giovedì 20 luglio 2017

Gli 091 Blues e Scott Henderson sul palco di Piazza Risorgimento per la seconda serata della XXI edizione del Pignola in Blues

Sabato 22 Luglio alle 21 in Piazza Risorgimento, apriranno la seconda serata della XXI edizione del Pignola in Blues, gli 091 Blues, compagine che vanta venticinque anni di concerti, musica e arte. Piero Vaccarello (chitarra e voce), Filippo Patti (batteria e voce), Dario Capostagno (basso) e Roberto Clesceri (pianoforte),
daranno sfoggio a tutto il repertorio della band, fatto di cover, ma anche di canzoni scritte dalla loro band. Testi inediti, che si caratterizzano per la capacità di avere unito il blues al dialetto siculo. La band palermitana è nata agli inizi degli anni ‘90 per intrattenere il pubblico nei pub siciliani con un repertorio di cover rock blues. Nel 2015 abbraccia un nuovo progetto musicale con l'intento e la voglia di proporre inediti cantati in dialetto siciliano con sonorità tipiche del Blues, Rock Blues e Rock'n'Roll. 


Ironizza sui vizi e sulle virtù dei siciliani raccontando aneddoti, filastrocche e tradizioni tipiche della propria terra. Nel 2016 la band inaugura i propri inediti, con la partecipazione al Contest del Pistoia Blues Festival, nel corso dal quale approdano alla finalissima del 25 giugno. Dopo aver tenuto la clinic nel pomeriggio a Palazzo Gaeta, chiuderà la serata Scott Henderson, uno dei più grandi chitarristi jazz-rock del panorama mondiale sul palco con Archibald Ligonniere alla batteria e Romain Labaye al basso. Fu già ospite del Pignola in Blues nel 2006. Nato nel 1954, Scott Henderson è cresciuto in un'epoca in cui il blues-rock era al massimo. I suoi anni musicali formativi si sono svolti in Florida del Sud dove nei club, con tante band, ha suonato di tutto, dai Led Zeppelin a James Brown. Mentre studiava chitarra, Henderson fu influenzato da Jimmy Page, Jeff Beck, Jimi Hendrix, Ritchie Blackmore e dai grandi chitarristi blues Albert King e Buddy Guy. Anche se Henderson sostiene di essere più di un rock-blues, è stato l'influenza del jazz che lo ha portato allo stile di gioco e composizione di cui è famoso. Nel 1980 si trasferisce a Los Angeles per frequentare l'Istituto di Tecnologia della Chitarra, studiando con Joe Diorio. Dopo la laurea diventa uno dei più prestigiosi insegnanti dello stesso GIT. Dopo i primi anni ‘80 si trasferisce a Los Angeles dove suona e registra con l’Elektric Band di Chick Corea, con il violinista Jean-Luc Ponty, con il bassista Jeff Berlin e quattro anni con Joe Zawinul. Henderson forma i “Tribal Tech” nel 1984 con il bassista Gary Willis e dopo dieci album di grande successo, Henderson è ormai acclamato come chitarrista di classe mondiale e soprattutto grande compositore . Nel 1991 è stato nominato dal Guitar World come chitarrista jazz n° 1 e nel gennaio 1992 è stato nominato chitarrista jazz n° 1 nel sondaggio annuale dei lettori di Guitar. Il suo primo album blues "Dog Party", è un ritratto delle sue radici musicali, vincitore come miglior album blues del 1994 in Guitar Player. Il secondo album blues per Mesa / Bluemoon Records accoppia Henderson con la leggendaria vocalist Thelma Houston. "Tore Down House" è stato pubblicato nell’aprile del ‘97 e ha ricevuto quattro stelle in Jazz Times, Guitar Player, Guitar, Guitar Shop e L.A Jazz Scene Magazines. "Well to the Bone", il terzo e più maturo lavoro come leader di Henderson, è un disco in trio attualmente in eseguito in presa diretta dalla sua band con John Humphrey al basso e Alan Hertz alla batteria. Scott ha anche pubblicato tre album con i "Vital Tech Tones". A parte la sua professione di musicista, Scott insegna presso l'Istituto Musicale di Hollywood, e ha scritto colonne per Guitar Player, Guitar World e Guitar Magazine. Ha pubblicato video educational, "Jazz Fusion Improvisation" e "Melodic Phrasing" su un DVD intitolato "Scott Henderson - Jazz Rock Mastery". I libri di chitarra di Scott Henderson, due collezioni delle sue composizioni, sono disponibili attraverso Hal Leonard Publishing, così come il suo più recente libro "Jazz Guitar Chord System", un metodo rivoluzionario per gli studenti, innovativo rispetto alle molteplicità dell'armonia jazz.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari