Passa ai contenuti principali

Grande successo per la seconda manifestazione “Vita da Campione”: folla di sorrisi, tripudio di palloncini volanti ed esultanza di bimbi scatenati hanno dettato l’andamento dell’intera Domenica sportiva Brose

La scorsa domenica si è replicato con grandi aspettative ed immensa soddisfazione l’evento sportivo e sociale “Vita da Campione”. L’evento marchiato Brose ha visto partecipi le famiglie dell’azienda lucana, la gioviale e grande rappresentanza delle Caritas capitaneggiata dall’amato Don Sandro, gli amici dell’associazione “Talucci Myriam Vulture”.



Alle ore 07:00 del mattino i cancelli del campo si sono spalancati per permettere ai fornitori di entrare nell’impeccabile campo dall’erbetta verde smeraldo e per far in modo che le ancelle fantasia e maestria creassero l’ineccepibile scenografia della favola: 



i palloni marchiati Brose hanno d’un tratto ricoperto saltanti e liberi l’intera area dell’evento, le colorate strutture di palloncini riportanti in corpo il logo aziendale hanno invaso gli spazi non ancora adorni, i grandi gazebi color bianco hanno creato la cara amica ombra per il ristoro delle sedute e il per rinfresco delle prelibatezze del catering viaggianti da carne alla brace a stuzzicherie farcite, a torta multipiano dal cioccolato straripante, a bicchieroni di frutta fresca sapientemente tagliata, a cupcakes da sogno sembranti finti; rappresentanti ognuno uno sport ed esibenti ciascuno una racchetta da tennis, una pallina da ping pong o un pallone da calcio.. 



I bambini, accolti nelle calorose e protettive braccia degli esperti e giovanissimi animatori, hanno trovato libero sfogo e creativa euforia tra gonfiabili giganti, giochi all’ultima sfida, salti da un campetto all’altro, da un diversivo sportivo all’altro, da un sorriso ad una fragorosa risata. 



Ma il ruolo da protagonisti e magici sceneggiatori è stato quest’anno ricoperto dai dipendenti Brose. I dipendenti Brose, calzate le scarpette chiodate all’ultima moda e indossate le variopinte divise da calcio tanto studiate e tanto agognate, sono scesi in campo e si sono battuti in un appassionato e divertentissimo torneo di calcetto. 



Otto le squadre presenti, otto le squadre dai nomi gioviali, sei le squadre della famiglia Brose, 1 la squadra del caro Don Sandro con i suoi “Ragazzi di Don Sandro” e una la squadra dell’associazione “Talucci Myriam Vulture” dal nome “Gli Amici della Brose”. 



I colleghi di ogni giorno hanno deciso di appellarsi in maniera creativa con sigle rifacentesi al lavoro di ogni dì, ed ecco quindi correre in campo le magliette chiamatesi “First” come i nostri principi aziendali, “Le Bilancelle” ovvero le strutture dove si poggiano i nostri prodotti, I Bowden 520 ovvero i cavi che ogni giorno le sapienti mani Brose lavorano, 500X e Renegade come le vetture portanti il carrier Brose, Alfa Team Veloce come la linea Alfa che odiernamente lavora per la vettura Giulia dell’ Alfa Romeo. 



L’innocente scopo di radunare tutti per una goliardica giornata è stato pienamente centrato, la pura volontà di ridere e scherzare insieme è stata esaudita, il desiderio di vivere in libertà ed armonia si è pienamente espresso in ogni singolo urlo di gioia, in ogni singolo paio di occhi orgogliosi, in ogni singola voglia di essere partecipi e presenti a quello che è stato uno dei tanti eventi Brose. 



