Passa ai contenuti principali

LA PROF.SSA COLELLA VINCE LA CAUSA CONTRO ENI

"Eni aveva citato in giudizio la Colella per diffamazione chiedendole 5 milioni di euro per danni subiti. 
Il Tribunale di Roma giudica la domanda di Eni infondata e anche temeraria Il Tribunale Ordinario di Roma 1a Sezione Civile con sentenza del 19.07.2017 n. 15676/2017 ha dato ragione alla Prof.
Albina Colella, rigettando integralmente la richiesta di risarcimento danni per diffamazione promossa da ENI nei confronti della professoressa, e anche condannando la società petrolifera per lite temeraria.
Il Tribunale ha così sancito la legittimità dell'informazione scientifica svolta negli anni dalla Prof. Colella, Ordinario di Geologia dell'Università della Basilicata. La vicenda trae origine dalla divulgazione dei risultati della ricerca scientifica della Prof. Colella, fatta a seguito di ripetute sollecitazioni di cittadini lucani, sulle acque sotterranee ricche idrocarburi, gas, sali, metalli, fenoli, tensioattivi, ecc., che nel 2011 erano improvvisamente affiorate su suoli agricoli di Contrada la Rossa (Montemurro), a 2,3 km dal pozzo di reiniezione di scarti petroliferi Costa Molina 2 in Val d'Agri, e che mostravano diverse affinità con quelli che sono i caratteri generali dei reflui di scarto petrolifero. Dopo che i risultati erano stati divulgati anche in trasmissioni televisive nazionali, con interpretazioni sempre espresse nei termini corretti di ipotesi scientifica, il 10 marzo 2015 ENI aveva citato in giudizio la Prof. Colella per chiederle un risarcimento di cinque milioni di euro più 100 mila per diffamazione e danni morali e patrimoniali ipoteticamente subiti dalla società petrolifera. La difesa della Prof. Colella, assistita dagli avvocati Giovanna Bellizzi e Leonardo Pinto del Foro di Matera, si è basata su una corposa e articolata attività legale e produzione documentale volta a dimostrare non solo la totale infondatezza giuridica della domanda di risarcimento danni per diffamazione promossa da ENI, ma anche finalizzata a provare il fatto che la professoressa ha agito sempre nel pieno rispetto del Codice Etico dell'Università della Basilicata, codice di comportamento che chiede ai docenti universitari di garantire la divulgazione dei loro risultati scientifici alla comunità quando questi riguardano potenziali ricadute sulla vita umana e sull’ambiente, come la sentenza del Tribunale di Roma ha chiaramente riconosciuto. Gli avvocati Giovanna Bellizzi e Leonardo Pinto esprimono soddisfazione e dichiarano che la sentenza presenta profili di grande interesse, perchè stabilisce il diritto all'informazione in materia ambientale e riconosce la valenza costituzionale della libertà di opinione quando afferma che "non vi è dubbio che la divulgazione dei risultati della ricerca costituisca legittima espressione del diritto di libertà di manifestazione del pensiero, sancito dall'art. 21 della Costituzione, e di libertà della Scienza garantita dall'art. 33 della Costituzione, senza limiti e condizioni". Inoltre il Tribunale di Roma nella sentenza che dà ragione alla Prof. Colella, afferma che "l'art. 21 della Costituzione, che in questa sede trova diretta applicazione, costituisce un pilastro dello stato democratico e della effettiva possibilità per il popolo di esercitare la propria sovranità essendo stato correttamente informato ed avendo potuto conoscere l'opinione degli esperti in relazione ad ogni settore di rilevante interesse sociale o pubblico". Gli avvocati Bellizzi e Pinto precisano inoltre che il Tribunale di Roma ha stabilito che la somma richiesta alla Prof. Colella a titolo di risarcimento dei danni, essendo del tutto sganciata da qualsiasi parametro che regola il risarcimento nella presente materia, ha giustificato non solo il rigetto della domanda, ma anche la condanna di ENI per lite temeraria che ai sensi dell'art. 96 del c.p.c si risconosce solo quando la parte soccombente ha agito in giudizio con malafede o colpa grave. La Prof. Colella, che non ha mai avuto alcun pregiudizio ideologico sul tema delle fonti energetiche fossili, bensì è stata critica sui relativi impatti ambientali e sulla tutela di una georisorsa strategica come l'acqua, e che in passato ha avuto una fruttuosa collaborazione scientifica con ENI sul sottosuolo e sulle risorse idriche della Val d'Agri, auspica che nel futuro si possano avere percorsi di studio condivisi con trasparenza e sereno confronto scientifico. La Prof. Colella esprime anche soddisfazione per la sentenza, sia perchè ha fatto definitiva chiarezza sull'approccio scientifico che lei ha tenuto sulla questione, sia perchè sancisce il diritto dei lucani ad essere sempre informati in materia ambientale senza dover subire alcun limite o condizione. 

