Passa ai contenuti principali

Un “Osservatorio per la gestione del paesaggio culturale”: a Matera un workshop della Cattedra Unesco dell’Unibas

La gestione del paesaggio culturale, e la creazione di una “rete” tra le istituzioni locali per la condivisione delle iniziative e dei progetti di valorizzazione del patrimonio locale, per porre le basi a Matera, Capitale della Cultura 2019, di un “Osservatorio” specifico su queste tematiche.
È l’obiettivo del workshop “L’Osservatorio per la gestione del paesaggio culturale: buone pratiche e sinergie” in programma a Matera, lunedì 26 giugno, nella sede di San Rocco dell’Università della Basilicata (aula 43 – dalle ore 9.30). 
L’iniziativa rientra nell’ambito del percorso della Cattedra Unesco “Paesaggi culturali del Mediterraneo e comunità di saperi” dell’Università della Basilicata, istituita sei mesi fa: al workshop del 26 giugno parteciperanno 27 relatori (tra cui i rappresentanti di 13 istituzioni partner della Cattedra), e di questi 14 sono in rappresentanza di istituzioni di governo del territorio, come i Parchi nazionali, la Regione Basilicata, il Comune e la Provincia di Matera, l’Apt, la rete delle Cattedre Unesco del Mediterraneo, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata, il Polo Museale della Basilicata, e l’Osservatorio italiano sul Paesaggio e sui Siti Unesco.
L’obiettivo del workshop è quindi quello di avviare un lavoro sul territorio per condividere conoscenze, buone pratiche, esperienze, progettualità e creare sinergie efficaci per la gestione del paesaggio culturale, con la valorizzazione dei patrimoni materiali e immateriali delle città Capitali Europee della Cultura e dei siti Unesco. I partecipanti discuteranno sui possibili contributi da offrire alla progettazione dell’Osservatorio per la gestione del paesaggio culturale, di cui si parla nel Piano di gestione del sito Unesco “I Sassi e il Parco delle chiese rupestri di Matera”, nella sua valenza di strumento strategico per la valorizzazione del territorio: “Questo appuntamento – hanno spiegato Angela Colonna (Project Leader Cattedra Unesco) e Francesca Sogliani (direttrice della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Unibas) - ha come obiettivo la cooperazione per la gestione del Paesaggi Culturale, per contribuire a costruire strategie sostenibili, condivise e partecipate di governo, per produrre efficaci cortocircuiti tra la ricerca conoscitiva, il progetto delle azioni e il governo dei processi. Tutto il team della Cattedra ha voluto fortemente assicurare la continuità operativa delle attività previste, proponendo questo workshop come un momento di riflessione condivisa in vista della Official Opening Conference della Cattedra Unesco che si terrà a Matera il 9 e il 10 ottobre 2017”.
Nel workshop saranno quindi trattate le tematiche che riguardano la "Cooperazione e reti per la gestione del paesaggio culturale", le "Sinergie tra soggetti pubblici e privati e partecipazione dal basso per la gestione del paesaggio culturale", la "Comunità di saperi orientate alla pace e paesaggi culturali", le "Identità culturali e narrazioni dei valori del paesaggio", e le "Strutture, forme organizzative, normative, strumenti e pratiche per la gestione del paesaggio culturale". Si tratta del secondo appuntamento della Cattedra, dopo quello formativo della Wuc (Weeks of Unesco Chair) organizzato a marzo con la partecipazione di 50 studenti dell’Università della Basilicata, 70 tra relatori, tutor, esperti, e incentrato sul tema della narrazione del paesaggio mediterraneo, con un esito progettuale di sei cortometraggi.



PROGRAMMA

9,30 
Angela Colonna e Ferdinando Mirizzi, Cattedra UNESCO - UNIBAS, presentazione della Cattedra UNESCO
Francesca Sogliani e Mariavaleria Mininni, Cattedra UNESCO - UNIBAS, presentazione del workshop

10,00
1. Cooperazione e reti per la gestione del paesaggio culturale 
• Angela Barbanente, Osservatorio nazionale per la qualità del paesaggio – MIBACT
• Anna Amenta, “Rete Siti UNESCO” - Provincia di Matera
• Juan Manuel Palerm Salazar, UNISCAPE
• Paola Liliana Buttiglione, Associazione Wikimedia Italia
• Ezio Lavorano, Biblioteca UNESCO - Comune di Venosa
• Michelangelo Laterza, ELARCH - UNIBAS
2. Sinergie tra soggetti pubblici e privati e partecipazione dal basso per la gestione del paesaggio culturale 
• Viviana Verri e Laura Stabile, Comune di Pisticci e Associazione PluS HUB 
• Piergiuseppe Pontrandolfi, CAST - DiCEM - UNIBAS 
• Marta Ragozzino, Polo Museale Regionale della Basilicata - MIBACT
3. Comunità di saperi orientate alla pace e paesaggi culturali 
• Tania Di Giuseppe, Fondazione Patrizio Paoletti per lo Sviluppo e la Comunicazione
• Paola Raffa, Cattedra UNESCO candidata in “Mediterranean Landscape in emergency” – Università di Reggio Calabria
• Nino Perrone, Centro Studi Torre di Nebbia

