Passa ai contenuti principali

Inquinamento da petrolio in Val d’Agri: Legambiente presenta un esposto sugli sversamenti dichiarati da Eni

"Con Legambiente Basilicata abbiamo presentato un esposto alla procura di Potenza dopo le dichiarazioni di Eni sugli sversamenti di petrolio dal centro oli di Viaggiano. Si tratta di un fatto gravissimo che viene dopo l'indagine giudiziaria con arresti per le attività organizzate per il traffico illecito dei rifiuti del marzo 2016 e che dimostra come tutte le dichiarazioni rassicuranti da parte di Eni in questi anni fossero parole al vento.
È ora di intervenire con forza per fermare una situazione non più tollerabile in Val d'Agri: chiediamo alla magistratura e alle forze di polizia di utilizzare i nuovi delitti di inquinamento, disastro ambientale e omessa bonifica inseriti nel codice penale grazie alla legge sugli ecoreati di cui oggi si festeggia il secondo anniversario della sua approvazione". È questo il commento di Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente, intervenuto ieri al convegno di Viaggiano per presentare la legge 68/2015 approvata dopo 21 anni di lavoro dell'associazione per trasformare i reati ambientali da contravvenzioni a veri e propri delitti da codice penale, a cui hanno partecipato Valeria Tempone direttrice di Legambiente Basilicata Onlus, Ennio Di Lorenzo presidente del circolo Legambiente Val d'Agri, Stefano Palmisano avvocato penalista esperto di ambiente e salute, il vice sindaco di Viggiano Michele Montone, il sindaco di Grumento Nova Antonio Imperatrice e il comandante della Compagnia Carabinieri di Viggiano Capitano Rocco De Paola Con la legge sugli ecoreati, le forze dell'ordine e l'autorità giudiziaria possono contare su sei nuovi delitti specifici da contestare tra cui inquinamento, disastro ambientale, traffico e abbandono di materiale radioattivo, impedimento del controllo e omessa bonifica. Le pene sono molto importanti: si va dalla reclusione da 2 a 6 anni per il delitto di inquinamento a quella da 5 a 15 anni per chi commette un disastro ambientale con tempi di prescrizione raddoppiati, una lunga serie di aggravanti, la confisca dei beni (anche per equivalente) degli inquinatori, come già previsto per i mafiosi, e sanzioni severe come la responsabilità giuridica delle imprese. La legge prevede anche sconti di pena per chi si adopera a bonificare in tempi certi. "L’introduzione dei delitti ambientali nel codice penale è stata una grande conquista per l’Italia, oggi leader nella lotta agli ecoreati, ed è il primo anello di una catena più lunga, che va costruita con l’obiettivo di innalzare i controlli ambientali per tutelare l’ambiente, la salute e le imprese sane - dichiara Valeria Tampone, direttrice di Legambiente Basilicata. Chiediamo che la grave situazione ambientale causata dalla estrazioni petrolifere e dagli sversamenti di idrocarburi nell'ambiente venga affrontata con gli strumenti efficaci di contrasto oggi disponibili grazie alla legge 68 del 2015 che ha inserito i reati ambientali come delitti da Codice penale. Il nostro esposto presentato ieri alla Procura chiede che si utilizzi questo potente mezzo oggi a disposizione del popolo inquinato per pretendere anche nella nostra regione il rispetto dell'ambiente e della salute dei cittadini e dei lavoratori". La legge sugli ecoreati sta funzionando. Secondo i numeri elaborati da Legambiente sull’azione repressiva svolta dalle forze di polizia e dalle Capitanerie di porto, nel 2016 in Italia la legge 68/2015 ha consentito di sequestrare 133 beni per un valore di circa 15 milioni di euro e di sanzionare 574 ecoreati, più di uno e mezzo al giorno. Entrando nello specifico dei dati sull’azione repressiva svolta nel 2016 dalle forze di polizia, sul fronte dei delitti contestati, sono 143 i casi di inquinamento ambientale, 13 quelli di disastro ambientale, 6 quelli di impedimento di controllo, 5 i delitti colposi contro l'ambiente, 3 quelli di omessa bonifica e 3 i casi di aggravanti per morte o lesioni come conseguenza del delitto di inquinamento ambientale. La Campania è la prima regione per il numero (70) di ecoreati contestati. La Sardegna è la regione con il maggior numero di denunciati (126), mentre l’Abruzzo per il numero più alto di aziende coinvolte (16). Il maggior numero di arresti è stato compiuto in Puglia (14), il numero più alto di sequestri in Calabria (43). In Basilicata sono stati 22 gli ecoreati contestati dalle forze di polizia nel 2016 e 52 le persone denunciate.Secondo il ministero della Giustizia dal 1 giugno 2015 a fine 2016, la legge 68 è stata applicata in Italia in 467 procedimenti penali con 651 persone denunciate. Nel 2015 sono stati 41 i procedimenti giudiziari che si sono conclusi con condanne di primo grado grazie alla nuova legge, mediante patteggiamenti e riqualificazione di reati contestati precedentemente sotto altro titolo. Secondo informazioni che la Commissione parlamentare d'inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti che ha raccolto da 167 uffici giudiziari tra Procure, Tribunali e Corti di appello (pari al 57% del totale nazionale) emerge che ad oggi circa il 60% degli uffici giudiziari ha già applicato la legge in tutta Italia, con una maggiore accentuazione nelle Isole e nel Sud. Sono arrivate anche le prime sentenze di Cassazione. A cominciare dalla sentenza n. 46170/16 della Terza sezione penale del 21 settembre sull'inquinamento ambientale per i lavori di dragaggio del «molo Garibaldi» e del «molo Fornelli» del Comune di La Spezia, procedimento che vede Legambiente costituita quale parte offesa. A questa sentenza ne sono seguite altre, tra cui quelle sulla pesca illegale a Taranto, su un caso di inquinamento causato da una distilleria in Campania e su un depuratore malfunzionante in Sicilia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Rionero. Un grande successo la terza edizione di Briganti o Migranti.

Grazie all’impegno della locale Pro Loco, presieduta dal giovane Cristian Strazza, e dell’Amministrazione Comunale, Apt e Regione Basilicata, a Rionero in Vulture si è rivissuta l’atmosfera del brigantaggio post-unitario. 

“Briganti o Migranti”, si intitola così la tre giorni dedicata alla figura di Carmine Crocco, svoltasi il 13, 14 e 15 Ottobre scorsi, che ha richiamato un gran numero di visitatori provenienti dall’intero Sud Italia. 

Dopo il grande successo della seconda edizione, un vero e proprio boom di spettatori (circa 2000 in totale) ha potuto attraversare le strette vie del centro storico per riscoprire i momenti più significativi della storia del Generale dei Briganti Carmine Crocco. 

 Filo conduttore di questa edizione è stato il “fato” ovvero i motivi che hanno spinto il ribelle rionerese a darsi alla macchia e combattere contro l’esercito piemontese. 12 le scene allestite nel Rione Costa: processo a Carmine Crocco, il fiume, l’infanzia, Crocco e il P…

35.0000 persone alla 15. Edizione del Parco Urbano delle Cantine. Qui le foto

Sarà un'edizione indimenticabile. La 15. Edizione del Parco Urbano delle Cantine di Rapolla è stato un successone. Trentacinquemila persone giunte da tutta Italia, hanno apprezzato i luoghi, i sapori, le atmosfere che solo il Parco Urbano delle Cantine di Rapolla sanno trasmettere. Già dalle prime luci dell'alba su Rapolla si sono versati migliaia di turisti, che si sono aggiunti a quelli che erano presenti la sera precedente. 

Tutti i parcheggi erano pieni, le navette che portavano i turisti da Rapolla, alle cantine, hanno girato senza sosta.  Un grazie alla Polizia Locale e i volontari della protezione Civile e delle Guardie Ecozoofile, che sono riusciti a smaltire il traffico. 