Le squadre vincitrici che hanno visto i “Renegade” conquistare il secondo posto e gli “Alfa Team Veloce” salire sul gradino di terzi classificati, sono state premiate con originali coppe portanti nella loro targa un augurio speciale; le coppe hanno infatti inciso su di esse la frase “Primo torneo calcetto Brose Melfi”, e l’augurio di noi tutti è che giornate come queste, che tornei e gare sportive si susseguano all’infinito fino a non poter più indicare sulle future targhe il numero progressivo indicante l’evento. 



All’indomani della festa, le coppe sono state calorosamente avvinghiate e gelosamente posate proprio sulle linee produttive delle squadre vincitrici, l’intento dei vincitori era infatti quello di aver i trofei costantemente sott’occhio. 



All’inizio il tentativo di spostare i premi nella vetrata sala riunione è stato guardato di sott’occhio dai primi classificati, i quali hanno poi subito metaforicamente ceduto i trofei perché posto migliore non vi è per custodirli se non che il posto visibile a tutti. “I trofei sono stati infatti posizionati dietro la vetrata principale della meeting room disposta direttamente sullo shop floor in modo da rendere visibile a tutti e dico a tutti i simboli della vittoria, gli emblemi dei nostri principi, la rappresentazione di una giornata impressa nel nostro cuore, il segno della nostra essenza. 



Ed ecco che guardandoli si respira ancora quell’euforia dell’evento appena trascorso e quell’irrefrenabile voglia di replicare il tutto appena possibile” - commenta il Dott. Di Battista, direttore dello stabilimento Brose Melfi. 



“Le foto scattate sono state migliaia, i video girati hanno filmato ore ed ore di aggregazione, gli attimi immortalati sono decine di decine ed ora che mi trovo di fronte all’arduo compito di scegliere la foto ricordo dell’evento 2017,- commenta l’organizzatrice la Dott.ssa Samantha Salvia, -non posso che scegliere quella che a breve rapirà i vostri occhi e farà trepidare il vostro essere: 



Una scritta su un campo, una parola, una gigantografia del nostro logo aziendale…cinque lettere sfavillanti dalle tinte diverse..vi chiederete cosa ci sia di tanto bello o strano in questo..ebbene..osservate bene l’immagine…quella parola è formata da persone, è formata da me e te creante il noi, è formata dagli appartenenti alla famiglia Brose, da quelli appartenenti che come minuscole formichine hanno dato vita nell’insieme a qualcosa di strepitoso”.





Commenti

Post popolari in questo blog

Non si finisce mai!!! Un'altro incidente sulla via della Morte.

Non passa settimana, senza un incidente sulla Potenza-Melfi. Questa mattina, ennesimo scontro tra autovetture.  Verso le ore 6:00 nei pressi di San Nicola di Melfi, scontro frontale tra due auto sulla strada provinciale. Quattro le persone rimaste ferite. Una donna, di Barile,  che viaggiava in una delle auto coinvolte, è stata ritrovata fuori dal veicolo e trasportata d’urgenza al San Carlo di Potenza.
Pino Di Lucchio

Rapone. Prima Festa di Santità dei pastorelli di Fatima Santi Francesco e Giacinta

A Rapone piccolo paese del vulture tutto pronto per dare inizio alla prima festa di Santità dei Pastorelli di Fatima Francesco e Giacinta. Il 13 febbraio hanno iniziato con un'ora eucaristica dedicata a Suor Lucia la terza pastorella che rimase in vita per scrivere fino agli ultimi tempi nel 2005 tutto quello che lei ricordava delle apparizioni di Fatima .Sabato 17 febbraio alle ore 19:00 in chiesa Madre convegno sulla spiritualità adulta dei Santi Pastorelli. Interverranno: Padre Valter Arrigoni Monaco, il sindaco di Rapone Ing. Lorenzo Felicetta, la referente del Movimento del Messaggio di Fatima della Basilicata De Luca Vita, il parroco don Giovanni De Palma. Un convegno dedicato tutto alla spiritualità dei bambini diventati Santi come mai la Madonna apparve a tre bambini?, forse perchè i bambini sono la chiave del nostro futuro? 

