Passa ai contenuti principali

BANCA POPOLARI BARI: VACCARO (UIL), PIANO IRRICEVIBILE PER ESOSITA’ RICHIESTE, AZIENDA RIVEDA POSIZIONI

Certamente il nuovo piano industriale che la Banca Popolare di Bari ha inviato ai Sindacati di categoria una cosa è riuscita a farla: quella di sollevare sconcerto tra i lavoratori e in particolare tra coloro che prestano la loro attività nel territorio della Basilicata (per non parlare della reazione immediata della clientela).
Si sottolinea che la riduzione del personale per la sola città di Potenza è pari a 130 unità, vale a dire l’intera Direzione di Potenza che da sola rappresenta più del 25% dei 504 licenziamenti previsti dal piano oltre a quelli che potrebbero derivare dalle chiusure delle Filiali in provincia. In Basilicata 130 lavoratori del credito rappresentano il 12% della forza lavoro del settore nell’intera Basilicata. Un prezzo enorme che il nostro territorio non può e non deve pagare. Dopo aver ricercato ed ottenuto buona occupazione nella categoria del Credito con la stabilizzazione dei lavoratori nel Gruppo Intesa San Paolo, non possiamo assistere alla chiusura e perdita di occupazione nella Banca che ha raccolto la storia del credito in regione. La UIL, e nello specifico la UILCA, come l’intera comunità di Basilicata 12 anni fa hanno creduto nel progetto della Banca Popolare di Bari che, mettendo in sintonia economie orizzontali, incorporò con successo la Nuova Banca Mediterranea consolidando la ragione sociale “Popolare” con un azionariato diffuso e radicato per essere una Banca al servizio delle economie locali. In ciò hanno creduto i cittadini della Basilicata che hanno contribuito anche a dare sostanza e dignità al Capitale Sociale, sottoscrivendo più volte aumenti di capitale anche in considerazione del fatto che contribuire a mantenere un’attività economica come una banca, giova all’economia del territorio e quindi a un concetto più ampio rispetto alla redditività del singolo investimento. Nell’era della globalizzazione non vogliamo certo fare una battaglia di campanile ma, visto che i “denari” per lo sviluppo di questa Banca arrivano anche dalle economie di questo territorio, vogliamo SINDACARE sulle scelte strategiche soprattutto quando queste portano decrescita di occupazione. Gli Uffici distaccati della Direzione Generale di Potenza non sono un regalo fatto al territorio; rappresentano il frutto di un accordo sindacale per garantire la continuazione di lavorazioni dove il grado di specializzazioni era già consolidato nella passata Banca Mediterranea come la gestione delle Tesorerie di Enti che con l’influenza della Banca in nuovi territori ha potuto vincere sempre più gare di appalto dando servizi di eccellenza. Ora, in una logica incomprensibile, anche dal punto di vista economico, si vuole affidare all’esterno il servizio subappaltandolo e mandando a casa i​ lavoratori. Siamo felici di ricevere una smentita su questo argomento. Tutto questo accade a un solo anno dalla nuova scelta strategica di non estendersi e consolidarsi tra territori attigui orizzontalmente, ma tentando una crescita verticale attraverso la dorsale adriatica attraverso l’acquisizione del gruppo Tercas, una delle 5 Banche commissariate note alle cronaca. Sulla situazione siamo fortemente preoccupati anche in considerazione della tempistica (l’ultimo accordo, peraltro non attuato pienamente, risale solo al 19/07/2016) e del tenore del piano di ristrutturazione presentatoci, sul quale dobbiamo rilevare in primis che probabilmente ai piani alti della Banca qualcuno ha sbagliato a leggere le “carte”. Ci riferiamo alle “carte” della fusione per incorporazione del Gruppo Tercas; riteniamo, infatti, che una fusione per incorporazione dovrebbe rafforzare un gruppo bancario e, in tal senso abbiamo numerosi esempi anche recenti. Per restare nel perimetro delle (ex) popolari pensiamo, ad esempio, che la fusione tra Banca Popolare di Milano e Banco Popolare abbia prodotto valore aggiunto pur nella drammaticità del periodo che caratterizza tutto il settore (non solo la Banca Popolare di Bari) e il Paese in generale. In relazione, appunto, a quanto rappresentato in questo progetto di ristrutturazione, sembra che la Banca Popolare di Bari esca invece indebolita dalla fusione con Tercas. In alternativa a questo ragionamento dovremmo registrare incapacità a gestire il processo di fusione! ......delle due l’una! Oppure, la vera preoccupazione è rappresentata dal l’incertezza della trasformazione in Spa! Una banca che ha chiuso poco mesi fa un Bilancio con un utile netto di 5,2 MILIONI DI EURO non può e non deve presentare un “piano di lacrime e sangue” esclusivamente solo per i lavoratori, non mettendo minimamente in discussione le riduzioni di altri costi di gestione aziendale, quali: il compenso al “management”, le consulenze esterne, il costante e fulmineo turnover di assunzioni ad alto livello “gerarchico” che, come già da maturata esperienza, presto vengono “consegnati all’oblio”. La Redditività e la produttività non sono un frutto spontaneo ed immediato; specie dopo una fusione, esse vanno coltivate con scelte sapienti di strategie innovative; cose che non vediamo in questo piano così come ci è stato consegnato. Continuiamo pertanto ad affermare sempre più convinti che è irricevibile per l’esosità delle richieste, per la scarsa chiarezza e per l’assenza di prospettive future. Auspichiamo pertanto che l’Azienda riveda le sue posizioni o dia il piano reale, quello che ogni grande gruppo offre all’opinione pubblica per attrarre investimenti. In questi lunghi anni di crisi del sistema non è la prima volta che ci vengono richiesti sacrifici di questa portata ma, tutte le volte che è successo, abbiamo sempre chiesto (e ottenuto) in primo luogo certezze sul futuro dell’azienda e tutele reali per tutti i colleghi interessati dai processi. Sono stati questi i presupposti che ci hanno consentito di sottoscrivere gli accordi relativi agli ultimi piani industriali presentati dalla Banca Popolare di Bari, ma per​ raggiungere quelle intese ci si è avvalsi di un strumento non di secondo piano per gestire le eccedenze di personale: il fondo di sostegno al reddito. C’è bisogno di rinnovamento non rottamando le persone e asfaltando i territori ma creando anche e soprattutto un cambio generazionale, accompagnando gli anziani alla pensione garantendo nuova occupazione e stabilizzazione dei precari; per fare questo bisogna affidare questa importante trattativa a delegazioni trattanti con la presenza costante dei vertici della banca e del sindacato altrimenti con il caldo aumenterà anche la confusione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Non si finisce mai!!! Un'altro incidente sulla via della Morte.

