Passa ai contenuti principali

Diga di Monte Cotugno: parte di uno schema idrico interregionale strategico


Nota di Francesco Pietrantuono - Assessore Ambiente ed Energia Regione Basilicata 

La Diga di Monte Cotugno, sul fiume Sinni in agro di Senise, è stata costruita tra il maggio 1972 e marzo del 1983; l’esercizio sperimentale è iniziato nel luglio del 1983. La diga è del tipo omogeneo realizzata con ghiaie e sabbie, con il paramento di monte rivestito in conglomerato bituminoso per la tenuta idraulica. Il bacino imbrifero sotteso alla sezione di sbarramento è pari a 804,00 kmq; esso comprende una vasta estensione, che va dalla stretta di Masseria Nicodemo (Alto Sinni), ove è ubicato il serbatoio omonimo dell’ENEL, fino alla stretta di M. Cotugno (circa 40 Km più a valle ). La diga di Monte Cotugno è gestita da EIPLI e alimenta uno schema interregionale strategico ed importantissimo in termini di volumi erogati che comprende la Basilicata e la Puglia, le cui utenze sono di carattere irriguo, industriale e potabile. Infatti, a mezzo di una condotta lunga 145 km, del diametro di 3 m e con una portata massima di 12 mc/s, l’acqua raggiunge la Puglia, alimentando nel tragitto tutte le utenze irrigue della fascia ionica, ricomprese nel Consorzio di Bonifica delle Basilicata. La gestione dell’acqua è regolamentata dall’ ”Accordo di Programma Quadro per la gestione condivisa delle risorse idriche”, sottoscritto a giugno 2016 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalla Regione Basilicata e dalla Regione Puglia che ha sostituito il precedente Accordo del 1999. Attualmente la Diga di M. Cotugno presenta una forte limitazione della quota d’invaso a 240,00 m s.l.m. cui corrisponde un volume utile di 271 Mm3 rispetto alla capacità d’invaso massima di 530 Mm3 (q.ta 255,80 m s.l.m.) e al volume utile di regolazione di 433 Mm3 (q.ta 252,00 m s.l.m.). Tale limitazione è stata imposta dall’Ufficio Tecnico per le Dighe di Napoli in seguito a delle prescrizioni relative a lavorazioni da eseguirsi sul corpo diga, quali il completamento del ripristino dell’impermeabilizzazione del paramento di monte oltre all’efficientamento di alcuni impianti ed organi di manovra.

Importanza dell’intervento 
Gli interventi programmati permetteranno di ripristinare totalmente la capacità d’invaso della diga consentendo l’accumulo e l’erogazione di volumi di acqua notevolmente maggiori, scongiurando il sempre più pressante problema di crisi idriche e garantendo una gestione più efficiente ed efficace dell’acqua. L’importo totale dell’operazione è di € 2.300.000,00 riguarda essenzialmente il completamento del manto del paramento di monte, l’esecuzione di opere di messa in sicurezza dell’invaso e di sistemazione dei versanti

