Passa ai contenuti principali

BANCA POPOLARI BARI: VACCARO (UIL), PIANO IRRICEVIBILE PER ESOSITA’ RICHIESTE, AZIENDA RIVEDA POSIZIONI

Certamente il nuovo piano industriale che la Banca Popolare di Bari ha inviato ai Sindacati di categoria una cosa è riuscita a farla: quella di sollevare sconcerto tra i lavoratori e in particolare tra coloro che prestano la loro attività nel territorio della Basilicata (per non parlare della reazione immediata della clientela).
Si sottolinea che la riduzione del personale per la sola città di Potenza è pari a 130 unità, vale a dire l’intera Direzione di Potenza che da sola rappresenta più del 25% dei 504 licenziamenti previsti dal piano oltre a quelli che potrebbero derivare dalle chiusure delle Filiali in provincia. In Basilicata 130 lavoratori del credito rappresentano il 12% della forza lavoro del settore nell’intera Basilicata. Un prezzo enorme che il nostro territorio non può e non deve pagare. Dopo aver ricercato ed ottenuto buona occupazione nella categoria del Credito con la stabilizzazione dei lavoratori nel Gruppo Intesa San Paolo, non possiamo assistere alla chiusura e perdita di occupazione nella Banca che ha raccolto la storia del credito in regione. La UIL, e nello specifico la UILCA, come l’intera comunità di Basilicata 12 anni fa hanno creduto nel progetto della Banca Popolare di Bari che, mettendo in sintonia economie orizzontali, incorporò con successo la Nuova Banca Mediterranea consolidando la ragione sociale “Popolare” con un azionariato diffuso e radicato per essere una Banca al servizio delle economie locali. In ciò hanno creduto i cittadini della Basilicata che hanno contribuito anche a dare sostanza e dignità al Capitale Sociale, sottoscrivendo più volte aumenti di capitale anche in considerazione del fatto che contribuire a mantenere un’attività economica come una banca, giova all’economia del territorio e quindi a un concetto più ampio rispetto alla redditività del singolo investimento. Nell’era della globalizzazione non vogliamo certo fare una battaglia di campanile ma, visto che i “denari” per lo sviluppo di questa Banca arrivano anche dalle economie di questo territorio, vogliamo SINDACARE sulle scelte strategiche soprattutto quando queste portano decrescita di occupazione. Gli Uffici distaccati della Direzione Generale di Potenza non sono un regalo fatto al territorio; rappresentano il frutto di un accordo sindacale per garantire la continuazione di lavorazioni dove il grado di specializzazioni era già consolidato nella passata Banca Mediterranea come la gestione delle Tesorerie di Enti che con l’influenza della Banca in nuovi territori ha potuto vincere sempre più gare di appalto dando servizi di eccellenza. Ora, in una logica incomprensibile, anche dal punto di vista economico, si vuole affidare all’esterno il servizio subappaltandolo e mandando a casa i​ lavoratori. Siamo felici di ricevere una smentita su questo argomento. Tutto questo accade a un solo anno dalla nuova scelta strategica di non estendersi e consolidarsi tra territori attigui orizzontalmente, ma tentando una crescita verticale attraverso la dorsale adriatica attraverso l’acquisizione del gruppo Tercas, una delle 5 Banche commissariate note alle cronaca. Sulla situazione siamo fortemente preoccupati anche in considerazione della tempistica (l’ultimo accordo, peraltro non attuato pienamente, risale solo al 19/07/2016) e del tenore del piano di ristrutturazione presentatoci, sul quale dobbiamo rilevare in primis che probabilmente ai piani alti della Banca qualcuno ha sbagliato a leggere le “carte”. Ci riferiamo alle “carte” della fusione per incorporazione del Gruppo Tercas; riteniamo, infatti, che una fusione per incorporazione dovrebbe rafforzare un gruppo bancario e, in tal senso abbiamo numerosi esempi anche recenti. Per restare nel perimetro delle (ex) popolari pensiamo, ad esempio, che la fusione tra Banca Popolare di Milano e Banco Popolare abbia prodotto valore aggiunto pur nella drammaticità del periodo che caratterizza tutto il settore (non solo la Banca Popolare di Bari) e il Paese in generale. In relazione, appunto, a quanto rappresentato in questo progetto di ristrutturazione, sembra che la Banca Popolare di Bari esca invece indebolita dalla fusione con Tercas. In alternativa a questo ragionamento dovremmo registrare incapacità a gestire il processo di fusione! ......delle due l’una! Oppure, la vera preoccupazione è rappresentata dal l’incertezza della trasformazione in Spa! Una banca che ha chiuso poco mesi fa un Bilancio con un utile netto di 5,2 MILIONI DI EURO non può e non deve presentare un “piano di lacrime e sangue” esclusivamente solo per i lavoratori, non mettendo minimamente in discussione le riduzioni di altri costi di gestione aziendale, quali: il compenso al “management”, le consulenze esterne, il costante e fulmineo turnover di assunzioni ad alto livello “gerarchico” che, come già da maturata esperienza, presto vengono “consegnati all’oblio”. La Redditività e la produttività non sono un frutto spontaneo ed immediato; specie dopo una fusione, esse vanno coltivate con scelte sapienti di strategie innovative; cose che non vediamo in questo piano così come ci è stato consegnato. Continuiamo pertanto ad affermare sempre più convinti che è irricevibile per l’esosità delle richieste, per la scarsa chiarezza e per l’assenza di prospettive future. Auspichiamo pertanto che l’Azienda riveda le sue posizioni o dia il piano reale, quello che ogni grande gruppo offre all’opinione pubblica per attrarre investimenti. In questi lunghi anni di crisi del sistema non è la prima volta che ci vengono richiesti sacrifici di questa portata ma, tutte le volte che è successo, abbiamo sempre chiesto (e ottenuto) in primo luogo certezze sul futuro dell’azienda e tutele reali per tutti i colleghi interessati dai processi. Sono stati questi i presupposti che ci hanno consentito di sottoscrivere gli accordi relativi agli ultimi piani industriali presentati dalla Banca Popolare di Bari, ma per​ raggiungere quelle intese ci si è avvalsi di un strumento non di secondo piano per gestire le eccedenze di personale: il fondo di sostegno al reddito. C’è bisogno di rinnovamento non rottamando le persone e asfaltando i territori ma creando anche e soprattutto un cambio generazionale, accompagnando gli anziani alla pensione garantendo nuova occupazione e stabilizzazione dei precari; per fare questo bisogna affidare questa importante trattativa a delegazioni trattanti con la presenza costante dei vertici della banca e del sindacato altrimenti con il caldo aumenterà anche la confusione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Rionero. Un grande successo la terza edizione di Briganti o Migranti.