Non passa settimana, senza un incidente sulla Potenza-Melfi. Questa mattina, ennesimo scontro tra autovetture.  Verso le ore 6:00 nei pressi di San Nicola di Melfi, scontro frontale tra due auto sulla strada provinciale. Quattro le persone rimaste ferite. Una donna, di Barile,  che viaggiava in una delle auto coinvolte, è stata ritrovata fuori dal veicolo e trasportata d’urgenza al San Carlo di Potenza.
Pino Di Lucchio

Rapone. Prima Festa di Santità dei pastorelli di Fatima Santi Francesco e Giacinta

A Rapone piccolo paese del vulture tutto pronto per dare inizio alla prima festa di Santità dei Pastorelli di Fatima Francesco e Giacinta. Il 13 febbraio hanno iniziato con un'ora eucaristica dedicata a Suor Lucia la terza pastorella che rimase in vita per scrivere fino agli ultimi tempi nel 2005 tutto quello che lei ricordava delle apparizioni di Fatima .Sabato 17 febbraio alle ore 19:00 in chiesa Madre convegno sulla spiritualità adulta dei Santi Pastorelli. Interverranno: Padre Valter Arrigoni Monaco, il sindaco di Rapone Ing. Lorenzo Felicetta, la referente del Movimento del Messaggio di Fatima della Basilicata De Luca Vita, il parroco don Giovanni De Palma. Un convegno dedicato tutto alla spiritualità dei bambini diventati Santi come mai la Madonna apparve a tre bambini?, forse perchè i bambini sono la chiave del nostro futuro? 

