Passa ai contenuti principali

Presentata la Campagna di comunicazione #HoSceltoUnibas e i dati Almalaurea

Per la prima volta nella sua storia, l’Università della Basilicata realizza una campagna di comunicazione per le iscrizioni all’anno accademico 2017-2018 scegliendo come protagonista la comunità accademica, “immortalando” nelle grafiche gli studenti, che raccontano la loro università attraverso l’hashtag
#HoSceltoUnibas, con due ospiti d’eccezione - la Rettrice, Aurelia Sole, e il docente di Geografia economico-politica, Luigi Stanzione – per valorizzare le potenzialità dell’Ateneo, le sue strutture e tutti i vantaggi di un’Università piccola, “su misura” per gli iscritti, che non sono quindi solo semplici numeri di matricola ma protagonisti del percorso di studi. La campagna di comunicazione è stata presentata stamani, a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, a cui ha partecipato la Rettrice, Aurelia Sole, e il direttore generale dell’Ateneo, Lorenzo Bochicchio.


La campagna - a cura di Davide De Paola (Ufficio Stampa Unibas), Mimmo Colucci (Bloop Srl) e Antonio Candela (Universosud) - racconta quindi l’Ateneo dal punto di vista degli studenti, proseguendo il filo logico iniziato con la campagna “Unibas, storie di numeri primi”, che presentava i laureati nell’Unibas che oggi occupano posti di prestigio in vari ambiti, dalle istituzioni alle imprese. #HoSceltoUnibas nasce per concentrarsi prima di tutto sulle piattaforme digitali, (media, social, blog e siti delle testate giornalistiche) con nove grafiche, per descrivere alcuni aspetti dell’Ateneo in modo innovativo e con slogan sintetici, parlando prima di tutto alle future matricole e alle loro famiglie. 


Sette slide vedono come “attori” gli iscritti ai corsi dell’Unibas, per descrivere le strutture dell’Ateneo (laboratori e apparecchiature innovativi e “immersi nella cultura”), l’attenzione nei confronti di tutti gli studenti – il punto di forza di un’università “su misura”, in cui i giovani non sono semplicemente matricole – il valore aggiunto di Matera Capitale della cultura per il 2019 come “laboratorio a cielo aperto”, una comunità accademica che “realmente” è costantemente al fianco di ogni iscritto, richiamando anche la celebre serie tv americana “Modern Family”, per descrivere un Ateneo inclusivo, ben strutturato e al passo con i tempi, e un campus accogliente e attrezzato. 


L’obiettivo è quindi quello di “narrare” l’Unibas attraverso la voce dei suoi componenti, basando gli slogan – diretti a un “target” giovanile tra i 17 e i 25 anni, e di adulti tra i 45 e i 60 anni, che si informano principalmente sui siti web e sulle piattaforme social (70%), attraverso il “passaparola” (20%) e tramite tv e giornali (10%) – sulle potenzialità dell’Unibas e sui dati forniti da Almalaurea negli ultimi anni. “I dati Almalaurea – ha detto la Rettrice dell’Unibas, Aurelia Sole – sono preziosi perché offrono una ‘fotografia’ annuale e concreta dei nostri laureati e del loro percorso accademico, in sintesi della loro esperienza reale. Anche per il 2017 si conferma l’ampia soddisfazione dei nostri iscritti, che dimostra l’impegno di tutto l’Ateneo, anche e soprattutto su un principio fondamentale: lo studente è sempre al centro di tutte le nostre attività ed è seguito individualmente in ogni aspetto della sua formazione. Su queste basi è stata anche strutturata la nostra prossima campagna di comunicazione, in cui i nostri studenti saranno i ‘testimonial’ esclusivi per promuovere quello che è, prima di tutto, l’Ateneo che vivono quotidianamente”.

IMMATRICOLAZIONI IN AUMENTO – Negli ultimi anni le iscrizioni nell’Unibas sono costantemente cresciute (3% nell’anno accademico 2015/2016 e 3% nell’anno accademico 2016/2017): il 22% degli studenti proviene da fuori regione, sfatando quindi il “mito” di un’Unibas che non attrae iscritti dai territori limitrofi.

TASSE TRA LE PIU’ BASSE IN ITALIA – L’Ateneo lucano negli ultimi anni ha subito pesanti tagli dal ministero, e dal 2008 il Fondo di finanziamento ordinario (Ffo) - ovvero il finanziamento statale che costituisce la principale fonte di entrata per le università italiane – si è ridotto di più del 17%: nonostante il periodo di crisi, però, l’Unibas non ha aumentato le tasse (che restano tra le più basse nel Paese), mantenendo una “no tax area” in cui rientrano il 30% degli iscritti, vantaggi per gli studenti meritevoli e sostegno per quelli svantaggiati.

I DATI ALMALAUREA - Anche per il 2016 si conferma il giudizio ampiamente positivo degli studenti dell’Università della Basilicata sull’Ateneo, sui corsi e sulle strutture. Il 91% dei laureati dello scorso anno – secondo il 19/o “Rapporto sul Profilo e sulla Condizione occupazionale” dei laureati del 2016, realizzato dal Consorzio Almalaurea su 71 Atenei italiani - si è detto soddisfatto del corso di studi frequentato e del rapporto con i docenti (rispetto a una media nazionale dell’86% circa), delle aule (76,2%, a fronte di una media nazionale del 70,2%) e delle postazioni informatiche (gradimento al 78,4%, media nazionale 73,9%). Il 22% dei laureati dell’Unibas proviene da fuori regione. Passando al profilo occupazionale dei laureati Unibas nel 2015, sugli “Aspetti ritenuti rilevanti nella ricerca del lavoro” nella carriera universitaria la valutazione predominante è quella dell’acquisizione “di professionalità (80,5% vs. 76,9% nazionale), seguita dalla “possibilità di carriera” (70,6% vs. 64,9% nazionale). La grande maggioranza dei laureati triennali dell’Unibas (63% circa) sceglie poi di proseguire gli studi, quindi il tasso di occupazione per questa categoria è più basso della media nazionale (tre su dieci rispetto al 42% della media italiana). Il dato sale al 48% se si considerano i triennali che hanno cercato lavoro. Il 43% degli occupati (sempre per i laureati triennali, a un anno dalla laurea) può contare su un lavoro a tempo indeterminato (compreso quello a tutele crescenti), mentre il 12% svolge un’attività autonoma. Più in generale, la retribuzione è in media di 950 euro mensili netti. Per i laureati magistrali a ciclo unico nel 2016 si registra un valore positivo rispetto al resto d’Italia: il 35,6%, infatti, ha già un lavoro rispetto a una media nazionale del 33,8%. L’80% dei laureati in Scienze della Formazione primaria nell’Unibas è già al lavoro. A un anno dalla laurea, sempre secondo la ricerca di Almalaurea, il 51% dei laureati magistrali biennali è occupato (sono compresi anche coloro che sono in formazione retribuita). Anche i tempi di ingresso nel mercato del lavoro sono quasi identici alle medie nazionali: il laureato Unibas 2015 impiega un mese dalla laurea all'inizio della ricerca del primo lavoro (0,9 la media nazionale), 3,6 mesi dall'inizio della ricerca al reperimento del primo lavoro (3,1 media nazionale) e 4,6 mesi dalla laurea al reperimento del primo lavoro 4,6 (4 mesi la media nazionale).


L’OFFERTA DIDATTICA – Per il prossimo anno accademico saranno attivi nell’Unibas 14 corsi di laurea – sede Potenza: Biotecnologie, Chimica, Scienze Geologiche, Economia Aziendale, Matematica, Scienze e tecnologie informatiche, Ingegneria civile e ambientale, Ingegneria meccanica, Studi umanistici, Scienze forestali e ambientali, Tecnologie agrarie, Tecnologie alimentari; sede Matera: Operatore dei beni culturali, Paesaggio, ambiente e verde urbano – tre corsi di laurea magistrale a ciclo unico - Potenza: Farmacia; Matera: Architettura e Scienze della formazione primaria – 14 corsi di laurea magistrale, di cui due di nuova attivazione - Potenza: Biotecnologie per la diagnostica medica, farmaceutica e veterinaria, Scienze chimiche, Ingegneria civile, Ingegneria informatica e delle tecnologie dell'informazione, Ingegneria meccanica, Ingegneria per l'ambiente e il territorio, Matematica, Scienze forestali e ambientali, Scienze e tecnologie agrarie, Scienze e tecnologie alimentari, Filologia Classica e Moderna (nuovo corso), Scienze filosofiche e della comunicazione, Storia e civiltà europee; Matera: Scienze Antropologiche e Geografiche per i Patrimoni Culturali e la Valorizzazione dei Territori (nuovo corso) – quattro corsi internazionali di laurea magistrale, di cui uno di nuova attivazione - sede Potenza: Economia delle risorse naturali e culturali, Geoscienze e Georisorse, Gestione sostenibile della qualità alimentare; sede Matera: Archeologia e Storia dell'Arte (nuovo corso) – e la Scuola di specializzazione in beni archeologici con sede a Matera

STAGE, ERASMUS, CORSI E TIROCINI – l’Unibas mette a disposizione un centinaio di laboratori per la ricerca e la didattica, campagne per scavi archeologici, laboratori sperimentali di campo, cinque dottorati di ricerca (più altri due consorziati), per circa 40 borse l’anno, decine di progetti di internazionalizzazione e di collaborazione con Atenei europei e internazionali, e un programma Erasmus – circa 120 accordi quadro e specifici di cooperazione scientifica e didattica con università e centri di eccellenza di ricerca in tutto il mondo - che garantisce a tutti i richiedenti Unibas il soggiorno all’estero, ai quali va un sostegno economico aggiuntivo dell’Ateneo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Studente universitario di Melfi, Giovanni Balducci, viene premiato a Novara per una tesi sulla mafia di San Luca (Rc). Relatore Nando dalla Chiesa

Lo scorso, 26 novembre a Novara, è stato consegnato il premio da parte dell'Associazione La Torre-Mattarella (associazione nata in ricordo di Pio La Torre e Piersanti Mattarella, vittime della mafia) a quattro tesi dell'università degli Studi di Milano. E' un premio per tesi magistrali, ma quest'anno gli organizzatori hanno esteso il premio anche a chi ha superato la triennale di studi. Tra i premiati, anche uno studente lucano, dell’Università degli Studi di Milano, Giovanni Balducci, originario di Melfi, già studente del Liceo Classico “Quinto Orazio Flacco” di Venosa. Avvicinato il giovane studente di Melfi, Giovanni Balducci ha dato un sunto del suo lavoro: “La mia tesi sulla criminalità organizzata si basa sulle famiglie e la storia della 'ndrangheta di San Luca (RC), "capitale" della 'ndrangheta, e nel mio elaborato sono riuscito a ricostruire le genealogie di tutte le più importanti famiglie criminali. La tesi ha un titolo significativ…

San Fele, Ruvo e Rapone: scuole amiche dell’Unicef

Natale si avvicina e le scuole di San Fele, Ruvo e Rapone sono impegnate nei preparativi per il Natale. L’11 dicembre la giornata e fredda e il sole è coperto dalle nubi. Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, è accolto dal sorriso delle insegnanti Maddalena Girardi della scuola primaria e Sabrina Fezzuoglio della scuola media che con palloncini colorati, scritte, festoni addobbano l’ingresso. Alle 9,30 si festeggia la pigotta, la bambola dell’Unicef che viene adottata e salva la vita di milioni di bambini in pericolo con cibo, medicine, istruzione. 
Gli alunni nel salone dell’Istituto Comprensivo di San Fele 
Gli alunni delle scuole elementari e medie di San Fele, Ruvo e Rapone hanno lavorato con i genitori e i nonni a casa e a scuola e ora le bambole di pezza sono pronte per sfilare sul palco prima di essere adottate dalle classi. Con i pulman arrivano da Ruvo e Rapone alunni e insegnanti e si può cominciare. Il dirigente scolastico Lorenzo Rispoli…