Grazie all’impegno della locale Pro Loco, presieduta dal giovane Cristian Strazza, e dell’Amministrazione Comunale, Apt e Regione Basilicata, a Rionero in Vulture si è rivissuta l’atmosfera del brigantaggio post-unitario. 

“Briganti o Migranti”, si intitola così la tre giorni dedicata alla figura di Carmine Crocco, svoltasi il 13, 14 e 15 Ottobre scorsi, che ha richiamato un gran numero di visitatori provenienti dall’intero Sud Italia. 

Dopo il grande successo della seconda edizione, un vero e proprio boom di spettatori (circa 2000 in totale) ha potuto attraversare le strette vie del centro storico per riscoprire i momenti più significativi della storia del Generale dei Briganti Carmine Crocco. 

 Filo conduttore di questa edizione è stato il “fato” ovvero i motivi che hanno spinto il ribelle rionerese a darsi alla macchia e combattere contro l’esercito piemontese. 12 le scene allestite nel Rione Costa: processo a Carmine Crocco, il fiume, l’infanzia, Crocco e il P…

35.0000 persone alla 15. Edizione del Parco Urbano delle Cantine. Qui le foto

Sarà un'edizione indimenticabile. La 15. Edizione del Parco Urbano delle Cantine di Rapolla è stato un successone. Trentacinquemila persone giunte da tutta Italia, hanno apprezzato i luoghi, i sapori, le atmosfere che solo il Parco Urbano delle Cantine di Rapolla sanno trasmettere. Già dalle prime luci dell'alba su Rapolla si sono versati migliaia di turisti, che si sono aggiunti a quelli che erano presenti la sera precedente. 

Tutti i parcheggi erano pieni, le navette che portavano i turisti da Rapolla, alle cantine, hanno girato senza sosta.  Un grazie alla Polizia Locale e i volontari della protezione Civile e delle Guardie Ecozoofile, che sono riusciti a smaltire il traffico. 

Ma la bellezza di questa manifestazione sono stati gli eventi in programma che hanno accompagnato i turisti per tutta la giornata, e in tutti i luoghi.  Si e partiti nella prima mattinata con la visita alla Cooperativa Rapolla Fiorente, con “Degustazione Pane e Olio in frantoio”. Sempre in mattinata visi…

Ordinazione episcopale di S.E. rev.ma Mons. Ciro Fanelli, celebrazione della prima santa Messa Pontificale e presa di possesso della diocesi di Melfi-Rapolla- Venosa

Sarà celebrato mercoledì 18 ottobre 2017, alle ore 17.00 , presso la Basilica Cattedrale di Lucera, il Rito di ordinazione episcopale di Monsignor Ciro Fanelli , ve- scovo eletto della diocesi lucana di Melfi-Rapolla- Venosa. La solenne Concelebrazione Eucaristica, nella festa li- turgica di san Luca evangelista, sarà presieduta da Sua Eccellenza reverendissima Monsignor Giuseppe Giuliano, vescovo di Lucera-Troia, mentre avrà come con-ordin anti Sua Eccellenza reverendissima Monsignor Salvatore L igo- rio, arcivescovo metropolita di Potenza-Muro Lucano - Marsico Nuovo, e Sua Eccellenza reverendissima Mons ignor Domenico Cornacchia, vescovo di Molfetta-Ruvo- Giovinazzo-Terlizzi, già vescovo di Lucera-Troia. Per l’atteso e- vento sono state in- viate alcune indicazioni da parte dell’Ufficio Liturgi- co Diocesano, secondo cui i fedeli delle parrocchie della diocesi di Lucera-Troia potranno accedere in Cattedrale dalle ore 16,15…

A Ruvo del Monte un polacco ucciso per motivi passionali

Un cittadino polacco di 39 anni è stato ucciso la notte scorsa a Ruvo del Monte al termine di una lite per motivi passionali con un rumeno. Il tutto è avvenuto durante una cena, dove era presente un terzo amico, anche lui rumeno. A quando sembra, dopo è scoppiata una lite, finita in tragedia. I Carabinieri - coordinati dal pm di Potenza Vincenzo Lanni, che si è recato sul posto - hanno arrestato un romeno di 42 anni.
Pino Di Lucchio

Rionero. UNILABOR Inaugurazione Anno Accademico 2017-2018

Domani, 13 ottobre, alle ore 17,00, presso il Palazzo Giustino Fortunato si terrà la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico 2017-18 dell'Unilabor, l'Università delle tre età.  Il saluto inaugurale sarà della Presidente dell'UNILABOR Giuseppina Cervellino. Seguiranno gli interventi di Luigi Di Toro, Sindaco di Rionero e Paola D'Antonio, docente dell'Università di Basilicata. Maria Luigia Bozza del direttivo UNILABOR, presenterà i docenti, e illustrerà i corsi e i docenti.  Buon Anno Accademico a tutti i partecipanti dell'UNILABOR.

Pino Di Lucchio

Ad ottobre "Programma Senior" in tutti gli uffici postali della provincia di Potenza

Per tutto il mese di ottobre una campagna dedicata agli over 60  Fino al 31 ottobre, in tutti gli uffici postali di Potenza e provincia, è in corso la campagna “Programma Senior”, l’iniziativa che si rivolge alla clientela over 60 contenente informazioni utili a conoscere la speciale offerta di Poste Italiane. Una delle principali informazioni che in questo mese verranno ricordate ai clienti senior riguarda l’assicurazione gratuita sul furto di contante nelle due ore successive alla riscossione della pensione per tutti coloro che hanno accreditato il rateo sul tradizionale libretto di risparmio o sul conto BancoPosta. E’ stato inoltre realizzato un pacchetto di servizi dedicati con particolari agevolazioni in promozione che vanno dalle molteplici soluzioni di telefonia fissa e mobile, alla polizza assicurativa “PostaProtezione Infortuni Senior” al prestito “Quinto BancoPosta Pensionati”. In Italia sono oltre 13 milioni i residenti con un’età super…

Il comitato provinciale Unicef di Potenza avvia la campagna Pigotta 2017 per salvare migliaia di bambini in tutto il mondo