13,30
Pausa conviviale

14,30
4. Identità culturali e narrazioni dei valori del paesaggio 
• Massimiliano Burgi, Fondazione Matera-Basilicata 2019 
• Giusi Cardia, University of Malta, Institute for Tourism, Travel and Culture (ITTC)
• Pierfrancesco Pellecchia, Parco Regionale della Murgia Materana
• Domenico Totaro, Parco Nazionale Appennino Lucano 
• Luigi Bloise, Parco Nazionale del Pollino 
• Emmanuele Curti, Parco Regionale di Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane 
• Fabio Modesti, Parco Nazionale dell’ Alta Murgia
• Mariano Schiavone, Agenzia di Promozione Territoriale (APT) Basilicata
5. Strutture, forme organizzative, normative, strumenti e pratiche per la gestione del paesaggio culturale 
• Paola D’Antonio e Antonio Nicoletti, Comune di Matera
• Patrizia Minardi, Regione Basilicata
• Francesco Canestrini, Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata - MIBACT
• Domenico Fiore, Piano di Gestione del sito UNESCO de “I Sassi e il parco delle chiese rupestri di Matera”
• Giovanna Iacovone, DiCEM – UNIBAS



17,30
Discussione e interventi dal pubblico
regola Silvana Kuhtz 
Sintesi creativa del workshop 
a cura di Angela Colonna, Angela Cicirelli, Monica Dell’Aglio, Italia Manolio, Chiara Rizzi, Vita Santoro, Laura Scrano

19,30
Conclusione del workshop

Partecipanti
- Unesco Chair team - UNIBAS
- DiCEM – UNIBAS
- SSBA - UNIBAS
- University of Malta, Institute for Tourism, Travel and Culture (ITTC), partner della Cattedra UNESCO
- Fondazione Patrizio Paoletti, partner della Cattedra UNESCO
- Parchi della Basilicata e della Puglia, partner della Cattedra UNESCO
- Comune di Matera, partner della Cattedra UNESCO 
- Provincia di Matera, partner della Cattedra UNESCO
- Regione Basilicata, partner della Cattedra UNESCO
- Fondazione Matera-Basilicata 2019, partner della Cattedra UNESCO
- Rete ELARCH - UNIBAS, partner della Cattedra UNESCO
- Rete UNISCAPE, partner della Cattedra UNESCO
- Rete Cattedre UNESCO del Mediterraneo
- Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata
- Polo Museale della Basilicata
- Agenzia di Promozione Territoriale (APT) Basilicata
- Comune di Pisticci e Associazione Plus HUB
- Comune di Venosa e Biblioteca UNESCO
- Centro Studi Torre di Nebbia
- Osservatorio italiano sul Paesaggio e sui Siti UNESCO – MIBACT
- Cattedra UNESCO candidata in “Mediterranean Landscape in emergency” – Università di Reggio Calabria
- Associazione Wikimedia Italia
- Piano di Gestione del Sito UNESCO “I Sassi e il parco delle chiese rupestri di Matera”

Commenti

Post popolari in questo blog

Premio di poesia “Le Parole della Libertà’” edizione 2018

Anche quest’anno l’associazione sportiva e culturale A.S.D. ACADEMY TURSI, con il patrocinio del Consiglio Regionale della Basilicata e del Comune di Tursi, ha organizzato il Premio di poesia “Le parole della libertà”, edizione 2018, riservato agli alunni delle classi 3^, 4^, 5^ elementari e di tutte le classi delle scuole medie e degli istituti superiori della Regione Basilicata. 


Il premio di poesia, giunto alla quarta edizione, ha l’obiettivo di rendere indipendenti i ragazzi dai vincoli tematici affinché possano esprimere al meglio le loro capacità. È questa dunque, l’occasione per tutti di avvinarsi al componimento poetico esprimendo la propria creatività. Le opere devono essere consegnate entro venerdi 30 marzo 2018 mentre la premiazione avverrà sabato 12 maggio 2018 alle ore 19,00 a Tursi presso la sala polifunzionale “San Giuseppe”.

“Ringrazio tutta la giuria per l’immensa disponibilità, il Consiglio Regionale e l'Amministrazione Comunale di Tursi per aver accolto, con entus…

Melfi e Matera le tappe per ricordare Giorgio K. Skanderbeg

Doppio appuntamento quest'anno per il 550° Giorgi K. Skanderbeg. Manifestazione promossa dalla Rivista Basilicata Arbereshe, che si tiene tutti gli anni in località diverse. Quest'anno tocca a Melfi il 16 Gennaio 2017 presso il Museo Civico "Donadoni", alle ore 10.00. Mentre il 17 gennaio l'evento si svolgerà a Matera, presso l'Hotel Palazzo GATTINI (alle ore 10,00). Patrocinio CORECOM - Regione Basilicata ed EE.LL Eventi Arbereshe Itineranti. 550* GKS e 40* Rivista "Basilicata Arbereshe".  L'evento oltre ha ricordare l'eroe albanese Giorgio Castriota Skanderbeg, che fermò l'avanza turca verso l'occidente, è una manifestazione per preservare i dialetti albanesi italiani. 

Pino Di Lucchio

Melfi 6 gennaio 2018. Catte Choir.edrale. Un successo il concerto dell'Epifania "Contaminazioni Musicali" con il coro "Mysticus don Vito Giannini" e "Isernia gospel Choir"

Chiusura delle festività natalizie a Melfi col botto. Nella serata dell’Epifania, nella Cattedrale, a cura dell’Amministrazione Comunale,il Coro "Mysticus Concentus "Don Vito Giannini" di Melfi, una realtà dal 2001 nato come cappella musicale del Duomo di Melfi, ed il coro Isernia Gospel Choir, nato nel 20013 per volontà di Rossana Leva, nota musicista del centro molisano, con l’obiettivo di formazione musicale, artistica, culturale ed umana dei componenti e di promuovere e diffondere la cultura gospel dei neri d’America, in una sorta di “Contaminazione Musicale”, ha allietato, alla presenza del Vescovo, Mons. Ciro Fanelli, la serata con musica classica, moderna e gospel.

Si è esibito prima il coro "Mysticus"di Melfi, diretto dal M° Pasquale Somma e padre Tony Leva con un ricco programma: "Tu Scendi dalle Stelle" di M.Frisina; Adeste Fideles di Bartolucci, "Astro del Ciel" di Corbetta; "Cantate domino" e "Ave Verum&…

Mercoledì a Potenza la “Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali” promossa da Unpli Basilicata

Impegno delle Pro Loco per promuovere i dialetti lucani e la tutela delle lingue locali 
Appuntamento mercoledì alle ore 17, a Potenza, nella Sala B del Consiglio Regionale della Basilicata, per la “Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali", promossa dal Comitato Pro Loco Unpli Basilicata per tutelare e valorizzare il patrimonio immateriale rappresentato dai dialetti e dalle lingue locali. “Il 17 gennaio di ogni anno le Pro Loco si adoperano per realizzare manifestazioni per salvaguardare i patrimoni culturali – sottolinea Rocco Franciosa, Presidente del Comitato Pro Loco Unpli Basilicata - e le espressioni linguistiche locali dei borghi lucani. 


Infatti in questo periodo si susseguono eventi promossi da Pro Loco, scuole e associazioni in molti centri che aderiscono all’iniziativa. La prima edizione della manifestazione nazionale si è svolta nel gennaio 2013, - prosegue Franciosa - con l’obiettivo di sensibilizzare la collettività alla tutela dei saperi che …

Inizia il Carnevale a Lavello con il Premio Rosso Domino

Il Carnevale prende inizio a Lavello, Mercoledì 17 Gennaio, con il Premio Rosso Domino.  L'appuntamento è al Teatro San Mauro alle ore 19:30. Quest'anno il Premio è stato assegnato al professore Vito Cerone. Alla manifestazione parteciperà il l sindaco di Lavello, Sabino Altobello, l’assessora alla cultura, Giovanna De Luca, il presidente del consiglio comunale, Raffaele Avigliano, il presidente della BCC di Gaudiano di Lavello, dr. Sante Bruno. Durante la serata seguirà la presentazione del programma del Carnevale 2018 e dei Festini a cura della Pro Loco “F. Ricciuti”. Il carnevale di Lavello è una tradizione fortemente sentita nella comunità, con i festini del sabato sera e con il costume tipico lavellese il Domino. I festini, come il ballo, fanno parte della tradizione di Lavello, dedicato al divertimento, all'amore, alla spensieratezza.  In programma, anche, momenti musicali con Milena Bruno, il cantautore Mauro Vulpio e proiezioni fotografiche di Vincenzo Nesta “Le stagi…

CELEBRAZIONI PER LA NASCITA DEL LICEO CLASSICO A RIONERO IN V. nell’Open Night Nazionale del Liceo Classico con la presenza del Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dott. Vito De Filippo