Vi aspettiamo a Rapone per rispondere insieme a tante domande del mistero delle Apparizioni della Madonna ai tre pastorelli. Martedì 20 febbr…

Potenza. Da febbraio, al San Carlo, attivato il servizio ambulatoriale di Ipnosi Clinica. Responsabile il prof. Carlo Antonelli di Palazzo San Gervasio

L’Ospedale San Carlo di Potenza dal 1 febbraio si arricchisce di un altro servizio, quello della Terapia del Dolore, offrendo un servizio ambulatoriale di Ipnosi clinica. E’diventato attivo presso l’Unità Dipartimentale di Terapia del Dolore diretta dal Dottor Antonio Giardina il nuovo Ambulatorio di Ipnosi Clinica. Nell’ambito del territorio Nazionale, rappresenta un raro esempio e sforzo nell’ottica di una gestione multidisciplinare dell’esperienza di dolore. L’ambulatorio è gestito da Carlo Antonelli, Terapista del Dolore e specialista in Ipnosi Clinica e Psicoterapia, e sarà orientato al trattamento del dolore cronico non oncologico, non rispondente o gestibile in modo adeguato con i consueti protocolli terapeutici e nel quale siano determinanti e ragionevolmente modulabili componenti cognitive ed emotive del dolore globale. L’accesso sarà mediato da una prima visita algologica che valuterà l’opportunità di un ricorso all’ipnosi, come prima linea o come terapia di support…

Tre lievi scosse nel Potentino

Tre scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 2.8, le altre di 2.1, sono state registrate nel Potentino tra le ore 9.49 e le 10.07. L'epicentro è stato tra Muro Lucano, Bella, Castelgrande, Balvano e Ricigliano. Non ci sono danni a persone e cose.

Pino Di Lucchio

TG7 Basilicata 8 Febbraio 2018 - 3.Edizione

Vaglio Basilicata. Stage Tecnico di Karate (1) Centro Karate Shotokan. Maestro Mimmi Lacerenza  Intervento di dott. Giancarlo Tamburrino - Sindaco di Vaglio Basilicata

Appuntamento Domenica 18 Febbraio con il Carnevale di Lavello

Manca solo un giorno al grande evento del Carnevale di Lavello. C'è tanta attesa per la meravigliosa sfilata dei carri e della maschera lavellese "il domino". Quest'anno l'evento è reso ancora più eccezionale dal successo ottenuto dal "Domino" al Carnevale di Venezia, dove ha rappresentato la Basilicata, e al Bit di Milano. Un successo ottenuto dall'amministrazione Comunale in un opera di recupero, tutela e valorizzazione del patrimonio immateriale culturale.



Nell'antica tradizione lavellese, il Domino, Indossa una lunga tunica in raso con cappuccio e una mantella che copre spalla e braccia. Sono vestiti rosso, il colore del popolo. Ogni sabato sera, nel periodo compreso tra il 17 gennaio e il sabato successivo al giorno delle ceneri, animano i “festini”: fino al mattino si radunano per ballare mascherati per nascondere la propria identità. Sono i “Domini”, maschera di Carnevale tipica di Lavello.