Vi aspettiamo a Rapone per rispondere insieme a tante domande del mistero delle Apparizioni della Madonna ai tre pastorelli. Martedì 20 febbr…

Potenza. Da febbraio, al San Carlo, attivato il servizio ambulatoriale di Ipnosi Clinica. Responsabile il prof. Carlo Antonelli di Palazzo San Gervasio

L’Ospedale San Carlo di Potenza dal 1 febbraio si arricchisce di un altro servizio, quello della Terapia del Dolore, offrendo un servizio ambulatoriale di Ipnosi clinica. E’diventato attivo presso l’Unità Dipartimentale di Terapia del Dolore diretta dal Dottor Antonio Giardina il nuovo Ambulatorio di Ipnosi Clinica. Nell’ambito del territorio Nazionale, rappresenta un raro esempio e sforzo nell’ottica di una gestione multidisciplinare dell’esperienza di dolore. L’ambulatorio è gestito da Carlo Antonelli, Terapista del Dolore e specialista in Ipnosi Clinica e Psicoterapia, e sarà orientato al trattamento del dolore cronico non oncologico, non rispondente o gestibile in modo adeguato con i consueti protocolli terapeutici e nel quale siano determinanti e ragionevolmente modulabili componenti cognitive ed emotive del dolore globale. L’accesso sarà mediato da una prima visita algologica che valuterà l’opportunità di un ricorso all’ipnosi, come prima linea o come terapia di support…

Tre lievi scosse nel Potentino

Tre scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 2.8, le altre di 2.1, sono state registrate nel Potentino tra le ore 9.49 e le 10.07. L'epicentro è stato tra Muro Lucano, Bella, Castelgrande, Balvano e Ricigliano. Non ci sono danni a persone e cose.

Pino Di Lucchio

TG7 Basilicata 8 Febbraio 2018 - 3.Edizione

Vaglio Basilicata. Stage Tecnico di Karate (1) Centro Karate Shotokan. Maestro Mimmi Lacerenza  Intervento di dott. Giancarlo Tamburrino - Sindaco di Vaglio Basilicata

Appuntamento Domenica 18 Febbraio con il Carnevale di Lavello

Manca solo un giorno al grande evento del Carnevale di Lavello. C'è tanta attesa per la meravigliosa sfilata dei carri e della maschera lavellese "il domino". Quest'anno l'evento è reso ancora più eccezionale dal successo ottenuto dal "Domino" al Carnevale di Venezia, dove ha rappresentato la Basilicata, e al Bit di Milano. Un successo ottenuto dall'amministrazione Comunale in un opera di recupero, tutela e valorizzazione del patrimonio immateriale culturale.



Nell'antica tradizione lavellese, il Domino, Indossa una lunga tunica in raso con cappuccio e una mantella che copre spalla e braccia. Sono vestiti rosso, il colore del popolo. Ogni sabato sera, nel periodo compreso tra il 17 gennaio e il sabato successivo al giorno delle ceneri, animano i “festini”: fino al mattino si radunano per ballare mascherati per nascondere la propria identità. Sono i “Domini”, maschera di Carnevale tipica di Lavello.



L’idea è quella di far diventare il carnevale un a…

Domani a Palazzo San Gervasio Don Roberto, il prete-dj che fa la parodia dello Stato Sociale