Ma la bellezza di questa manifestazione sono stati gli eventi in programma che hanno accompagnato i turisti per tutta la giornata, e in tutti i luoghi.  Si e partiti nella prima mattinata con la visita alla Cooperativa Rapolla Fiorente, con “Degustazione Pane e Olio in frantoio”. Sempre in mattinata visi…

Ordinazione episcopale di S.E. rev.ma Mons. Ciro Fanelli, celebrazione della prima santa Messa Pontificale e presa di possesso della diocesi di Melfi-Rapolla- Venosa

Sarà celebrato mercoledì 18 ottobre 2017, alle ore 17.00 , presso la Basilica Cattedrale di Lucera, il Rito di ordinazione episcopale di Monsignor Ciro Fanelli , ve- scovo eletto della diocesi lucana di Melfi-Rapolla- Venosa. La solenne Concelebrazione Eucaristica, nella festa li- turgica di san Luca evangelista, sarà presieduta da Sua Eccellenza reverendissima Monsignor Giuseppe Giuliano, vescovo di Lucera-Troia, mentre avrà come con-ordin anti Sua Eccellenza reverendissima Monsignor Salvatore L igo- rio, arcivescovo metropolita di Potenza-Muro Lucano - Marsico Nuovo, e Sua Eccellenza reverendissima Mons ignor Domenico Cornacchia, vescovo di Molfetta-Ruvo- Giovinazzo-Terlizzi, già vescovo di Lucera-Troia. Per l’atteso e- vento sono state in- viate alcune indicazioni da parte dell’Ufficio Liturgi- co Diocesano, secondo cui i fedeli delle parrocchie della diocesi di Lucera-Troia potranno accedere in Cattedrale dalle ore 16,15…

A Ruvo del Monte un polacco ucciso per motivi passionali

Un cittadino polacco di 39 anni è stato ucciso la notte scorsa a Ruvo del Monte al termine di una lite per motivi passionali con un rumeno. Il tutto è avvenuto durante una cena, dove era presente un terzo amico, anche lui rumeno. A quando sembra, dopo è scoppiata una lite, finita in tragedia. I Carabinieri - coordinati dal pm di Potenza Vincenzo Lanni, che si è recato sul posto - hanno arrestato un romeno di 42 anni.
Pino Di Lucchio

Rionero. UNILABOR Inaugurazione Anno Accademico 2017-2018

Domani, 13 ottobre, alle ore 17,00, presso il Palazzo Giustino Fortunato si terrà la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico 2017-18 dell'Unilabor, l'Università delle tre età.  Il saluto inaugurale sarà della Presidente dell'UNILABOR Giuseppina Cervellino. Seguiranno gli interventi di Luigi Di Toro, Sindaco di Rionero e Paola D'Antonio, docente dell'Università di Basilicata. Maria Luigia Bozza del direttivo UNILABOR, presenterà i docenti, e illustrerà i corsi e i docenti.  Buon Anno Accademico a tutti i partecipanti dell'UNILABOR.

Pino Di Lucchio

Ad ottobre "Programma Senior" in tutti gli uffici postali della provincia di Potenza

Per tutto il mese di ottobre una campagna dedicata agli over 60  Fino al 31 ottobre, in tutti gli uffici postali di Potenza e provincia, è in corso la campagna “Programma Senior”, l’iniziativa che si rivolge alla clientela over 60 contenente informazioni utili a conoscere la speciale offerta di Poste Italiane. Una delle principali informazioni che in questo mese verranno ricordate ai clienti senior riguarda l’assicurazione gratuita sul furto di contante nelle due ore successive alla riscossione della pensione per tutti coloro che hanno accreditato il rateo sul tradizionale libretto di risparmio o sul conto BancoPosta. E’ stato inoltre realizzato un pacchetto di servizi dedicati con particolari agevolazioni in promozione che vanno dalle molteplici soluzioni di telefonia fissa e mobile, alla polizza assicurativa “PostaProtezione Infortuni Senior” al prestito “Quinto BancoPosta Pensionati”. In Italia sono oltre 13 milioni i residenti con un’età super…

Il comitato provinciale Unicef di Potenza avvia la campagna Pigotta 2017 per salvare migliaia di bambini in tutto il mondo

Nella provincia di Potenza con la Pigotta dell’Unicef si salva la vita a migliaia di bambini. Da sabato 14 ottobre il presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza Mario Coviello con Anna Maria Giambrocono ha avviato la campagna delle pigotta 2017. La Pigotta® è una bambola di pezza, una bambola speciale che può salvare la vita di un bambino.
Le Pigotte, in dialetto lombardo, erano le bambole di pezza del dopoguerra; dal 1999 sono  le bambole dell’UNICEF, uniche ed irripetibili. Sono realizzate a mano con fantasia e creatività da nonni, genitori e bambini, a casa, a scuola, presso associazioni e centri anziani di tutta Italia. Con una donazione minima di 20 € tutti possono adottare una Pigotta e sostenere l’UNICEF e i suoi programmi salvavita. Ogni Pigotta apre un cerchio di solidarietà che unisce chi ha realizzato la bambola, chi l’ha adottata e il bambino che, grazie all’UNICEF, verrà inserito in un programma di lotta alla mortalità infantile denominato "Strategia Acceler…

Aspettando "Briganti o Migranti". Rionero 13, 14 e 15 Ottobre

É venuto il nostro tempo! dissero i contadini
Ancor oggi si dice che la reazione fu il frutto dell'ignoranza, ciò sarà vero, anzi è verissimo, ma, a promuovere la reazione vi concorsero pure questi arrabbiati signorotti di provincia, i quali con sfacciata millanteria dicevano: "venuto il tempo nostro". Ed i poveri oltraggiati risposero: "venuto pure il nostro tempo", e cosi' in molti paesi si ebbero uccisioni, assassinii, depredazioni; i frutti della guerra civile. Fui ricevuto in Stigliano dal prete, un grasso parroco, vestito per le grandi occasioni, che mi venne incontro ed offrendomi il Crocifisso a baciare invocò la pietà e la misericordia pei suoi fedeli rimasti in paese. 

Prevaleva in me e nei componenti la mia banda un sentimento di religione che ci faceva timorosi di fronte a Dio; ognuno di noi aveva appeso al collo il sacro abitino coll'immagine della Madonna, ch'egli invocava a salvezza della vita ne' conflitti, onde la preghiera del pr…

CORSO DI COMUNICAZIONE RADIOFONICA Relatore Massimo Cervelli conduttore di radio2 rai Hotel Kiris di Viggiano (PZ) 25 e 26 Novembre 2017

Massimo Cervelli conduttore dal 1998 di radio2 rai presso la Sala Congressi dell’Hotel Kiris di Viggiano (PZ) il 25 e il 26 Novembre 2017 terrà un Corso di comunicazione radiofonica-Come diventare DJ e conduttori radiofonici. Il seminario si articola in due giornate, per una durata complessiva di 16 ore: 8 ore il sabato e 8 ore la domenica, dalle 9:00 alle 13.00 e dalle 14:00 alle 18:00. Il corso di comunicazione radiofonica è rivolto a speaker professionisti, amatoriali e aspiranti che vogliono migliorare la tecnica di conduzione radiofonica e scoprire i metodi di una comunicazione efficace e diretta. Durante le due giornate il conduttore di radio2 rai svolgerà un vasto programma strutturato in due parti: teorico e pratico. La prima parte sarà dedicata alla costruzione di una scaletta di un programma radiofonico e musicale, all’intervista, alla costruzione di un intervento radiofonico partendo da una notizia, alle tecniche di Presentazione di un evento Live e alle tecniche di dizion…

Incidenti stradali: dati lucani

Ecco i dati targati 2016 degli incidenti stradali in Basilicata. Si contano 945 incidenti stradali, ciò ha causato la morte di 42 persone e il ferimento di 1.519. In confronto al 2015, sono aumentati il numero degli incidenti (+1,0%), mentre si riducono il numero dei feriti (-2,8%) e quello dei morti (-2,3%). Dati rilevati dall'Istat, è inoltre evidenziato che "la ss 407 Basentana (6 morti e 26 feriti) e la ss 598 di Fondo Valle dell'Agri (5 morti e 40 feriti) hanno rappresentato, nel 2016, le arterie stradali  più critiche per la sicurezza stradale in Basilicata.
Pino DI Lucchio

TG7 Basilicata Supplemento a SIDERURGIKATV testata giornalista Registrata al Tribunale di Potenza. Num. Reg. Stampa 470