Un ospite d’onore è atteso all’evento celebrativo dell’Istituzione del Ginnasio-Liceo Classico a Rionero in V., venerdì 12 Gennaio 2018 dalle ore 19:30, presso il Centro sociale di Rionero. Il Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dott. Vito De Filippo, ha annunciato la sua partecipazione alla celebrazione, in cui sarà ricostruita, sulla base di fonti documentali, la storia dall’istituzione, nel 1947/48, del Ginnasio comunale autorizzato, aggregato alla Scuola Media “Granata”, poi parificato nel 1949 e Statale nel 1967, sez. staccata di Potenza. Gli studenti di IV e IIIA del Liceo Classico con la prof.ssa Stefania Masiello hanno evidenziato gli snodi più significativi della storia della scuola rionerese di cui, come afferma Raffaele Ciasca nel suo discorso del 4 Novembre 1951: ‹‹[…]è doveroso rendere subito un pubblico riconoscimento agli iniziatori, ai pionieri, ai sostenitori della vigilia. Lo devo anzitutto al preside prof. Enzo Cervellino, […] Lo devo al Consigli…

Ginestra-Vaticano.Papa Benedetto benedice una coppia del piccolo centro arbereshe Franca e Giuseppe Pipolo per i 50 anni di matrimonio

Festeggiare i 50 anni di matrimonio, ricevendo la benedizione da Papa Francesco nella sala Nervi del Vaticano, non è da tutti. Ha ricevere questa benedizione solenne Francesca Parisi e Giuseppe Pipolo di Gnestra. Da 50 anni sposi, con due figli Rosa Filomena Pipolo e Michele Pipolo. A realizzare questo incontro ravvicinato con Papa Francesco, ci ha pensato Rosa, la figlia più grande, inviando una lettera alla segreteria di Papa Francesco, ecco il contenuto: “ Sua Santità, mi chiamo Rosa, sono di Ginestra, un piccolo paesino della Basilicata. Le scrivo in occasione del 50° anniversario di matrimonio che ricorre il prossimo 30 dicembre.Mamma e Papà più volte hanno manifestato il desiderio di icontrarLa, io e mio fratello Michele, abbiamo deciso di scrivere questa lettera per partecipare ad una udienza generale con tutta la famiglia con eventuale benedizione da parte Sua sulla coppia. La richiesta per partecipare all’udienza generale del 27 è stata accolta e mi auguro che venga …

AL VIA IL SERVIZIO CIVILE PRESSO LE PRO LOCO LUCANE PER 50 GIOVANI

È iniziata una nuova avventura per 50 giovani diplomati e laureati lucani impegnati sui due progetti Unpli dal titolo "Basilicata terra ribelle: il fenomeno del brigantaggio lucano" e "Dalle Dolomiti lucane ai Calanchi: Ambiente e Cultura di Lucania" che dal 10 gennaio hanno iniziato a svolgere il Servizio Civile nelle sedi delle Pro Loco di Acerenza, Aliano, Armento, Avigliano, Barile, Calciano, Cirigliano, Filiano, Gallicchio, Maratea, Metaponto, Montalbano Jonico, Montescaglioso, Nova Siri, Oliveto Lucano, Pignola, Pietrapertosa, Ripacandida, Salandra, San Severino Lucano, Spinoso, Stigliano, Valsinni e Viggiano. I giovani volontari del Servizio Civile attivi da qualche giorno nelle 24 sedi Pro Loco accreditate, saranno impegnati nella realizzazione dei progetti approvati, presentati su base regionale da Unpli – Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, sul tema del recupero e della valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale. Il Servizio C…

Melfi.Cattedrale. Mistero su un'opera d'arte nascosta: "Ultima Cena".

Roma, Milano, Firenze, Torino, Napoli: nessuna tra le più importanti città d'arte italiane conosce una spettacolare rappresentazione dell'Ultima Cena, perché essa è conservata a Melfi, nell'imponente Cattedrale di Santa Maria Assunta! Posta sulla navata centrale e proprio sul portone principale della Chiesa, entrando ce la ritroviamo alle spalle e difficilmente ci voltiamo ad osservarla. Stessa cosa succede uscendo, la maggior parte delle volte abbiamo lo sguardo ad altezza uomo, e seppur ci buttiamo un occhio, è troppo in alto per guardarla attentamente. Tutto questo è stato messo all’attenzione dei social da Daniela Sasso curatrice della Pagina Facebook Graphic Revolution Melfi.”Premesso-riferisce Daniela- che alcuni amici che studiano arte mi hanno confermato che sono tutte informazioni corrispondenti al vero, quest’opera è una tela dalle enormi dimensioni che farebbe invidia a quella più famosa di Leonardo da Vinci per la cura minuziosa dei particolari. Quanti …