Ginestra (Pz) 14 ottobre 2018. Al borgo dei Sapori Arbereshe, non solo cibo arbereshe, ma anche musica e poesia con Mogol, paroliere e produttore discografico


Un 14 ottobre 2018 da ricordare nel piccolo centro arbereshe, ospite al "Borgo dei Sapori Arbereshe" il noto autore di canzoni: Mogol, paroliere di 2000 canzoni e di 523 milioni di dischi. 
Alla presenza di Patrizia Minardi, dell'ufficio cultura e turismo della Regione Basilicata, Ulderico Pesce, rigista e attore lucano, collaboratore, insieme all'amministrazione comunale, guidata da Fiorella Pompa, di questo evento, che rientra tra i beni immateriali della Regione Basilicata e dei due gruppi musicali, la Rigillo's Band (composta da Annamaria Rigillo alla voce, Dino Rigillo alla chitarra, Raffaele Rigillo al piano, Michele Rigillo al basso e Corrado Aloise alla batteria) Gruppo "Stil Novo" (Raffaele Giuliano, Leo Giuliano, Cinzia G, Lorenzo P.Vincenzo Dorsi e Daniele) e la cantante Roberta Langone (che ha stupito il numeroso pubblico presente con la canzone "Oro" di Mango e scritta da Mogol) che hanno eseguito alcuni dei suoi brani celebri, tanta gente è giunta nel piccolo centro del Vulture, anche da Potenza. 


Presenti amministatori di altri centri (Sindaco di Montemilone, Palazzo San Gervasio, Forenza) e consiglieri e assessori regionali ( Lacorazza e Castelgrande).


Almeno 500 persone presenti, non è poco per un paese che conta poco piu' di 700 abitanti. La Minardi sul palco ha dialogato con Mogol chiedendo notizie sul passato e presente ed alcuni aneddoti. Il paroliere senza peli sulla lingua ha riferito: " a 23 anni scrissi la mia prima canzone e a 24 anni vinse a Sanremo una canzone scritta da me, "Al di Là ". 


Ho avuto molta fortuna devo ammetterlo.Si può arrivare ad essere molto bravi, coltivando il proprio talento, senza essere geni. La Basilicata è la prima regione in Italia che ci tiene alla formazione musicale dei giovani. 


Vedo sui social tante canzoni inserite, sono del parere che vanno pagati i diritti di autore, non è giusto che un artista guadagni mille euro e uesti social miliardi! Sono stato a Boston dove davanti a 120 studenti ho cantato 7 e 40 in perfetto italiano insieme a loro. 


Le canzoni di Lucio Battisti sono la mia storia, senza dimenticare gli altri; Mina, Equipe 84, Celentano, Riccardo Cocciante ed altri. Mi è venuto a trovare un missionario con 30 ragazzi seminaristi, che si sono messi a cantare "Dieci ragazze per me", mi sono subito preoccupato! Stando in Basilicata, non posso non parlare di Mango, un lucano che volevo bene, perchè l'ho sentito per la prima volta, cantare,aveva una voce stranissima, volli conoscerlo e gli dissi di cantare una canzone che ho scritto: Oro", fece un successo". Scrissi per Mango 15 canzoni e ben 2000 in tutto.


A questo punto interviene Ulderico Pesce che ringrazia Mogol per aver scritto un'altra canzone per Mango, "Mediterraneo" che rappresenta: " la bellezza mediterranea del paesi del Sud Italia". 


Mogol interviene anche sulla politica in particolare sul problema dei migranti: " per loro non c'è vita, non possono solo mangiare e dormire, bisogna dare loro una casa, anche in legno ed un lavoro. Metto la mia poesia al servizio della politica". 


Presi d'assalto gli stand in un bel percorso enogastronomico nel centro storico, anche Mogol ha cdegustato alcuni piatti.In poco tempo, andati a ruba oltre 300 piatti nello stand della pro-loco ​ "Zhurian" che aveva preparato alcuni piatti prelibati: pane cotto e cime di rape; Cicorie e fagioli,ed il piatto arbereshe: "Bilmban (minestra con brodo vegetale e pasta casareccia fresca) e nella cantina Allamprese il piatto: "fagottino" (ingredienti: maiale ripieno di patate al profumo di rosmarino su letto di demiglàce ai funghi e riduzione di aglianico doc del vulture) sapientemente preparato dalle mani dell'esperto Daniele Bracuto. Ad impreziosire i piatti, anche la degustazione del "Sigaro Italico" con grappa delle Cantine del Notaio. 

Lorenzo Zolfo

Commenti

Post più popolari