di Melfi debba subire il contrario di quel che si dovrebbe fare: che venga cioè privata del suo cuore. Tutta la nostra solidarietà va quindi alle risorse umane che lavorano in questo ospedale e ai cittadini di Melfi, una solidarietà che però non vuole limitarsi ad un gesto inerte, ma vuole mettere in campo una serie di pubbliche iniziative affinchè le responsabilità gestionali siano valutate e definitivamente risolte. Per questo non basta che si scongiuri la chiusura, bisogna far sì che l'ospedale funzioni al meglio, che ci siano numeri e qualità. Se l’ospedale non brilla per fama e qualità dei servizi (così da avere poi una scusa per chiuderlo) di chi è la colpa? Sarebbe superficiale pensare che se un ospedale non è ben organizzato ed efficiente sia solo colpa della politica, ci sono responsabilità gestionali precise che vanno messe in luce, a cominciare da chi ha ruoli decisionali, organizzativi e di controllo all’interno dell’ospedale, dell’Azienda sanitaria e del dipartimento regionale. Nell’ospedale di Melfi ci sono tanti ottimi professionisti che andrebbero valorizzati e messi nelle condizioni di lavorare con serenità, con trasparenza e con criteri meritocratici. Se l’ospedale non viene gestito bene diventa difficile che possa attrarre altri bravi professionisti. L’ospedale e la città di Melfi meriterebbero ben altra dignità e fama. Servono partnership e collaborazioni con università, protocolli con i centri territoriali accreditati, serve gestire il tutto con competenza ed efficienza. Se ci fosse una gestione attenta ed oculata si eviterebbe perfino che qualcuno possa pensare di difendere il proprio orticello di potere, l’ospedale di Melfi potrebbe rifiorire in breve tempo, in sinergia con i presidi di Rionero e Venosa e in perfetta sintonia con le strutture territoriali. Quale politico si sognerebbe mai di chiudere un ospedale che curi bene i pazienti e che abbia un bilancio in attivo? Quali motivazioni o scuse avrebbe? Se questo cuore cessa di battere, morirebbe con esso anche la speranza di realizzare un sistema virtuoso fatto di ulteriori attività legate all'universo della salute, che potrebbero imprimere slancio e ritrovata motivazione all'iniziativa di un intero territorio che invece oggi vive in emergenza. La strada quindi è una sola: l’ospedale va difeso, riorganizzato e rilanciato. 

 Sanità Futura

Commenti

Post popolari in questo blog

Farmaci: ritirati i farmaci a base di valsartan, per l’ipertensione e i rischi cardiaci. Necessario dare massima informazione ai cittadini

L’AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco ha disposto il ritiro di diversi lotti di farmaci a base del principio attivo valsartan. Secondo quanto riportato dall’Agenzia, infatti, è stato riscontrato “un difetto di qualità”, che ha indotto ad adottare, come misura precauzionale, l’immediato ritiro dei farmaci interessati dalle farmacie e dalla catena distributiva. Un ritiro disposto non solo dall’AIFA, ma anche da tutte le altre Agenzie europee. I medicinali a base di valsartan vengono utilizzati per il trattamento dell’ipertensione arteriosa e dell’insufficienza cardiaca e nei pazienti che hanno subito un infarto cardiaco. Per questo è particolarmente importante che i pazienti in cura con tali farmaci verifichino se il medicinale che assumono sia presente nella lista dei medicinali coinvolti dal ritiro a scopo precauzionale. L’elenco dei e dei lotti interessati è disponibile sul sito dell’AIFA . Qualora il cittadino non avesse la possibilità di verificare se il proprio farmaco appartiene …

Lavello. Un successo lo spettacolo per grandi e piccoli dello scrittore Gianluca Caporaso di Potenza.

Tanta gente ha riempito il Museo dell'Antiquarium della cittadina lavellese per assistere allo spettacolo portato in scena da Gianluca Caporaso. 

Gianluca Caporaso, originario di Potenza, ha raccontato le sue storie e le storie provenienti dai Paesi del Mondo e dai grandi autori della letteratura classica. Il suo racconto ha spaziato da Filemone e Bauci di Ovidio alle letture dei suoi testi, pensati a misura di bambino. 

L’interazione vivace con i bambini attraverso il coinvolgimento nella costruzione di nuove storie ha riempito di entusiasmo il Museo Civico Antiquarium. Il sostegno dell’amministrazione comunale all’evento nella persona dell’assessore alla cultura Luigia Carlone ha sottolineato l’importanza della partecipazione attiva della comunità nella costruzione di momenti culturali, soprattutto quando permettono di avvicinare i più piccoli alla lettura. 