Manca davvero poco domani finalmente sarà con noi Don Roberto Fiscer, non mancare alla S. Messa a Palazzo San Gervasio, sarà un'esperienza unica.
Prima faceva il dj sulle navi da crociera, adesso è un prete. Così, don Roberto Fiscer ha trasformato la canzone dello Stato Sociale “Una vita in vacanza” in “Una vita in preghiera“. Dopo il successo dello scorso anno, ottenuto con “Lo vinci con quest’arma“, parodia sempre in chiave religiosa della celebre “Occidentalìs Karma“, don Roberto prova a fare il bis, reinterpretando un altro tormentone di Sanremo. Uscendo da Sanremo e arrivando in chiesa, il ritornello di “Una vita in vacanza” diventa: “Una vita in preghiera è la gioia più vera con il Regno che avanza e tutta la Chiesa che suona e che canta per un mondo diverso e che vinco se perdo e Gesù che ci rende migliori la gente che dice e che pensa ‘sei fuori'”. E così in due giorni superale 4500 visualizzazioni. Insomma, il prete-dj riscuote un grande successo con le sue canzoni e…

Comitato Laghi di Monticchio: Se non riusciamo ad essere originali almeno copiamo quelli più bravi di noi.

Nel nord della Slovenia, ai piedi delle Alpi Giulie, sorge uno dei posti più incantevoli dell'intero Paese: Bled . Con soli 6 mila abitanti ma distante circa 60 km dalla Capitale Lubiana (270mila abitanti), la località è famosa per la sua estrema bellezza paesaggistica e per le leggende narrate sulla sua origine. Un piccolo paradiso attorniato da una natura straordinaria e meravigliosi dintorni. Meta ambita da turisti italiani, austriaci e tedeschi per concedersi qualche giorno di assoluto relax. 

Le bellezze naturali, i monumenti storici e la felice ubicazione a meridione delle Alpi fanno di Bled un sito dedicato al turismo. L'immagine di Bled, col castello e l'isola in mezzo al lago, sono le caratteristiche, per le quali la località è nota in quasi tutto il mondo. Il lago di Bled è famoso per la sua eccezionale bellezza. Nel mezzo del lago è sita una romantica isoletta con la chiesa dell'Assunzione della Vergine. L'isola e la chiesa testimoniano numerosi eventi de…

IL TECNICO FEDERALE CREMONINI DOMENICA A MELFI

Il responsabile federale del settore minibasket farà visita alla Normanna Basket Melfi nel suo giro tra 175 società scelte per il loro ottimo lavoro con i più piccoli in tutta Italia Il lavoro paga e se si lavora bene, con i tecnici giusti e senza fretta, investendo sui giovani, i risultati non tardano poi ad arrivare. Per questo possiamo dire che il momento e' sicuramente d'oro per la Normanna basket che è stata scelta, con altre 175 società in tutta Italia, proprio per il suo lavoro nei settori giovanili, per uno stage in cui riceverà la visita del tecnico federale Maurizio Cremonini, la prossima domenica 18 febbraio. Sarà un momento di grande prestigi o per Melfi e la nostra società, con tecnici, ragazzi, dirigenti, genitori, tifosi che incontreranno colui che è responsabile del minibasket e del settore scuola della federazione e li si potrà dialogare con lui, seguire i suoi corsi o ascoltare i suoi consigli e le varie nuove metodologie x coinvolgere sempre più i ragaz…

L'Alta Moda Italiana di Michele Miglionico a Buckingham Palace - Londra

In occasione della presentazione delle Credenziali dell’Ambasciatore d’Italia S.E. Raffaele Trombetta, la consorte Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un abito di Alta Moda firmato dallo stilista Michele Miglionico. 
L’Ambasciatore S.E. Raffaele Trombetta ha presentato a Londra le Credenziali alla Corte di San Giacomo al cospetto di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. La cerimonia, come vuole la tradizione, si è svolta a Buckingham Palace. 

Per questa occasione Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un outfit di Alta Moda a firma dello stilista italiano Michele Miglionico. Un tailleur rosso lacca composto da una giacca di lana e seta matelassè intarsiata di pizzo macramè nero e gonna di duchesse di seta rossa dalla linea a matita con un sopragonna di tulle point d’esprit nero ricamato motivo tartan nei colori grigio e rosso.  Alla fine della cerimonia delle Credenziali, un Vin d’Honneur è stato offerto in Residenza per festeggiare l…