Passa ai contenuti principali

Canto, recitazione e danza s'intrecceranno sul palco del Cineteatro don Bosco nel musical La Bella e La Bestia


La compagnia potentina inCanto, dopo il sold out ottenuto nel 2014 con otto repliche di “Notre Dame: il musical” e le oltre 2000 presenze, lo scorso anno, con le sei repliche di “Giulietta e Romeo, dall’odio all’amore”, propone il musical ispirato al capolavoro Disney. Il 18 e il 19 maggio con sipario alle ore 20.30 e il 20 maggio con sipario alle ore 17.30, in collaborazione con la scuola di danza Metamorfosi di Potenza, diretta da Michela Consolo, con le coreografie di Elena Apostolico, con la regia di Tonino Centola, coadiuvato sul palco da Antonio Roma, il pubblico si immergerà nella fiaba più amata di tutti i tempi. 


Il progetto scenografico è stato curato da Pino Visone con la collaborazione di Giovambattista Messina. I costumi sono stati realizzati dai due sarti Rosanna Salbini e Rocco Carucci. 


Le musiche, ricche di cori e numerosi effetti, sono state realizzate da Tony D’Onofrio, mentre il disegno delle luci e il service audio è affidato a Raffaele Perillo. I ragazzi saranno truccati dalla make up artist Simona De Rosa, mentre le acconciature saranno realizzate d Simone Salviulo e Valerio Fornarino. 

  
A completare il cast la voce narrante dell’attrice Isabella Urbano. Il progetto del musical La bella e la Bestia è stato sostenuto da Bcc Basilicata e da altri sponsor. I biglietti sono acquistabili on line sul sitocineteatrodonbosco@mytickets.it, al botteghino del cineteatro don Bosco e presso la yogurteria “La dolce vita” (Piazza della Costituzione italiana 48). Tutto ha inizio dalla tremenda maledizione che colpisce un giovane principe (nel musical Gabriele Picerno), troppo egoista e superbo per accogliere in casa una vecchia mendicante in cerca di ricetto. 


Ella in realtà era una fata che, per punizione, trasformò il principe in un’orribile bestia e tutti gli abitanti del castello in oggetti, destinati a perdere man mano ogni tratto di umanità. Solo se il principe avesse imparato ad amare e fosse stato amato entro il suo ventunesimo compleanno, l’incantesimo si sarebbe spezzato. 


Ma per molti anni nulla cambiò e il principe e il suo castello furono dimenticati. In un paesino vicino vive Belle (Monica Messina) una ragazza bellissima, romantica, appassionata di libri e sognatrice, con il padre Maurice (Giovanni Carucci), un inventore. Entrambi sono reputati matti dai compaesani poiché non pensano e non vivono come tutti gli altri. 


Nonostante ciò Gaston (Valentino Bianconi), un rozzo bullo del paese, desidera sposare Belle, che considera nient’altro che l’ennesima preda da conquistare e, anche se lei è renitente, spavaldo dice al suo fido e tonto seguace Letont (Vito Girelli) che Belle sarà sua moglie. Un giorno Maurice parte da casa per portare una sua invenzione alla fiera e, attraversando il bosco, smarrisce la via e viene attaccato dai lupi. 


Nel tentativo di rifugiarsi si imbatte nel castello incantato e qui incontra strane creature come l’orologio Din Don (Mario Carucci), la teiera Mrs Brick (Giusi Telesca) e la figlioletta Chicca (Federica Cufino), il candelabro Lumiere (Diego Sileo), la spolverina Babette (Claudia Picerno) e l’armadio Madame de la Cassette (Marialucia Nolè), tutti dotati di parola, intelletto e tanta simpatia. Ma la Bestia rende Maurice suo prigioniero poiché egli, per mantenere una promessa fatta a Belle, recide una delle preziosissime rose del principe. La rosa è un fiore importantissimo per la Bestia, poiché la caduta inesorabile dei petali di una rosa incantata scandisce il tempo che la Bestia ha per ritornare umana. Belle riesce a trovare suo padre e convince la Bestia ad imprigionare lei al suo posto. 


La vita al castello, dopo l’iniziale ostilità, diventa piacevole per Belle che da prigioniera inizia ad essere trattata come un’ospite: al castello tutti sperano che l’incantesimo possa essere spezzato. La Bestia comincia a mostrare il suo lato umano e decide di liberare Belle per permetterle di tornare da suo padre che è ammalato, ma Gaston si intromette nella storia e convince tutto il paese a dare la caccia a questa orribile e pericolosa creatura. C’è una vera battaglia: gli abitanti del castello lottando mettono in fuga i paesani, mentre Gaston trova la Bestia inerte e triste per la mancanza di Belle della quale ormai è innamorato. In lui si riaccende la forza quando Belle torna al castello: la sfida fra Gaston e la Bestia vede il prevalere di questa, che decide però di risparmiare l’avversario, a patto che egli vada via. Fingendo la ritirata Gaston vilmente ferisce la Bestia con un pugnale. Belle, disperata, riesce a dichiarare alla Bestia il suo amore proprio alla caduta dell’ultimo petalo della rosa. Allora la Bestia e tutto il castello tornano umani. Il lieto fine vede il trionfo dell’amore, quale unico modo per guardare oltre le apparenze e per diventare degli esseri davvero umani. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Ciao Donatella, da tutta la Redazione di TG7 BASILICATA

SOSPESE TUTTE LE ATTIVITÀ DI MANIFESTAZIONI E PROPAGANDA ELETTORALE A LAVELLO 
La scomparsa tragica e prematura di Donatella Di Vittorio, vittima di un incidente stradale le cui dinamiche sono ancora da accertare e che ha sconvolto due famiglie lavellesi, candidata nelle lista civica “ con voi per Lavello”, alla carica di consigliere comunale per le elezioni del prossimo 10 giugno, ha colpito una intera Comunità Locale. Donatella era professionista conosciuta e stimata, animatrice appassionata dell’associazionismo culturale e sociale. La sua morte, avvenuta in circostanze drammatiche, rattrista tutti coloro che hanno avuto modo di conoscerla e frequentarla. Questa mattina, i tre candidati alla carica di Sindaco, Sabino Altobello, Giuseppe Decorato e Alfonso Muscio, hanno concordato di sospendere sino a nuova comunicazione tutte le manifestazioni elettorali oscurando i manifesti e la propaganda nei rispettivi comitati elettorali. Nello stesso incontro è stata preannunciata la volontà di…

Calcio. I Categoria. Il Barile dopo oltre 20 anni approda in promozione.Festeggiamenti al campo ed in piazza

Dopo più di 20 anni il Barile Calcio torna a disputare un campionato di Promozione. Grande merito ai sacrifici e lo spirito di attaccamento alla maglia dimostrato dai ragazzi in questo progetto biennale; oltre al lavoro impeccabile della società ma soprattutto del mister Gustavo Cittadini. Ecco i protagonisti di una cavalcata trionfale. Portiere: Ferdinando Sicuro di Rionero in Vulture: Grazie all’attenzione del reparto difensivo subisce pochi goal. 

Decisive le sue parate nei momenti difficili delle partite, si è fatto sentire e vedere. "Sicuro" di nome e di fatto. Difensori: Canio Di Lucchio: “ Chiamato a dar manforte alla squadra, si mette subito a servizio dei compagni. Un Jolly di centro campo, forte anche in attacco, spina nel fianco delle difese avversarie, la sua arma letale è la velocità”. Nico Maiorino di Melfi: I suoi trascorsi in categorie superiori si vedono e come, una roccia difensiva, insuperabile sulle palle alte, decisivo nei contrasti e negli interventi di…

Nella nuova strategia FCA, quale futuro per Melfi?