Nasce AMORe: Alleanza tra i 3 principali Istituti Oncologici del Sud

E' nata AMORe Alleanza Mediterranea Oncologia in Rete. Con l'obiettivo di garantire cure antitumorali e abbattere il fenomeno dei viaggi della speranza verso il Nord i 3 principali Istituti oncologici del Mezzogiorno: l'Istituto nazionale tumori Irccs Fondazione Pascale di Napoli, l'Istituto tumori di Bari Irccs Giovanni Paolo II e l'Irccs Centro di riferimento oncologico della Basilicata Crob di Rionero in Vulture si incontrano per dare vita ad una nuova rete. I direttori generali Attilio Bianchi, Antonio Delvino e Nicolò Cugno hanno firmato il 29 novembre a Bari la prima convenzione interregionale Campania-Puglia-Basilicata con l'intento di "tracciare la rotta per un nuovo modello di sanità in grado di coniugare i canoni di buona amministrazione con i bisogni assistenziali in continua evoluzione". Nove i punti dell'intesa: creare una Rete interregionale di Istituti oncologici che, attraverso una collaborazione sistematica, il confronto e lo scambio…

Asd Volley Club Melfi: Un secco 3 a zero ai danni dell'Erre Volley Matera

I gialloverdi vincono la seconda gara di campionato in casa dell'Erre Volley Matera con un secco 3 a 0. (16-25, 13-25, 10-25). Chiara, ancora una volta, l'indicazione del Direttore Tecnico Michele Drago. Inserire in cabina di regia per tutti e tre i set il giovane regista Allegretti al posto di Vito Luisi che dalla panchina incitava con ottime indicazioni il suo "figlioccio". "Se pur con qualche piccole imprecisioni, Allegretti stà migliorando giorno dopo giorno" - ha dichiarato il Direttore Sportivo Vincenzo Nicola -. "Al giovane Allegretti ho chiesto più volte di anteporre, per questo ruolo molto delicato, il carattere e la grinta prima ancora della giusta tecnica. Devo dire che i risultati stanno arrivando grazie all'ottimo lavoro dei Tecnici e dei consigli degli esperti Luisi e Palumbo. A Matera Rocco è stato uno dei migliori giocatori in campo. Freddezza, carattere e giusta lucidità, insieme a una buona ricezione decisamente migliore rispett…

Conclusa la VI Giornata della Trasparenza Amministrativa all’Irccs Crob. Tema di questa edizione è stato il conflitto di interesse in sanità

Si è conclusa all’Irccs Crob la IV giornata della trasparenza amministrativa, quest’anno dedicata principalmente al tema del conflitto di interesse in sanità. Per il quarto anno consecutivo il responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza dell’Irccs Crob, Gianvito Amendola, ha organizzato questo appuntamento con la trasparenza come previsto dal Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n. 33. Relatori della giornata, oltre al responsabile prevenzione e corruzione, sono stati: la responsabile del trattamento giuridico ed economico del personale Uoc Affari Generali e Personale Erminia Cappiello e il responsabile Uoc Programmazione e Controllo di Gestione Antonio Prospero Colasurdo. Tra i temi affrontati nel corso della mattinata la legge 190 del 6 novembre 2012 che disciplina ex novo anche l’ambito del conferimento degli incarichi in ambito sanitario, l’accesso civico, il whistleblower o procedimento per la segnalazione degli illeci…

Barile-Ripacandida-Ginestra. Presentato il progetto Anter: " Il sole in classe". Energie rinnovabili ed educazione ambientale

L’Istituto Comprensivo “GIOVANNI XIII” di Barile - Ginestra – Ripacandida, nei giorni scorsi, ha aderitoal progetto di ANTER “Il Sole in Classe”. Grazie alla disponibilità e sensibilità del Dirigente Scolastico Tania Lacriola, della referente Giuseppina Grieco e di tutti gli insegnanti, anche la scuola è vicina al progetto dell’Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili ANTER “Il Sole in Classe”, un percorso formativo dedicato ai bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie che coinvolge le classi IV e V della scuola primaria e I,II e III della scuola secondaria di primo grado con l'obiettivo di sensibilizzare, informare ed educare le nuove generazioni verso uno stile di vita eco- sostenibile. Le nuove generazioni – dichiarano i delegati dell’Associazione ANTER Angela Caselle e Rocco Imbriani insieme all’ambasciatrice Antonella Nalesso – rivestono un ruolo fondamentale per lo sviluppo della Green Economy e per il futuro del pianet poiché attraverso gli strum…