Avvocato Giovanna Bellizzi

Commenti

Post popolari in questo blog

Non si finisce mai!!! Un'altro incidente sulla via della Morte.

Non passa settimana, senza un incidente sulla Potenza-Melfi. Questa mattina, ennesimo scontro tra autovetture.  Verso le ore 6:00 nei pressi di San Nicola di Melfi, scontro frontale tra due auto sulla strada provinciale. Quattro le persone rimaste ferite. Una donna, di Barile,  che viaggiava in una delle auto coinvolte, è stata ritrovata fuori dal veicolo e trasportata d’urgenza al San Carlo di Potenza.
Pino Di Lucchio

Rapone. Prima Festa di Santità dei pastorelli di Fatima Santi Francesco e Giacinta

A Rapone piccolo paese del vulture tutto pronto per dare inizio alla prima festa di Santità dei Pastorelli di Fatima Francesco e Giacinta. Il 13 febbraio hanno iniziato con un'ora eucaristica dedicata a Suor Lucia la terza pastorella che rimase in vita per scrivere fino agli ultimi tempi nel 2005 tutto quello che lei ricordava delle apparizioni di Fatima .Sabato 17 febbraio alle ore 19:00 in chiesa Madre convegno sulla spiritualità adulta dei Santi Pastorelli. Interverranno: Padre Valter Arrigoni Monaco, il sindaco di Rapone Ing. Lorenzo Felicetta, la referente del Movimento del Messaggio di Fatima della Basilicata De Luca Vita, il parroco don Giovanni De Palma. Un convegno dedicato tutto alla spiritualità dei bambini diventati Santi come mai la Madonna apparve a tre bambini?, forse perchè i bambini sono la chiave del nostro futuro? 

Vi aspettiamo a Rapone per rispondere insieme a tante domande del mistero delle Apparizioni della Madonna ai tre pastorelli. Martedì 20 febbr…

Potenza. Da febbraio, al San Carlo, attivato il servizio ambulatoriale di Ipnosi Clinica. Responsabile il prof. Carlo Antonelli di Palazzo San Gervasio

L’Ospedale San Carlo di Potenza dal 1 febbraio si arricchisce di un altro servizio, quello della Terapia del Dolore, offrendo un servizio ambulatoriale di Ipnosi clinica. E’diventato attivo presso l’Unità Dipartimentale di Terapia del Dolore diretta dal Dottor Antonio Giardina il nuovo Ambulatorio di Ipnosi Clinica. Nell’ambito del territorio Nazionale, rappresenta un raro esempio e sforzo nell’ottica di una gestione multidisciplinare dell’esperienza di dolore. L’ambulatorio è gestito da Carlo Antonelli, Terapista del Dolore e specialista in Ipnosi Clinica e Psicoterapia, e sarà orientato al trattamento del dolore cronico non oncologico, non rispondente o gestibile in modo adeguato con i consueti protocolli terapeutici e nel quale siano determinanti e ragionevolmente modulabili componenti cognitive ed emotive del dolore globale. L’accesso sarà mediato da una prima visita algologica che valuterà l’opportunità di un ricorso all’ipnosi, come prima linea o come terapia di support…

Tre lievi scosse nel Potentino

Tre scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 2.8, le altre di 2.1, sono state registrate nel Potentino tra le ore 9.49 e le 10.07. L'epicentro è stato tra Muro Lucano, Bella, Castelgrande, Balvano e Ricigliano. Non ci sono danni a persone e cose.

Pino Di Lucchio

TG7 Basilicata 8 Febbraio 2018 - 3.Edizione

Vaglio Basilicata. Stage Tecnico di Karate (1) Centro Karate Shotokan. Maestro Mimmi Lacerenza  Intervento di dott. Giancarlo Tamburrino - Sindaco di Vaglio Basilicata

Appuntamento Domenica 18 Febbraio con il Carnevale di Lavello

Manca solo un giorno al grande evento del Carnevale di Lavello. C'è tanta attesa per la meravigliosa sfilata dei carri e della maschera lavellese "il domino". Quest'anno l'evento è reso ancora più eccezionale dal successo ottenuto dal "Domino" al Carnevale di Venezia, dove ha rappresentato la Basilicata, e al Bit di Milano. Un successo ottenuto dall'amministrazione Comunale in un opera di recupero, tutela e valorizzazione del patrimonio immateriale culturale.



Nell'antica tradizione lavellese, il Domino, Indossa una lunga tunica in raso con cappuccio e una mantella che copre spalla e braccia. Sono vestiti rosso, il colore del popolo. Ogni sabato sera, nel periodo compreso tra il 17 gennaio e il sabato successivo al giorno delle ceneri, animano i “festini”: fino al mattino si radunano per ballare mascherati per nascondere la propria identità. Sono i “Domini”, maschera di Carnevale tipica di Lavello.