Sono stati ufficializzate le ferie estive allo stabilimento Fca Melfi Plant. Le linee Jeep - 500 X saranno ferme dal 12 agosto al 02 settembre 2018.  Brutte, notizie per la linea della Punto, che si fermerà definitivamente. Ora si attende il nuovo piano industriale di Sergio Marchionne, per capire quale sarà il futuro per gli operai della linea della Punto, e se ci sarà un nuovo modello che prenderà il suo posto.  Secondo quattroruote, il primo giugno, giorno della presentazione del piano industriale del gruppo FCA, sarà annunciato un cambio di strategia. In Italia non saranno prodotte più vetture di fascia bassa, ma solo modelli premium e in particolare per i marchi Alfa Romeo, Maserati e Jeep. 
"Saranno abbandonate entro la fine dell'anno le produzione della Fiat Punto e dell'Alfa Romeo MiTo: gli stabilimenti di Mirafiori, a Torino, e di Pomigliano d'Arco, nei pressi di Napoli, saranno sottoposti a una riorganizzazione per produrre nuove Suv per i marchi Maserati e Jee…

A SANT'ANDREA DI ATELLA PER LA FESTA PATRONALE 'LA CORRIDA DEL SUD', VINCITORE DONATO CALDARARO

Dopo il successo delle tappe di Venosa e Rionero de 'La Corrida del Sud', ottima presenza di pubblico anche in piazza a Sant'Andrea di Atella nella prima delle due giornate di festa patronale, grazie all'impegno del Comitato, entusiasta e gratificato dall'esito dell'iniziativa. Conduzione curata come sempre da Antonio Petrino, con il coordinamento di Romeo Di Tolve e la regia service audio affidata a Giuseppe Santarsiero (Cover Biagio Antonacci). In apertura di manifestazione, l'apprezzata e spettacolare esibizione degli allievi della locale scuola di ballo 'New Dance Academy' con la maestra Maria Lucia Locoro e la trainer Natasha Di Gironimo. Diversi concorrenti provenienti da ogni parte, anche da fuori regione, accompagnati sul palco dall'elegante e appariscente valletta Valeria, con i simpatici e divertenti partecipanti che si sono 'sfidati' senza esclusione di colpi, aspiranti 'artisti' in cerca di successo, che hanno ent…

Venosa. L'Orchestra D'Archi del Liceo Musicale "Quinto Orazio Flacco" conquista il 1° posto ad un concorso musicale nazionale al teatro Umberto Giordano di Foggia

Nella giornata dell’11 maggio scorso l’Orchestra d’Archi del Liceo Musicale “Quinto Orazio Flacco” di Venosa, preparata dai docenti Francesco Lisena e Antonio Tiri, ha partecipato alla 10ª edizione del Concorso Nazionale Musicale “U. Giordano” di Foggia, conquistando un meritato 1° posto.

L’orchestra si è esibita, nella splendida cornice del Teatro “Umberto Giordano” di Foggia, gareggiando nella sez. II, cat. H (licei musicali) eseguendo, senza direttore, un programma di notevole difficoltà di autori classici, dando prova di grande professionalità e sinergia. Questo testimonia sicuramente la meticolosità del lavoro svolto dai docenti, ma anche e soprattutto l’affiatamento dei ragazzi che in questa formazione, storicamente e notoriamente affascinante, ma assai delicata nelle sonorità, specie nei primi anni di studio, hanno saputo tirar fuori la grinta e la concentrazione necessaria per portare in patria, a Venosa (terra di illustri musicisti) il primo posto con votazione 97/100. Ciò po…

A Melfi presso il Museo Archeologico Nazionale "Il giardino di Mirò"

Si svolgerà domani Sabato 19 maggio 2018, alle ore 10,00 presso il Museo Archeologico Nazionale del Melfese, la manifestazione organizzata dall'Istituto Comprensivo Ferrara-Marottoli "Il giardino di Mirò". Mostra di pittura e sfilata con abiti dipinti a mano, ispirati all'arte di Mirò.  Ricco il programma con interventi e i lavori degli alunni dell'I.C. Ferrara-Marottoli.  Un'appuntamento da non perdere.