Gli interventi 
Al fine di ripristinare la capacità d’invaso del serbatoio sono in corso di esecuzione gli interventi di rifacimento del manto in conglomerato bituminoso sul paramento di monte della diga (1° Stralcio) che riguardano la fascia interessata dalle variazioni stagionali del livello d’invaso, maggiormente esposta agli agenti atmosferici e all’irraggiamento solare, che negli anni ha subito un maggior degrado dello strato superficiale di tenuta, compresa tra le quote 235.00 m s.l.m. e 252.00 m s.l.m., rispetto alla quota di coronamento pari a 258.00 m s.l.m.. Tale intervento è finanziato dalla Regione Basilicata (economie rinvenienti dall’opera “Ristrutturazione e telecontrollo dell’Adduttore Sinni” di cui alla Delibera CIPE 138/2002 per l’importo di € 4.530.184,48). Sono, inoltre, in corso di esecuzione presso la diga di M. Cotugno interventi impiantistici finalizzati al ripristino della funzionalità degli organi di scarico, dell’illuminazione nei cunicoli d’ispezione del corpo diga e della pubblica illuminazione sulla strada di coronamento. Tali interventi sono stati finanziati dal Ministero delle Politiche Agricole (MIPAAF). Il completamento del ripristino del manto fino alla quota di coronamento e la rifunzionalizzazione delle opere accessorie a corredo dell’invaso (Scarichi – casa di guardia – sponde e versanti) sono inseriti negli interventi ammessi a finanziamento dal Ministero delle Infr. e Trasporti (Delibera CIPE 54/2016) e dalla Regione Basilicata (DGR n. 881/2018 di cui alla procedura negoziata avviata con DGR 562/2017). Con DGR n. 751/2017 la Regione Basilicata ha finanziato, inoltre, nell’ambito dei fondi PO FESR-FSC 2014/2020 (Azione 6B.6.3.2), i lavori di rifunzionalizzazione della Traversa sul Torrente Sarmento. Questo intervento è stato ritenuto urgente e prioritario per garantire il vettoriamento delle acque verso l’invaso di M. Cotugno ed è stato, pertanto, stralciato dalla procedura negoziata avviata con DGR 562/2017. L’intervento è stato concluso ad Aprile 2018 ed attualmente la traversa permette la derivazione delle acque verso la Diga di Senise a mezzo del canale in c.a., anch’esso oggetto di pulizia, e della galleria i cui lavori sono stati conclusi a Marzo dello stesso anno. Infine, un ulteriore intervento ammesso a finanziamento con DGR 881/2018, relativo al completamento dei lavori sulla Traversa del Sarmento, prevede il ripristino strutturale delle opere in c.a. e la sistemazione dell’alveo a monte della traversa al fine di completare la rifunzionalizzazione dell’intera traversa e garantire, quindi, la massima capacità di vettoriamento, stimata in 80 Mm3 /anno, verso la diga di M. Cotugno. Infine, è opportuno ricordare, tra le opere che completano lo Schema Jonico – Sinni gestite dall’EIPLI, le Traverse sul Torrente Sauro e sul Fiume Agri che, a mezzo di canali con funzionamento a pelo libero, assicurano la derivazione delle acque verso la diga di Monte Cotugno. A tal riguardo, è importante evidenziare che i lavori di completa ricostruzione della traversa sul Torrente Sauro finalizzati al ripristino della funzionalità idraulica dell’opera saranno consegnati a breve e sono stati finanziati dalla Regione Puglia. Una volta completata la ristrutturazione della Traversa sul T. Sauro, si stima che il volume destinato all’invaso di Monte Cotugno a mezzo della galleria che raccoglie le acque provenienti dal Sauro e dall’Agri sarà di 60 - 80 Mm3 /anno

Commenti

Post popolari in questo blog

E' di Palazzo San Gervasio (Pz), Rosalba Griesi, la vincitrice di un premio lettarario svoltosi a San Giorgio a Cremano (Na)

È di Rosalba Griesi, lucana di Palazzo San Gervasio (Pz) il premio letterario “Villa Bruno” VI edizione, svoltosi lo scorso 1 dicembre a San Giorgio a Cremano (Na) Prima classificata col racconto: “La Diva”, storia di due vite iniziate insieme in tenera età, ma già da allora diverse. Un’evoluzione scontata ma comunque che porta al confronto per il costante interrogativo sul valore e sul significato che ognuno di noi dà al senso della vita” è scritto sulla motivazione del premio aggiudicato dal Presidente dell’Associazione “A casa di Massimo Troisi”, dal Presidente Centro Studi Genovesi, dal Sindaco del comune di San Giorgio a Cremano, che hanno istituito il premio Letterario già alla sesta edizione. La serata condotta dalla prof.ssa Maria Falbo presso la settecentesca “Villa Bruno”, è stata ricca di eventi e di pubblico. 

Il Premio risulta prestigioso e conosciuto in Campania e altrove per la ricca partecipazione di poeti e letterati da ogni parte d’Italia, un importante appun…

Rionero. Centro sociale Pasquale Sacco. Ricordati i 550 anni della morte dell'eroe albanese Scanderbeg dalla comunità arbereshe di Barile

Dopo l’inaugurazione del Monumento in bronzo a Maschito , presenti il Ministro per la Diaspora S.E. Pandeli Maiko ed il Presidente del Consiglio Regionale, Vito Santarsiero, con le Sindache di Ginestra (Fiorella Pompa) e di Maschito (Rossana Musacchio) per la festa nazionale della Bandiera (Dita Flamurit) ed a 550° anni dalla scomparsa di G.K. Skanderbeg “Atleta di Cristo”, nuovo evento promosso dalla comunità albanofona di Barile, la più consistente per popolazione nell’Arberia di Basilicata. In particolare ideata dal Maestro Coreografo Robert Lani (originario di Gjirokaster) e dall’Associazione InterCultura e le Scuole di Danza di Rionero e Barile. 