Con l’organizzazione dell’evento [una fantastica notte in Museo] l’associazione Mac ha dato ancora una volta evidenza di qua…

“OGGI E’ SABATO.. SI VA A RAPONE”. NEL PAESE DELLE FIABE OTTO APPUNTAMENTI DAL 21 LUGLIO AL 2 SETTEMBRE

“Oggi è sabato… si va a Rapone”: s’intitola così l’evento culturale promosso dal Comune di Rapone volta a valorizzare il territorio raponese e far conoscere a tutti la bellezza, la storia e le peculiarità del “Paese delle Fiabe”. Dal 21 luglio fino al 2 settembre ben 8 appuntamenti nel grazioso ed accogliente centro lucano, con tante iniziative pronte a deliziare e divertire i visitatori di ogni età. 

Perché il sabato? Secondo la tradizione popolare, il sabato le masciare (secondo le fiabe, donne che nella vita di tutti i giorni sembrano persone normali, ma che nella notte tra sabato e domenica si spalmano con un particolare unguento che le permette di passare sotto le porte e di volare) sospendevano le loro attività per recarsi al leggendario Noce di Benevento per partecipare al Sabba. I contadini allora, per ingannare le streghe ed evitare le loro fatture, solevano dire "oggi è sabato" in tutti i giorni della settimana. 

Ma l’organizzazione, ironicamente, non vuole far corre…

LA PROLOCO RIONERO, anche quest'anno, vi apre le porte dell'estate 2018 con la nota accoglienza che si protrae oramai da molti anni

UN'UNICA GRANDE FESTA con svariati appuntamenti ed eventi, che ha anche una forte valenza turistica, se si pensa alle rievocazioni storiche post-unitarie (brigantaggio) degli anni scorsi, e che, quest'anno, invece, propone la rievocazione degli eventi dell'aprile del 1502, con l'incontro tra francesi e spagnoli a Rionero. Teatro all'aperto, manifestazione di alto profilo culturale e professionale. Si rinsalda, quindi, sempre di più il legame con il territorio e la sua storia, che è essenzialmente storia di ruralità, echi di quella civiltà contadina che “la civiltà dei consumi”, oggi, invece, ha definitivamente distrutto, e cancellato: a fine agosto “Cantine in festa”, una grande festa della tipicità, diventata, assieme agli eventi che propongono le rievocazioni storiche, per molti un appuntamento fisso da non perdere, adatto a tutte le età e capace come di attrarre visitatori anche da fuori Regione. Ricco il calendario delle attività in programma: oltre a quanto dett…

La musica per svegliare le coscienze. Celebrata a San Fele la “Giornata Mondiale del rifugiato”

Alle cinque del pomeriggio, sabato 30 giugno, le strade di San Fele improvvisamente si animano. La musica allegra di “ Oyo come va” saluta le strade linde e i vicoli stretti che risplendono per i vasi di ortensie che brillano al sole caldo di un pomeriggio finalmente assolato. Sono i ventuno giovanissimi della “Contour Band Juonior “ di Noicattaro, guidati con piglio sicuro da Margherita Di Pierro che danno fiato ai loro sax e trombe, che battono sui tamburi e le grancasse e accennano passi di danza. Con loro Kassim, Felix, Abubacar… i quindici ragazzi del Senegal, Costa D’Avorio, Nigeria, Mali, Egitto dello SPRAR Ubuntu e i quattro del progetto Fami 1288 Ciao che le cooperative Novass, I colori dell’Iride ed Eurisa portano avanti con i Minori stranieri non accompagnati ospiti a San Fele e Rapone. E’ importante che l’Amministrazione Comunale di San Fele con il suo sindaco Donato Sperduto ha voluto festeggiare il 30 giugno la Giornata Mondiale del rifugiato. Dal 2015 questo piccolo p…

Inaugurato il Punto Prelievi presso l’ambulatorio Asp di Filiano

Lunedì 9 luglio presso l’ambulatorio Asp in corso Giovanni XXIII a Filiano, è stato inaugurato il Punto Prelievi, alla presenza del Sindaco di Filiano Francesco Santoro, del Dott. Massimo De Fino Direttore Sanitario Asp Potenza e del Dott. Vincenzo Andriuolo Direttore Amministrativo Asp Potenza. L’Amministrazione Comunale, sempre attenta alle esigenze dei cittadini e nell’ottica d’incrementare e migliorare i servizi sul proprio territorio, in sinergia con l’Asp Potenza, ha attivato il “Punto Prelievi” già operativo dal 14 marzo 2018 e aperto tutti i mercoledì e venerdì. Si tratta di un’importante conquista legata al settore socio-sanitario del Comune di Filiano, ottenuta anche grazie all’impegno dell’Assessore alle Politiche Sociali Carmela Monaco, che ha seguito l’apertura del Punto Prelievi per conto dell’Amministrazione. “Con il Punto Prelievi siamo in grado di offrire un servizio in più ai nostri cittadini, facilitando l’accesso alle cure e in…

