martedì 18 luglio 2017

Sul Servizio "118 Basilicata Soccorso" a rischio implosione e a causa delle gravi carenze di personale, interviene il Segretario Provinciale della FIALS Potenza Giuseppe Costanzo

Forti criticità sul servizio 118 a rischio implosione per le gravi e persistenti carenze di personale, sono state segnalate alla scrivente O.S.. Questo è quanto dichiara il Segretario Provinciale della Fials Potenza; Giuseppe Costanzo, nell’ambito del Dires che aggiunge in una nota stampa "che a tutt’oggi, nessuna
convocazione è convenuta al fine di, avviare un confronto costruttivo sulle diverse tematiche discusse durante la riunione dello scorso 26 giugno in quanto il sistema urgenza-emergenza nell’ambito del riordino sanitario è stato dichiarato come obiettivo da rafforzare ma, di fatto non perseguibile per la grave carenza di personale". Si registrano continue chiusure di alcune postazioni del 118, e ciò incide, negativamente, sulla qualità e la quantità delle prestazioni assistenziali e le risposte ai bisogni da assicurare all’utenza - continua Costanzo che aggiunge - "oltre alla cronica carenza delle postazioni, ad aggravare il quadro generale vi è anche la programmazione delle ferie estive che agli stessi operatori, necessariamente, devono essere assicurate e nessun intervento straordinario è stato ancora pianificato". L’importanza della Centrale Operativa, prosegue il sindacalista - strategico punto di riferimento dell’intera rete del Dires ed essenziale per il sistema d’emergenza, purtroppo, “vive” la cronica carenza di personale infermieristico con assenze note da mesi e difficilmente compensabili in poco tempo con eventuali nuove assegnazioni, un dato “certificato” dall’Accordo Stato-Regione che definisce il rapporto d'iInfermieri e popolazione, notevole è la difficoltà nel gestire chiamate di soccorso, questa situazione di lavoro - conclude Giuseppe Costanzo - genera stress, disagio psicofisico e conflitti poiché il personale è sovracaricato da notevoli turni con eccedenze orarie, ed un’esposizione a situazioni di “super lavoro” che non rivestono carattere di eccezionalità, ma di naturale continuità, dovuta proprio alla cronica carenza di personale e ciò sarebbe auspicabile che se ne prenda coscienza e si dia seguito a risposte concrete". 

 Il Responsabile della Comunicazione Rocco Becce

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari