Passa ai contenuti principali

MESSAGGIO DEL VESCOVO ELETTO ALLA SANTA CHIESA DI DIO CHE E’ IN MELFI-RAPOLLA-VENOSA

Carissimi fratelli e sorelle, 
con sentimenti di sorpresa e stupore, ma anche di timore e trepidazione, rivolgo il mio saluto all’intera comunità diocesana di Melfi-Rapolla-Venosa, e a tutte le istituzioni pubbliche. Sorpresa e stupore nell’apprendere la scelta di Papa Francesco di nominarmi Vescovo, vostro Vescovo! A Dio, “Padre del Signore nostro Gesù Cristo, Padre misericordioso e Dio di ogni consolazione”, (2 Cor 1,3) dico nella fede il “si” dell’abbandono alla Sua fedeltà, con le parole del Beato Charles de Foucauld con le quali ho sempre pregato:

“mi abbandono a Te, rimetto la mia anima nelle tue mani”. Al Santo Padre esprimo tutta la mia gratitudine, per la fiducia che ha voluto mostrare nei miei confronti affidandomi un compito molto più grande delle mie povere forze, e soprattutto gli manifesto il mio attestato di filiale docilità. Sorpresa e stupore anche per voi, carissimi fratelli e sorelle della Santa Chiesa di Dio che è in Melfi-Rapolla-Venosa, che accogliete oggi il nome di un nuovo pastore con una storia e un volto non ancora conosciuto. Insieme, quanto prima, impareremo a conoscerci, a stimarci e, soprattutto, ad amarci come il Signore ci ama. E’ con questi sentimenti nel cuore, insieme alla fede, che accompagna e orienta sempre e in particolare nei momenti importanti della vita, che per la prima volta mi rivolgo a voi tutti, rendendo grazie a Dio, che mi ha scelto per tale ministero (cfr. 1 Tm 1,12), e lodandolo per voi tutti che siete stati redenti non a prezzo di cose effimere, ma con il Sangue prezioso del Suo Figlio (cfr. 1 Pt 1,18-19; Rm 3,25; Ef 1,6). Esprimo anzitutto il mio cordiale saluto a S. E. Mons. Gianfranco Todisco, che per voi è stato per 14 anni Vescovo, pastore buono e fedele, che obbedendo alla voce dello Spirito è stato inviato dal Santo Padre missionario in Honduras per annunciare il Vangelo a tutti, specialmente agli ultimi; un grazie fraterno a Mons. Vincenzo Vigilante, che in quest’ultimo periodo ha guidato con saggezza la diocesi come Amministratore Diocesano, coadiuvato dal Collegio dei Consultori. Saluto anche con deferenza S. E. Mons. Rocco Talucci, Arcivescovo emerito di Brindisi-Ostuni e figlio della Santa Chiesa di Melfi-Rapolla-Venosa. Un abbraccio di comunione a tutti i Vescovi che vivono il loro servizio alle Chiese della Basilicata. In modo speciale rivolgo il mio saluto e il mio grazie a tutti i carissimi fratelli presbiteri della diocesi di Melfi-Rapolla-Venosa, preziosi ed insostituibili collaboratori del ministero episcopale, unitamente ai consacrati e alle consacrate, ai diaconi, ai seminaristi. Carissimi fratelli Sacerdoti, a voi un mio abbraccio fraterno e cordiale, per nulla di circostanza! Insieme siamo fratelli, insieme siamo presbiterio; insieme dobbiamo porci in costante ascolto del Vangelo e dei segni dei tempi! Solo vivendo uno stile fraterno, fondato nella grazia sacramentale del Sacerdozio e nel Vangelo, saremo capaci di annunciare, in maniera credibile, visibile ed udibile che la vita è dono, vocazione e missione. Carissimi fratelli Sacerdoti, lasciamoci interpellare e trasformare dalla bellezza e dal fascino della Parola di Dio! Il Vangelo ci aprirà sempre alla novità che il Signore vuole donarci qui ed ora per il bene della nostra Chiesa e per la vita degli uomini e delle donne che, nel nome di Cristo, siamo chiamati a servire. Come Chiesa, si tratterà di crescere insieme nella condivisione, in tutte le forme, della ricerca per raggiungere una comprensione armonica della realtà e della individuazione di percorsi da intraprendere in maniera condivisa. E’ questo, carissimi, il volto della Chiesa di comunione che, alla luce del Concilio Vaticano II, siamo chiamati a edificare. E’ vero: è un ideale! E come tale può rimanere imprigionato in belle parole; ma sappiamo anche che ogni ideale è sempre possibilità raggiungibile, pur nella durezza dei percorsi! Sono sicuro che ogni traguardo ecclesiale ed ogni desiderio evangelico potranno diventare in qualche modo concreti solo con l’aiuto di tutti e con la preghiera di tutti; non facciamo mai mancare la pazienza e la collaborazione, nella schiettezza di un vero confronto e dialogo! Solo così saremo capaci di preparare “otri nuovi” (cfr. Mc 2, 22) per accogliere il “vino nuovo” del Regno, che continuamente il Signore dona alla sua Chiesa. Il mio saluto va a tutti voi, carissimi e amatissimi fedeli della diocesi di Melfi-Rapolla- Venosa, alle famiglie, ai giovani, ai bambini, ai lavoratori e a quanti sono attanagliati dalla morsa della disoccupazione, agli ammalati, agli anziani, agli ultimi e a quanti svolgono diverse forme di servizio per la comunità ecclesiale. Saluto con profondo rispetto le Autorità, civili e militari, impegnate nel servizio e nella tutela del bene condiviso, e della promozione di ogni comunità. Non posso nascondere anche la gratitudine verso l’amata Chiesa di Lucera-Troia, da cui provengo e che mi ha generato alla fede e alla vocazione: innanzitutto al Vescovo S. E. Mons. Giuseppe Giuliano, che sin da subito ha voluto benevolmente riporre in me fiducia e stima nominandomi suo vicario generale ed onorandomi con la sua amicizia; ai suoi predecessori, S.E. Mons. Domenico Cornacchia, S.E. Mons. Francesco Zerrillo e S.E. Mons. Raffaele Castielli, che mi hanno sempre mostrato paternità e comprensione; a S.E. Mons. Michele Di Ruberto, sempre paternamente vicino; a tutti i sacerdoti, ai diaconi, ai seminaristi, alle persone consacrate e ai laici che ho conosciuto in diverse occasioni, e, in modo particolare, alle carissime e amatissime comunità Parrocchiali della Cattedrale e di San Giacomo M. A., alla Curia Diocesana, all’Azione Cattolica, ai familiari, e a tanti amici a cui mi sento legato da riconoscenza grande, certo che i legami autentici sono e rimarranno vivi. La mia nomina viene resa di pubblico dominio nella memoria liturgica di San Giovanni Maria Vianney, il S. Curato d’Ars, che nella sua vita, tutta vissuta a servizio della comunità, mi offre le coordinate essenziali per il mio servizio episcopale in mezzo a voi. San Giovanni Maria Vianney, mi ricorda e ci ricorda che nella Chiesa ogni ministero per essere fecondo deve essere vissuto nella piena conformazione ed imitazione di Cristo, che è venuto non per essere servito ma per servire e dare la vita (cfr. Mt 20, 28). Il Vescovo, infatti, non è certo un’autorità mondana, ma un umile segno della passione evangelica per tutto ciò che è squisitamente umano. Imploro dallo Spirito Santo di donarmi di entrare dentro la vita del popolo santo di Dio di Melfi-Rapolla-Venosa, e anche di farmi essere fratello di tutti e di ognuno. Il nostro “stare insieme” si rafforzerà nella misura in cui vivremo in comunione la lode al Signore, il gioioso annunzio del Vangelo e la testimonianza coraggiosa della carità. Con la luce del Vangelo vorrei essere vicino alle periferie geografiche ed esistenziali della nostra Chiesa di Melfi-Rapolla-Venosa, con l’attenzione ai più poveri, agli ultimi e a chi soffre, accogliendo nello stesso tempo il senso profondo dell’invito di Papa Francesco: al pastore sta a cuore la vita di tutti. Infatti, cercherò di conoscere e di conoscervi, come il pastore evangelico che “chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori” (Gv 10,3). In questo delicato e decisivo momento della mia vita, sento risuonare per me tanti passi della Scrittura, che in questi anni di sacerdozio mi sono stati di aiuto e di sostegno, ma, in modo particolare sento vibrare nel mio animo, le parole che Dio disse a Giosuè nel momento in cui veniva chiamato a farsi carico della guida del popolo Israele nell’entrare nella Terra Promessa: “Sii forte e coraggioso … Non avere paura e non spaventarti, perché il Signore, tuo Dio, è con te, dovunque tu vada” (Gs 1,6). Queste parole della Scrittura, che risuonano per me anche con l’eco della vocazione al sacerdozio ministeriale, sono portatrici ora di un mandato e di una promessa, e mi introducono anche alla preghiera. E’ la mia preghiera per voi, carissimi fratelli e sorelle, perché sia sempre il Signore, anche in questo importante momento di vita diocesana, a guidarci; è la preghiera che vi chiedo per me, per accompagnarmi in questi giorni di preparazione verso l’ordinazione episcopale e poi di arrivo nella diocesi. Grato fin d’ora a tutti voi, affidandomi alla vostra preghiera e alla protezione di Maria SS. Assunta in Cielo, dei patroni della diocesi, in attesa di incontrarvi, vi abbraccio e vi benedico nel Signore e a Lui vi affido. 

Lucera, 4 agosto 2017 – Memoria di S. Giovanni Maria Vianney 
+ don Ciro Fanelli, Vescovo eletto di Melfi-Rapolla-Venosa

Commenti

Post popolari in questo blog

MISS IN4MISSIMA in BASILICATA: terza tappa a SAN NICOLA DI MELFI

Dopo Gravina in Puglia e Filiano, terza tappa delle selezioni in Basilicata del concorso nazionale di bellezza 'Miss In4missima', evento spettacolo con intrattenimenti e attrazioni, di scena a San Nicola di Melfi, di fronte lo stabilimento Fiat Sata, presso l'atrio all'aperto del Ristorante Pizzeria 'Happy Days' di Gianluca Bisceglia, dopo il buon esito degli ultimi due anni. Una nuova sfida per conoscere altre 4 miss finaliste regionali che hanno guadagnato l'accesso alle nomination per la finale regionale di fine agosto, valida per le aventi diritto di rappresentare la nostra regione alla kermesse nazionale in Emilia Romagna a Riccione dal 4 al 9 Settembre. Nel corso della riuscita serata non sono mancati gli ospiti, tra cui la partecipazione straordinaria del comico Uccio De Santis, dalla fortunata serie tv del 'Mudù' con il suo esilarante, divertente e coinvolgente show di cabaret, con presentazione di Antonio Petrino, con ospiti il cantante Gi…

Calcio. Scopriamo i primi nomi della nuova C.S. Vultur 1921

Dalla pagina Facebook di Giuseppe Grande, scopriamo i primi acquisti delle nuova C.S. Vultur 1921.



Gabriele Lorusso, attaccante lavellese classe 1995. Lorusso, nelle ultime stagioni sempre sugli scudi con il Lavello nell'Eccellenza lucana e prima ancora con la Berretti del Melfi, arriva a Rionero con un entusiasmo.

Non ha bisogno di presentazioni Luciano Gorga. Il coriaceo centrocampista venosino, una istituzione del calcio lucano, è un esempio di serietà, spirito di sacrificio e capacità di tenere unito lo spogliatoio anche nelle situazioni più delicate, dimostrando sempre quello spirito di attaccamento alla maglia che è requisito primario per chi ambisce ad indossarne una così gloriosa come quella della C.S. Vultur 1921.

Prospero Salvia, centrocampista lucano classe 1990, è ufficialmente un calciatore della C.S. Vultur 1921. Per Salvia è un ritorno in bianconero dopo la breve parentesi melfitana della scorsa stagione.

Michele Marino, attaccante foggiano classe 1992. Marino, ex Fi…

Sequestrati due elicotteri del 118

La Procura di Potenza informa in una nota che "Nell'ambito di una più ampia attività investigativa tutt'ora in corso, militari del Gico della Guardia di Finanza di Potenza hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo d'urgenza emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Potenza, finalizzato al sequestro dei due elicotteri della ditta Babcock, destinati a svolgere il servizio di elisoccorso per il Dipartimento interaziendale regionale emergenza sanitaria (Dires) della Regione Basilicata, in dotazione alle piste di elisoccorso di Potenza e Matera. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Potenza che si è avvalsa anche del supporto tecnico della Sezione aerea della Guardia di Finanza di Napoli e, da ultimo, dell'intervento di personale dell'Enac -Ente nazionale aviazione civile, NdR-, è stato ipotizzato il reato di attentato alla sicurezza dei trasporti aerei (articolo 432 cp), in relazione all'esec…

Ripacandida. L'Asd Ripacandida Calcio di Promozione Lucana cambia presidente ed ufficializza la richiesta per accedere al campionato di Eccellenza Lucana

È partita ufficialmente la nuova stagione calcistica dell’Asd Ripacandida, squadra di promozione lucana, con alcune novità, il cambio di nome della società, da CandidaMelfi a Asd Ripacandida, il neo presidente è stato nominato l’imprenditore Michele Giuseppe Anastasia, proprietario dell’azienda “Gialloro”, che nei giorni scorsi ha ufficializzato le prime cariche societarie. Avvicinato e felice di ricoprire questo ruolo, anche se faceva già parte dello staff dirigenziale, ha riferito: “ ovviamente l’organigramma societario è ancora tutto da definire e completare l’appello adesso va a tutti coloro che in qualche modo, anche in maniera simbolica, siano disposti a dare un aiuto concreto alla squadra, affinché questo progetto possa durare nel tempo e portare risultati storici per la nostra piccola comunità Ripacandidese. In questa settimana ci saranno le prime importanti novità per quanto concerne la stagione calcistica 2018/19, dove la società presenterà domanda di ripescaggio per la mas…

AL VIA LA KERMESSE “OGGI E’ SABATO.. SI VA A RAPONE” SI PARTE SABATO 21 LUGLIO CON NUMEROSI APPUNTAMENTI NEL PAESE DELLE FIABE

Prende il via sabato 21 luglio l’evento culturale promosso dal Comune di Rapone, volto a valorizzare il territorio raponese e far conoscere a tutti la bellezza, la storia e le peculiarità del “Paese delle Fiabe”. Dal 21 luglio fino al 2 settembre ben 8 appuntamenti nel grazioso ed accogliente centro lucano, con tante iniziative pronte a deliziare e divertire i visitatori di ogni età. Sabato 21 luglio sarà questo il programma. 

Dalle ore 10 alle ore 17 visita guidata al museo multimediale "Cera", il Centro di Educazione Rurale Ambientale che si pone come obiettivo quello di far conoscere la cultura rurale, le abilità agro-pastorali e artigiane, attraverso l'incontro con i personaggi delle leggende locali. Dalle ore 18 al via il percorso narrato "L'Intreccio delle Cinque Fiabe” nel meraviglioso ed affascinante parco delle fiabe, che sarà animato tutta la giornata, e protagonisti saranno i bambini che interpreteranno i vari personaggi. Alle ore 21 nella villa comuna…

Lavello. Un successo lo spettacolo per grandi e piccoli dello scrittore Gianluca Caporaso di Potenza.

Tanta gente ha riempito il Museo dell'Antiquarium della cittadina lavellese per assistere allo spettacolo portato in scena da Gianluca Caporaso. 

Gianluca Caporaso, originario di Potenza, ha raccontato le sue storie e le storie provenienti dai Paesi del Mondo e dai grandi autori della letteratura classica. Il suo racconto ha spaziato da Filemone e Bauci di Ovidio alle letture dei suoi testi, pensati a misura di bambino. 

L’interazione vivace con i bambini attraverso il coinvolgimento nella costruzione di nuove storie ha riempito di entusiasmo il Museo Civico Antiquarium. Il sostegno dell’amministrazione comunale all’evento nella persona dell’assessore alla cultura Luigia Carlone ha sottolineato l’importanza della partecipazione attiva della comunità nella costruzione di momenti culturali, soprattutto quando permettono di avvicinare i più piccoli alla lettura. 

Con l’organizzazione dell’evento [una fantastica notte in Museo] l’associazione Mac ha dato ancora una volta evidenza di qua…

Alle finali nazionali "trofeo delle regioni" di Battipaglia, presente anche un giovane di Venosa, Simone Ungolo, risultato il migliore nei rimbalzi

Grande soddisfazione in casa Ungolo-Cutolo della cittadina oraziana, una bella esperienza del figlio Simone di appena 14, frequentante il 1° anno di studio al Liceo Scientifico "Quinto Orazio Flacco", fatta a Battipaglia. E' statoconvocato nella nazionale Under 14 di Pallacanestro "trofeo delle Regioni di Battipaglia". Alto "solo" 1 metro e 90, la Basilicata contro la Puglia, in vantaggio di 16 punti, con la partecipazione saltuaria di Simone per un infortunio subito al naso, aveva a portata di mano una vittoria storica. 

Solo nei supplementari la Puglia ha vinto con Simone in campo e con la divisa rossa di sangue, ha combattuto fino all'ultimo.Simone Ungolo è riuscito a vincere una classifica personale ed a rientrare tra i primi nelle altre classifiche. Nella classifica finale Stefano si è piazzato al 7° posto, nella realizzazione di almeno tre tiri a partita, con 12 canestri, 16 tentativi ed il 75% di score,preceduto da solo 6 giocatori della Lom…

CRONACA. CONDANNATO AD 8 MESI DI RECLUSIONE PER ABUSO D'UFFICIO, IL PARLAMENTARE ANTONIO PLACIDO, EX SINDACO DI RIONERO IN VULTURE

Antonio Placido, nato in Basilicata, a Potenza, il 29 marzo del 1962, ex sindaco di Rionero in Vulture, in provincia di Potenza, è stato condannato in primo grado per abuso d’ufficio ad otto mesi di reclusione per il dissequestro della cantina D'Angelo della città lucana, tra le più antiche produttrici di Aglianico del Vulture, e annuncia appello. Il parlamentare di "Sinistra Italiana" è stato ritenuto responsabile dal collegio del Tribunale di Potenza,

L'EX FENICE E' SOTTO SEQUESTRO!

Al termine di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica e delegate al NOE di Potenza, è stata data esecuzione all’ordinanza emessa dal G.I.P. di Potenza. Questa ha disposto nei confronti di Alifano Luca, 51enne nato ad Avellino e amministratore delegato di Rendina Ambiente SRL, la misura del divieto di dimora nella Regione Basilicata e sequestro preventivo degli impianti di messa in sicurezza e bonifica dello stabilimento industriale“Rendina Ambiente” di San Nicola di Melfi, per il delitto di inquinamento ambientale. Le indagini riguardano il termodistruttore per rifiuti speciali, pericolosi e non, ex “Fenice”, attualmente gestito dalla società “Rendina Ambiente”, ubicato nel più importante polo industriale della regione Basilicata, quello di San Nicola di Melfi. L’impianto di smaltimento tramite incenerimento ex “Fenice” è interessato da una diffusa e storica contaminazione delle Falde acquifere sotterranee da inquinanti, pericolosi e cancerogeni, quali: nichel;mercurio;fluoruri…

E' Guerra per l"oro" degli agricoltori e i pastori lucani.

Scarto di produzione dei produttori cerealicoli, consente guadagni facili ma significativi. È la paglia, risorsa economica e appetibile per i raccoglitori in quanto fortemente ricercata dal mercato sia per l’utilizzo nei sistemi di produzione di materiali isolanti sia per gli allevamenti e l’impiego nelle centrali termoelettriche a biomasse. È stata l’egemonia su questa fetta di mercato il motivo del “violento scontro” tra le famiglie di agricoltori-pastori Parrini e Delli Gatti di Melfi, in provincia di Potenza. Una “rapida escalation di violenza” secondo le forze dell’ordine e che, a seguito delle indagini della Procura di Potenza condotte dalla Polizia di stato, ha portato all’esecuzione di quattro misure cautelari personali disposte dal gip del Tribunale di Potenza. Sono finiti agli arresti domiciliari Daniel Parrini e Antonino Delli Gatti - rispettivamente classe 1987 e classe 1996 – insieme a Francesco Parrini e Lorenzo Delli Gatti, classe 1959 e classe 1980.Per questi ulti…