IRCCS CROB Rionero. 5° Notturno Natalizio - Universum Academy e Università della Pace

Magico appuntamento domani 14 dicembre all'IRCCS CROB Rionero, con il 5° Notturno Natalizio, organizzato dalla Universum Academy e Università della Pace. L'evento si terrà nella Sala dell'Accoglienza (vicino auditorium) . 
18 i poeti che declameranno i loro versi con il commento musicale di Vincenzo Albini. 
Una bellissima serata da non mancare.

Importante avvenimento a Rapone, città delle relique di Francesco e Giacinta Pastorelli. Diretta TG7 Basilicata della Santa Messa presieduta dal nuovo Vescovo Mons. Ciro Fanelli

Otto dicembre 2017 Rapone Sarà Consacrato al Cuore Immacolato di Maria. Ormai è un anno dall'ottobre 2016 quando la comunità parrocchiale di Rapone ha ospitato la Vergine Pellegrina Peregrinatio Mariae accompagnata da Alessandra Bimbi Referente del Movimento del messaggio di Fatima con Sede in Portogallo. In questo anno Centenario delle apparizioni a Fatima tantissime sono state le iniziative prese da noi messaggeri di Rapone che abbiamo aderito al Movimento del Messaggio di Fatima con sede in Portogallo,si portano avanti la pratica dei primi cinque sabati come richiesti dalla Madonna nelle apparizione ai tre pastorelli,si pratica la pastorale dei malati, ogni venerdì i messaggeri fanno visita ad un ammalato recitando il Santo Rosario .Rapone unico paese della Basilicata ad avere le Reliquie dei santi Francesco e Giacinta, unico paese a instaurare un ponte spirituale con Fatima. Infatti ogni 12 del mese abbiamo organizzato il Rosario meditato in preparazione dei 13 …

A Venosa la Bottega Teatro di San Domenico presenta "Un Viaggio tra Finzione e Realtà". Un evento straordinario

Attesissimo spettacolo a Venosa, per il 150° Anniversario di Luigi Pirandello: "Un Viaggio tra Finzione e realtà". Spettacolo ideato da Mariantonietta Dicorato e messo in scena dalla Bottega Teatro San Marco.  Spettacolo nello spettacolo con l'apertura della bellissima Chiesa di San Martino, location della manifestazione. Appuntamento quindi, domani a Venosa alle ore 20.30. 
Pino Di Lucchio

Le luci di Natale si accendono a Tito e aiutano l’Unicef

Grande freddo e grande attesa l’8 dicembre 2017 nell’auditorium Cecilia di Tito per l’accensione del più grande albero di Natale della Basilicata sulla montagna “Torre di Satriano”. L’ANSPI di Tito, con il suo presidente Giuseppe Palazzo, per il quattordicesimo anno consecutivo, ha mobilitato i soci dal mese di novembre. Ha ottenuto la collaborazione delle famiglie che hanno messo a disposizione i terreni, e di Basilicata energia,che accende le ottomila lampadine che disegnano il meraviglioso albero. Con l’ANSPI l’Amministrazione Comunale con il sindaco Pasquale Scavone e l’assessore alla cultura Fabio Laurino che, con instancabile determinazione e garbo, organizza eventi memorabili come questo. Quest’anno il Comune e l’ANSPI hanno deciso di sostenere con l’incasso della serata il Comitato Provinciale UNICEF di Potenza e il presidente Mario Coviello, la responsabile zonale Annamaria Giambrocono con i volontari Giuseppe Russo e Valerio De Nittis hanno avuto la possibilità di far adottar…