La Pentecoste a Melfi

Siamo alla 490^ edizione della "Pentecoste a Melfi" rievocazione storica, nel conflitto tra francesi e spagnoli per il dominio del Regno di Napoli, dei fatti di sangue accaduti a Melfi dal 22/23 marzo 1528 alla domenica di Pentecoste. Questo scontro d'armi e' passata alla storia e denominata "la pasqua di sangue ". La unicità di questa rievocazione è che il tutto si svolge negli stessi luoghi dove si è fatta la storia. g Grande spettacolo.  Melfi - sabato 19 e domenica 20 maggio 2018

Basilicata ultima regione in Italia per tempi di intervento del 118. Per Anpas è importante inserire all’interno del sistema il mondo del Volontariato lucano

La Basilicata risulta essere la Regione peggiore –in termini di tempistica- per l'intervento dei sanitari del 118. Secondo l'inchiesta pubblicata da "La Repubblica", infatti, in Basilicata da quando risponde l'addetto della centrale operativa a quando i sanitari sono sul posto, passano 27 minuti. Sarebbe il risultato peggiore tra tutte le regioni italiane, il migliore è quello della Liguria, con 14 minuti. 

Le possibili cause sono da ricercare nella precaria viabilità regionale e nello scarso numero di postazioni che ad oggi risultano essere scarse nel numero, ad oggi sono ancora senza impiego i 70 autisti soccorritori vincitori del concorso indetto qualche anno fa. Nonostante la recente riorganizzazione del sistema regionale 118 si rileva a tutt’oggi che i cittadini lucani non hanno lo stesso livello di assistenza e lo stesso diritto alla salute di regioni più efficienti come la Liguria. 
Per migliorare il sistema andrebbe aumentato il numero delle …

Cronaca: “Chiedimi scusa o ti sparo”

Nella serata di ieri gli agenti della Squadra Mobile di Potenza, hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari disposta dal Gip di Potenza nei confronti di A. L., sorvegliato speciale, indagato per lesioni aggravate e sequestro di persona. I fatti risalgono ad alcuni mesi fa quando L. colpiva prima con un pugno e dopo con uno schiaffo al volto un giovane, procurandogli un trauma cranico facciale. La vittima, in quel momento, si trovava in compagnia di altri amici all’interno della sala slot machine di un bar di rione Francioso dove era presente anche L. il quale sosteneva che la vittima lo avesse deriso. Pretendo poi le scuse, L. ordinava alla vittima e ai suoi amici di non uscire dal bar, tenendo un comportamento tale da terrorizzarli ed indurli a non allontanarsi, minacciandoli di avere una pistola in macchina. L., poi, faceva sedere al centro del bar la vittima, pretendendo che si scusasse con lui. Ogni volta che si rifiutava ordinava ai suoi amici di co…

DA BAMBINO DISLESSICO AD AUTORE: LA STORIA DI GIOVANNI D’ANDREA

La Pro Loco Filiano presenta il libro “Nonostante gli schiaffi… come vivere con successo la dislessia” 
 Da bambino, Giovanni non si sentiva come tutti gli altri: aveva problemi a leggere e veniva considerato “pigro” o, peggio ancora, “stupido” da compagni e docenti. Le ore scolastiche erano per lui un supplizio interminabile. Nessuno, né i suoi genitori, né gli insegnanti, aveva capito che il suo non era un deficit di volontà o di intelligenza, ma un disturbo dell'apprendimento chiamato dislessia. Giovanni D’Andrea, oggi laureato, ha voluto raccontare la storia del suo difficile rapporto con la scuola nel libro “Nonostante gli schiaffi… come vivere con successo la dislessia”. L’agile volumetto sarà presentato venerdì 25 maggio 2018, alle ore 18:00, presso il Centro sociale di Filiano. Il momento di riflessione sulla dislessia, un disturbo caratterizzato dall’incapacità di leggere e comprendere uno scritto, è promosso e organizzato dall’Associazione Pro Loco di Filiano e la locale …