L’idea è quella di far diventare il carnevale un a…

Domani a Palazzo San Gervasio Don Roberto, il prete-dj che fa la parodia dello Stato Sociale

Manca davvero poco domani finalmente sarà con noi Don Roberto Fiscer, non mancare alla S. Messa a Palazzo San Gervasio, sarà un'esperienza unica.
Prima faceva il dj sulle navi da crociera, adesso è un prete. Così, don Roberto Fiscer ha trasformato la canzone dello Stato Sociale “Una vita in vacanza” in “Una vita in preghiera“. Dopo il successo dello scorso anno, ottenuto con “Lo vinci con quest’arma“, parodia sempre in chiave religiosa della celebre “Occidentalìs Karma“, don Roberto prova a fare il bis, reinterpretando un altro tormentone di Sanremo. Uscendo da Sanremo e arrivando in chiesa, il ritornello di “Una vita in vacanza” diventa: “Una vita in preghiera è la gioia più vera con il Regno che avanza e tutta la Chiesa che suona e che canta per un mondo diverso e che vinco se perdo e Gesù che ci rende migliori la gente che dice e che pensa ‘sei fuori'”. E così in due giorni superale 4500 visualizzazioni. Insomma, il prete-dj riscuote un grande successo con le sue canzoni e…

Comitato Laghi di Monticchio: Se non riusciamo ad essere originali almeno copiamo quelli più bravi di noi.

Nel nord della Slovenia, ai piedi delle Alpi Giulie, sorge uno dei posti più incantevoli dell'intero Paese: Bled . Con soli 6 mila abitanti ma distante circa 60 km dalla Capitale Lubiana (270mila abitanti), la località è famosa per la sua estrema bellezza paesaggistica e per le leggende narrate sulla sua origine. Un piccolo paradiso attorniato da una natura straordinaria e meravigliosi dintorni. Meta ambita da turisti italiani, austriaci e tedeschi per concedersi qualche giorno di assoluto relax. 

Le bellezze naturali, i monumenti storici e la felice ubicazione a meridione delle Alpi fanno di Bled un sito dedicato al turismo. L'immagine di Bled, col castello e l'isola in mezzo al lago, sono le caratteristiche, per le quali la località è nota in quasi tutto il mondo. Il lago di Bled è famoso per la sua eccezionale bellezza. Nel mezzo del lago è sita una romantica isoletta con la chiesa dell'Assunzione della Vergine. L'isola e la chiesa testimoniano numerosi eventi de…

IL TECNICO FEDERALE CREMONINI DOMENICA A MELFI

Il responsabile federale del settore minibasket farà visita alla Normanna Basket Melfi nel suo giro tra 175 società scelte per il loro ottimo lavoro con i più piccoli in tutta Italia Il lavoro paga e se si lavora bene, con i tecnici giusti e senza fretta, investendo sui giovani, i risultati non tardano poi ad arrivare. Per questo possiamo dire che il momento e' sicuramente d'oro per la Normanna basket che è stata scelta, con altre 175 società in tutta Italia, proprio per il suo lavoro nei settori giovanili, per uno stage in cui riceverà la visita del tecnico federale Maurizio Cremonini, la prossima domenica 18 febbraio. Sarà un momento di grande prestigi o per Melfi e la nostra società, con tecnici, ragazzi, dirigenti, genitori, tifosi che incontreranno colui che è responsabile del minibasket e del settore scuola della federazione e li si potrà dialogare con lui, seguire i suoi corsi o ascoltare i suoi consigli e le varie nuove metodologie x coinvolgere sempre più i ragaz…

L'Alta Moda Italiana di Michele Miglionico a Buckingham Palace - Londra

In occasione della presentazione delle Credenziali dell’Ambasciatore d’Italia S.E. Raffaele Trombetta, la consorte Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un abito di Alta Moda firmato dallo stilista Michele Miglionico. 
L’Ambasciatore S.E. Raffaele Trombetta ha presentato a Londra le Credenziali alla Corte di San Giacomo al cospetto di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. La cerimonia, come vuole la tradizione, si è svolta a Buckingham Palace. 

Per questa occasione Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un outfit di Alta Moda a firma dello stilista italiano Michele Miglionico. Un tailleur rosso lacca composto da una giacca di lana e seta matelassè intarsiata di pizzo macramè nero e gonna di duchesse di seta rossa dalla linea a matita con un sopragonna di tulle point d’esprit nero ricamato motivo tartan nei colori grigio e rosso.  Alla fine della cerimonia delle Credenziali, un Vin d’Honneur è stato offerto in Residenza per festeggiare l…