Si è svolto, con successo, nell’Auditorium del Centro Sociale “P.Sacco” pieno in tutti i posti a sedere, sottolineato dalla dizione di frasi celebri ,dedicate all’Eroe, a cura del “Duo Teatrale” di Katia Traficante e Rosa Spera. Per l’impegno del film-maker Giovanni Mazzeo (Proboviro Nazionale CSI) sono state proiettati frammen…

Cronaca: Favori sessuali

In data odierna, all’esito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica e delegate al Nucleo di Polizia Economico — Finanziaria della Guardia di Finanza di Lecce, è stata data esecuzione all’ordinanza del G.I.P. di Potenzache ha disposto le seguenti misure cautelari personali: la custodia cautelare in carcere nei confronti di A. E., Pubblico Ministero presso la Procura della Repubblica di Lecce, e S. C., Dirigente dell’ASL di Lecce;la misura degli arresti domiciliari con dispositivo elettronico di controllo nei confronti di N. O., Direttore Generale dell’ASL di Lecce, I. G., Dirigente dell’ASL di Lecce, R. G., Dirigente dell’ASL di Lecce, M. B., avvocato iscritto all’Albo degli avvocati di Lecce;il divieto di dimora nel Comune di Lecce nei confronti di C. S. A.;Sempre su richiesta della Procura di Potenza il Gip potentino ha disposto: – il sequestro di una piscina di pertinenza del dr. T. (che dalle indagini è risultata oggetto di mercimonio fra il PM A., titolare del procedime…

’Istituto Comprensivo Berardi-Nitti di Melfi. Concerto di Natale

Concerto di Natale “È diventata una tradizione consolidata in città il Concerto di Natale che ogni anno viene presentato dagli studenti dell’Istituto Comprensivo Berardi-Nitti di Melfi. Quest’anno i ragazzi si esibiranno nella splendida cornice della Cattedrale di Melfi, permettendo alla scuola di sentirsi ancora più vicina a tutto il territorio e alla comunità. L’obiettivo dell’Istituto non è soltanto quello di intrattenere e far ascoltare della buona musica, suonare rappresenta per i ragazzi il raggiungimento del loro percorso di studio musicale che comprende anche di mettersi in gioco affrontando il pubblico, l’ impegnarsi a ricoprire il proprio ruolo all’interno dell’orchestra affrontando il delicato compito di suonare insieme. Ciò permetterà loro di fare una nuova esperienza e nel contempo di maturare come esseri umani, condividendo con genitori, parenti e amici una parte di ciò che è stato svolto a scuola. L’orchestra della scuola “Acquarelli lucani”, ma anche gli alunni del…

Con la scuola primaria e dell’infanzia di Balvano una giornata di educazione emotiva

Mario Coviello e Paola Marotta con la quarta e la quinta della scuola primaria di Balvano. 
Conoscere le proprie emozioni, vivere l’altro per crescere sano con il Comitato Provinciale Unicef di Potenza. 
È fondamentale l’alfabetizzazione emotiva per prevenire i dilaganti malesseri causati dall’analfabetismo emozionale. Albert Einstein ha scritto “Si impara davvero qualcosa attraverso le emozioni. Tutto il resto è informazione”. Le emozioni costituiscono la prima e diretta esperienza che i bambini fanno del mondo e delle relazioni con le persone che li circondano, dal primo vagito alla suzione del latte materno. Emozione è tirare fuori tutto quello che si ha dentro, è quella libertà di espressione del fanciullo di cui all’art. 13 della Convenzione Internazionale dei diritti del bambino, che si manifesta anche nella libertà di ricercare il proprio sé e la propria strada. In questo fondamentale è l’educazione: “[…] l’educazione deve tendere a promuovere lo sviluppo della personalità del fa…

“AMORe” le regioni del Sud alleate contro il cancro

Incontro a Napoli per una sinergia tra i centri oncologici del Mezzogiorno. 
Ad un anno dalla sua fondazione l’Alleanza Mediterranea Oncologia in Rete si è riunita a Napoli per fare il punto della situazione. Nel corso dell’evento “AMORe contro il cancro, l’importanza di un’alleanza dei centri oncologici del Sud Italia”, tenutosi all’Irccs Fondazione Pascale e organizzato da Motore Sanità si sono confrontati i tre direttori generali degli Istituti di ricerca membri della rete: Giovanni Battista Bochicchio dell’Irccs Crob, Attilio Bianchi del Pascale e Antonio Delvino dell’Irccs Giovanni Paolo II di Bari. “Ad oggi quello che differenziava la sanità di eccellenza del Nord e quella del Mezzogiorno era sostanzialmente che il cittadino non sentiva suo il servizio regionale perché una volta diagnosticata la malattia il paziente si sentiva abbandonato a se stesso” ha detto nel corso dell’incontro Enrico Coscioni consigliere del presidente della Regione Campania per la Sanità che ha proseguito…

Eletto i nuovo presidente regionale del Comitato Paralimpico Italiano. E' Michele Saracino di Rionero in Vulture, ex arbitro di pallacanestro

Lo scorso 1 dicembre presso il Motel Park di Potenza si è svolta l'assemblea relativa alla Elezione del Nuovo Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Regionale di Basilicata, che a seguito della prematura scomparsa lo scorso 14 agosto 2018 del compianto Pasquale Paolo Polese (Presidente in carica dal novembre 2017) il CIP di Basilicata era commissariato come previsto dalle norme statutarie. Lo scrutinio a cui hanno partecipato tutte le Federazioni Paralimpiche del CIP, le Federazioni del CONI ad estrazione paralimpica, gli Enti di promozione pralimpica, i rappresentanti degli atleti paralimpici ed i rappresentanti degli atleti paralimpici per un totale di n. 35 espressioni di voto nei confronti dei due candidati eleggibili alla Carica di Presidente (durata periodo 2017-2020) ha visto la netta aggiudicazione da parte del Michele Saracino (Vice Presidente CIP fino al 14 agosto 2018), tra l’altro anche rappresentante della Federazione FPICB (Calciobalilla Paralimpico), …

Le terapie di palliazione in oncologia, incontro scientifico all’Irccs Crob

Giovedì 13 dicembre si discuterà dell’integrazione oncologica a favore del paziente Rionero in Vulture 12/12/2018 – Il tema della palliazione in oncologia è al centro della discussione scientifica organizzata dalla responsabile del coordinamento Gruppi Oncologici Multidisciplinari dell’Irccs Crob Alba Capobianco. Dopo la farmacogenomica e i corretti stili di vita, l’ultimo dei tre incontri di approfondimento che si sono susseguiti all’Irccs Crob metterà a confronto gli esperti regionali e nazionali sulle cure necessarie quando non è possibile la guarigione. Prenderanno parte all’incontro Francesco Cellini docente e radioterapista oncologo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, Marcello Ricciuti direttore Terapia Antalgica, Cure Palliative e Hospice Aor San Carlo, oltre ai professionisti dell’Irccs Crob come il direttore della struttura complessa interaziendale di radioterapia Vincenzo Fusco, il direttore del dipartimento medico Michele Aieta, il diret…

Montemilone, alla Mostra Internazionale di Architettura alla XVI Biennale di Venezia. Merito dell'architetto Felice Cavuoti e la piazza degli Emigranti

Si è conclusa il 25 novembre 2018 la Sedicesima Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, che ha ospitato anche la Basilicata. La nostra regione figurava nel padiglione “Arcipelago Italia. Progetti per il futuro dei territori interni del Paese”, incentrato sui territori spazialmente e temporalmente lontani dalle grandi aree urbane, nella convinzione che il rilancio di tale inestimabile patrimonio culturale possa rigenerare l’intero Paese. Lungo l’itinerario“Sub-Appennino Dauno, Alta Murgia, Salento”, campeggiava la piazza degli Emigranti di Montemilone, nella sua nuova veste progettata dall’architetto Felice Cavuoto. 

Montemilone è un piccolo paesino della Basilicata nord-orientale, al confine con la Puglia, in cui vivono poco più di 1500 abitanti. Benché vantasse una storia risalente ai romani ed un centro storico di epoca medievale, a seguito di superficiali interventi urbani “Piazza degli Emigranti” era diventata un non luogo, uno spazio sterile, privo…

Rionero in Vulture riceve l'ultimo finanziamento a favore della Scuola “Michele Preziuso"

Il Comune di Rionero in Vulture, rende noto, che ha ricevuto l'ultimo dei finanziamenti nel settore scolastico, per un importo di 3.2 milioni di euro garantiti dal MIUR, il Ministero per l'Istruzione, finalizzato agli interventi di adeguamento e miglioramento sismico a favore della Scuola “Michele Preziuso". La messa in sicurezza delle nostre strutture scolastiche è stata per l’attuale Amministrazione Comunale, una delle principali preoccupazioni. L'impegno e la costante determinazion e dell'Ente e dei suoi attuali Amministratori hanno prodotto, per la ricostruzione della scuola elementare, l'aggiudicazione di una serie di finanziamenti per complessivi 6.900.000 euro che consentiranno la demolizione e la ricostruzione della scuola elementare, “ex circolo didattico” denominata Michele Preziuso, già dichiarata inagibile a seguito delle verifiche di vulnerabilità sismica effettuate dall’Università degli Studi della Basilicata nel 2016. Grazie alla par…