Nella provincia di Potenza con la Pigotta dell’Unicef si salva la vita a migliaia di bambini. Da sabato 14 ottobre il presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza Mario Coviello con Anna Maria Giambrocono ha avviato la campagna delle pigotta 2017. La Pigotta® è una bambola di pezza, una bambola speciale che può salvare la vita di un bambino.
Le Pigotte, in dialetto lombardo, erano le bambole di pezza del dopoguerra; dal 1999 sono  le bambole dell’UNICEF, uniche ed irripetibili. Sono realizzate a mano con fantasia e creatività da nonni, genitori e bambini, a casa, a scuola, presso associazioni e centri anziani di tutta Italia. Con una donazione minima di 20 € tutti possono adottare una Pigotta e sostenere l’UNICEF e i suoi programmi salvavita. Ogni Pigotta apre un cerchio di solidarietà che unisce chi ha realizzato la bambola, chi l’ha adottata e il bambino che, grazie all’UNICEF, verrà inserito in un programma di lotta alla mortalità infantile denominato "Strategia Acceler…

Aspettando "Briganti o Migranti". Rionero 13, 14 e 15 Ottobre

É venuto il nostro tempo! dissero i contadini
Ancor oggi si dice che la reazione fu il frutto dell'ignoranza, ciò sarà vero, anzi è verissimo, ma, a promuovere la reazione vi concorsero pure questi arrabbiati signorotti di provincia, i quali con sfacciata millanteria dicevano: "venuto il tempo nostro". Ed i poveri oltraggiati risposero: "venuto pure il nostro tempo", e cosi' in molti paesi si ebbero uccisioni, assassinii, depredazioni; i frutti della guerra civile. Fui ricevuto in Stigliano dal prete, un grasso parroco, vestito per le grandi occasioni, che mi venne incontro ed offrendomi il Crocifisso a baciare invocò la pietà e la misericordia pei suoi fedeli rimasti in paese. 

Prevaleva in me e nei componenti la mia banda un sentimento di religione che ci faceva timorosi di fronte a Dio; ognuno di noi aveva appeso al collo il sacro abitino coll'immagine della Madonna, ch'egli invocava a salvezza della vita ne' conflitti, onde la preghiera del pr…

CORSO DI COMUNICAZIONE RADIOFONICA Relatore Massimo Cervelli conduttore di radio2 rai Hotel Kiris di Viggiano (PZ) 25 e 26 Novembre 2017

Massimo Cervelli conduttore dal 1998 di radio2 rai presso la Sala Congressi dell’Hotel Kiris di Viggiano (PZ) il 25 e il 26 Novembre 2017 terrà un Corso di comunicazione radiofonica-Come diventare DJ e conduttori radiofonici. Il seminario si articola in due giornate, per una durata complessiva di 16 ore: 8 ore il sabato e 8 ore la domenica, dalle 9:00 alle 13.00 e dalle 14:00 alle 18:00. Il corso di comunicazione radiofonica è rivolto a speaker professionisti, amatoriali e aspiranti che vogliono migliorare la tecnica di conduzione radiofonica e scoprire i metodi di una comunicazione efficace e diretta. Durante le due giornate il conduttore di radio2 rai svolgerà un vasto programma strutturato in due parti: teorico e pratico. La prima parte sarà dedicata alla costruzione di una scaletta di un programma radiofonico e musicale, all’intervista, alla costruzione di un intervento radiofonico partendo da una notizia, alle tecniche di Presentazione di un evento Live e alle tecniche di dizion…

Incidenti stradali: dati lucani

Ecco i dati targati 2016 degli incidenti stradali in Basilicata. Si contano 945 incidenti stradali, ciò ha causato la morte di 42 persone e il ferimento di 1.519. In confronto al 2015, sono aumentati il numero degli incidenti (+1,0%), mentre si riducono il numero dei feriti (-2,8%) e quello dei morti (-2,3%). Dati rilevati dall'Istat, è inoltre evidenziato che "la ss 407 Basentana (6 morti e 26 feriti) e la ss 598 di Fondo Valle dell'Agri (5 morti e 40 feriti) hanno rappresentato, nel 2016, le arterie stradali  più critiche per la sicurezza stradale in Basilicata.
Pino DI Lucchio

TG7 Basilicata Supplemento a SIDERURGIKATV testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. Num. Reg. Stampa 470