Viggiano. 7 luglio 2018. Incontro col Ministro all'Ambiente Sergio Costa. Solo alla fine dell'incontro ha parlato delle trivellazioni

Lo scorso 7 luglio a Viggiano è arrivato il ministro dell'ambiente Sergio Costa, generale dei Carabinieri nella Terra dei Fuochi,forse finalmente il ministro giusto. La Protezione Civile del gruppo Lucano ha invitato il ministro a parlare della prevenzione e della resilienza sui rischi e sugli incendi boschivi. Ottima l'organizzazione che ha visto un gruppo di protezione civile davvero attento e pronto alle situazioni di emergenza. Presenti in NOTRIV di Basilicata, la dottoressa Albina Colella, il Tenente Giuseppe Di Bello, l'avv. Antonio Romano e molti altri personaggi dell'ambito ambientalista Lucano. Da Venosa presenti anche un gruppo di No Triv, tra questi Vania Liscio che è rimasta contenta del comportamento del Ministro Costa: "Tutti presenti con un unico scopo: porgere al neo ministro la situazione di emergenza ambientale in Basilicata a causa delle estrazioni petrolifere. 

Moderatrice dell'evento la giornalista lucana Carmen Lasorella che,più volte,inv…

JEAN CLAUDE VAN DAMME, SOPHIA LOREN E JOHN LANDIS, GRANDI PROTAGONISTI DELLE GIORNATE DEL CINEMA LUCANO A MARATEA - PREMIO INTERNAZIONALE BASILICATA

Tre grandi kermesse cinematografiche lucane che, grazie alla loro sinergia, continueranno a crescere e a raccogliere consensi sempre maggiori. Con questo spirito, sono state presentate a Roma le nuove edizioni di: Le Giornate del Cinema Lucano a Maratea / Premio Internazionale Basilicata, Pisticci Lucania Film Festival e Bella Basilicata Film Festival. In una gremita sala conferenze di Palazzo Ferrajoli, la conduttrice Janet De Nardis ha coordinato gli interventi di Paride Leporace, direttore della Lucana Film Commission; Nicola Timpone, responsabile marketing della Lucana Film Commission; Antonella Caramia, organizzatrice de Le Giornate del Cinema Lucano, a Maratea / Premio Internazionale Basilicata; Rocco Calandriello, direttore del Pisticci Lucania Film Festival e Vito Leone, direttore del Bella Film Festival. Si è parlato, oltre che della meritata ascesa delle tre manifestazioni, del ruolo fondamentale del Cineturismo a cura del GAL START 2020, in quest'ottica di crescita e si…

Pittella interrogato nega tutte le accuse

Marcello Pittella nega ogni accusa. Il governatore della Basilicata “ha escluso ogni sua responsabilità” nelle vicende dell’inchiesta sulle raccomandazioni e sui concorsi truccati nella sanità lucana. Fino ai domiciliari la scorsa settimana con le accuse di falso e abuso d’ufficio, sospeso dall’incarico di governatore in base alla legge Severino, Pittella ha aspettato più di cinque ore prima che iniziasse il suo interrogatorio di garanzia giovedì 12 lufgl. Poi ha rigettato “in toto” la tesi che sia stato lui “il “deus ex machina della distorsione istituzionale” ricostruita dalla procura di Matera. A riferire che il governatore lucano ha risposto per due ore alle domande “con fermezza, serenità, tranquillità e grande forza d’animo” sono stati i suoi avvocati, Donatello Cimadomo e Emilio Nicola Buccico (in passato senatore di Alleanza Nazionale, sindaco di Matera con il centrodestra e membro laico del Csm). Pittella ha inoltre risposto “anche rispetto a fatti che – ha sottolineato Cima…

MISS IN4MISSIMA in BASILICATA: terza tappa a SAN NICOLA DI MELFI

Dopo Gravina in Puglia e Filiano, terza tappa delle selezioni in Basilicata del concorso nazionale di bellezza 'Miss In4missima', evento spettacolo con intrattenimenti e attrazioni, venerdi 13 luglio 2018 ore 20.45 a San Nicola di Melfi (PZ) presso l'atrio all'aperto del Ristorante Pizzeria 'Happy Days' (Zona Industriale Fiat Sata). 

La sfida per conoscere altre 5 miss finaliste regionali che guadagneranno l'accesso alle nomination per la finale regionale di fine agosto, valida per le aventi diritto di rappresentare la nostra regione alla kermesse nazionale in Emilia Romagna a Riccione dal 4 al 9 Settembre.  
Una serata ricca di ospiti, tra cui la partecipazione straordinaria del comico Uccio De Santis, dalla fortunata serie tv del 'Mudù' con il suo esilarante show di cabaret, con presentazione di Antonio Petrino, defilè giovane stilista, musica dal vivo con la promettente e affermata cantautrice lucana Luisa Picerno, con coinvolgimento del pubblico, …