L’idea è quella di far diventare il carnevale un a…

Domani a Palazzo San Gervasio Don Roberto, il prete-dj che fa la parodia dello Stato Sociale

Manca davvero poco domani finalmente sarà con noi Don Roberto Fiscer, non mancare alla S. Messa a Palazzo San Gervasio, sarà un'esperienza unica.
Prima faceva il dj sulle navi da crociera, adesso è un prete. Così, don Roberto Fiscer ha trasformato la canzone dello Stato Sociale “Una vita in vacanza” in “Una vita in preghiera“. Dopo il successo dello scorso anno, ottenuto con “Lo vinci con quest’arma“, parodia sempre in chiave religiosa della celebre “Occidentalìs Karma“, don Roberto prova a fare il bis, reinterpretando un altro tormentone di Sanremo. Uscendo da Sanremo e arrivando in chiesa, il ritornello di “Una vita in vacanza” diventa: “Una vita in preghiera è la gioia più vera con il Regno che avanza e tutta la Chiesa che suona e che canta per un mondo diverso e che vinco se perdo e Gesù che ci rende migliori la gente che dice e che pensa ‘sei fuori'”. E così in due giorni superale 4500 visualizzazioni. Insomma, il prete-dj riscuote un grande successo con le sue canzoni e…

Comitato Laghi di Monticchio: Se non riusciamo ad essere originali almeno copiamo quelli più bravi di noi.

Nel nord della Slovenia, ai piedi delle Alpi Giulie, sorge uno dei posti più incantevoli dell'intero Paese: Bled . Con soli 6 mila abitanti ma distante circa 60 km dalla Capitale Lubiana (270mila abitanti), la località è famosa per la sua estrema bellezza paesaggistica e per le leggende narrate sulla sua origine. Un piccolo paradiso attorniato da una natura straordinaria e meravigliosi dintorni. Meta ambita da turisti italiani, austriaci e tedeschi per concedersi qualche giorno di assoluto relax. 

Le bellezze naturali, i monumenti storici e la felice ubicazione a meridione delle Alpi fanno di Bled un sito dedicato al turismo. L'immagine di Bled, col castello e l'isola in mezzo al lago, sono le caratteristiche, per le quali la località è nota in quasi tutto il mondo. Il lago di Bled è famoso per la sua eccezionale bellezza. Nel mezzo del lago è sita una romantica isoletta con la chiesa dell'Assunzione della Vergine. L'isola e la chiesa testimoniano numerosi eventi de…

IL TECNICO FEDERALE CREMONINI DOMENICA A MELFI

Il responsabile federale del settore minibasket farà visita alla Normanna Basket Melfi nel suo giro tra 175 società scelte per il loro ottimo lavoro con i più piccoli in tutta Italia Il lavoro paga e se si lavora bene, con i tecnici giusti e senza fretta, investendo sui giovani, i risultati non tardano poi ad arrivare. Per questo possiamo dire che il momento e' sicuramente d'oro per la Normanna basket che è stata scelta, con altre 175 società in tutta Italia, proprio per il suo lavoro nei settori giovanili, per uno stage in cui riceverà la visita del tecnico federale Maurizio Cremonini, la prossima domenica 18 febbraio. Sarà un momento di grande prestigi o per Melfi e la nostra società, con tecnici, ragazzi, dirigenti, genitori, tifosi che incontreranno colui che è responsabile del minibasket e del settore scuola della federazione e li si potrà dialogare con lui, seguire i suoi corsi o ascoltare i suoi consigli e le varie nuove metodologie x coinvolgere sempre più i ragaz…

L'Alta Moda Italiana di Michele Miglionico a Buckingham Palace - Londra

In occasione della presentazione delle Credenziali dell’Ambasciatore d’Italia S.E. Raffaele Trombetta, la consorte Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un abito di Alta Moda firmato dallo stilista Michele Miglionico. 
L’Ambasciatore S.E. Raffaele Trombetta ha presentato a Londra le Credenziali alla Corte di San Giacomo al cospetto di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. La cerimonia, come vuole la tradizione, si è svolta a Buckingham Palace. 

Per questa occasione Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un outfit di Alta Moda a firma dello stilista italiano Michele Miglionico. Un tailleur rosso lacca composto da una giacca di lana e seta matelassè intarsiata di pizzo macramè nero e gonna di duchesse di seta rossa dalla linea a matita con un sopragonna di tulle point d’esprit nero ricamato motivo tartan nei colori grigio e rosso.  Alla fine della cerimonia delle Credenziali, un Vin d’Honneur è stato offerto in Residenza per festeggiare l…