Passa ai contenuti principali

Convegno internazionale di studi su Don Milani


Si apre domani, 24 maggio a Matera, la due giorni del Convegno su “Don Milani e noi – L’eredità e le sfide di oggi” (presso l’Istituto Sant’Anna). Convegno organizzato dall’Università degli Studi della Basilicata, dall’Associazione Pedagogica Italiana (As.Pe.I.) e dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose Interdiocesano “Mons. Anselmo Pecci” di Matera. Un convegno dedicato a don Lorenzo Milani, a un personaggio scomodo per la sua epoca e dall’insegnamento tuttora attuale. Il cinquantennio della sua morte è occasione per ripensare e riflettere sulle sue parole e sulla sua testimonianza di vita in un contesto sociale e culturale odierno molto problematico e bisognoso di “maestri” autentici e coerenti, quale è stato appunto don Milani. Le due giornate sono ricche ed intense di interventi e di testimonianze. Tra i tanti è previsto un fuori programma di Michele Pinto (nel pomeriggio del 25), Dirigente scolastico emerito e attualmente formatore presso l’agenzia New Form di Potenza che ha dato alle stampe in questi giorni un breve scritto dedicato al grande maestro: “Don Lorenzo Milani. L’attualità dell’impegno e del messaggio a 50 anni dalla sua scomparsa” (pubblicato dall’associazione Culturale Memopolis di Rionero e dalla stessa New Form). Un volumetto frutto di riflessioni condivise durante un incontro di studio nell’Istituto “G. Fortunato” di Rionero. In 50 pag. l’Autore presenta in modo chiaro e sintetico –stuzzicando la curiosità- vita, scritti, credo pedagogico, “l’esperienza che il prete- educatore di Barbiana ha messo in atto a suo tempo –come si legge nell’introduzione- le critiche e le censure che ha suscitato, nonché la riabilitazione postuma della sua figura tanto di sacerdote rivoluzionario, anticonformista, quanto di maestro-educatore anticipatore dei tempi nuovi, non immune da critiche e censure, a suo tempo denigrato ed osteggiato tanto dai tradizionalisti quanto dai conservatori”. Uno scritto, se pur breve e senza pretesa di essere esaustivo, come lo stesso autore dichiara, è pregno di spunti e di stimoli, di “provocazioni” a quella scuola e a quei docenti, che ancora oggi fanno resistenza alla pedagogia milaniana che punta ad un apprendimento “in grado si suscitare nel ragazzo la gioia ed il gusto di imparare ad apprendere, attraverso esperienze personali dirette, di coinvolgimento emotivo ed affettivo alle attività didattiche e alla vita scolastica”, come si legge nel capitolo dedicato alla nuova didattica nella scuola di Barbiana. Un volume “stuzzicante” che facilmente potrà essere diffuso nelle scuole e tra i docenti, come una sorta di vademecum da cui ripartire per ritrovare e rinnovare la propria vocazione a “fare” scuola. ​ Pinto, che è stato anche un maestro amato e stimato dai suoi allievi, ha avuto come faro del suo insegnamento don Lorenzo Milani. Pertanto la sua è una rilettura non semplicemente da studioso ma da “allievo” che, come si evince tra le righe, ha passione e curiosità tanto da portarlo a fare un originalissimo e interesse accostamento: a Wittgenstein, al maestro-filosofo. Entrambi fautori di una scuola che privilegia l’apprendimento della lingua, l’arricchimento e la competenza linguistica, quale strumento per leggere e comprendere la realtà. In questa rilettura Pinto non tralascia il riferimento alla storia della scuola in Basilicata, dove l’interesse per l’impianto innovativo di don Milani fu recepito e realizzato in particolare nel 1° Circolo didattico di Melfi e nella scuola Domiziano Viola di Potenza (dal 1971 in poi). Pinto offre, con il suo volumetto, un’opportunità di riflessione sui principi fondamentali che caratterizzarono la pedagogia e la metodologia della scuola di Barbiana, un rinnovamento che don Milani pagò caro per le calunnie e per le critiche. Ma lui andò avanti per la sua strada. Il suo motto “I care” (mi interessa, ho a cuore) fu la vera risposta. Una risposta radicata nelle scelta evangelica di fondo che don Milani aveva fatto: prendersi cura degli ultimi. E l’autore chiude con una riflessione proprio sull’attualità del prete “scomodo” come fu definito, richiamando la visita di Papa Francesco a Barbiana e l’intenzione di avviare un processo di beatificazione. Il richiamo e le provocazioni che Michele Pinto suscita sono di una “attualità” disarmante che mette in discussione la società, gli insegnanti e la scuola odierna. Certo il Ministero della Pubblica istruzione, nel commemorarlo lo ha definito “precursore della scuola aperta ed inclusiva, pioniere per le risposte personalizzate”, come l’autore riporta, ma nello stesso tempo Pinto riporta quell’attualità ai giorni nostri nelle tante fragilità a cui siamo chiamati a rispondere come educatori, come Chiesa, istituzioni, come politici, come uomini di buona volontà. Lo scritto, che si apre con la presentazione del direttore della New Form, Angelo Sabia, del Dirigente Tecnico MIUR, Gerardo Antonio Pinto e con un’originalissimo acrostico della mistica Cristina di Lagopesole, non fa mancare nelle ultime pagine foto del Priore di Barbiana con i suoi ragazzi e a seguire anche alcune indicazioni bibliografiche. Un lavoro più che completo! 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nell’anno 2019 i dipendenti di FCA-MELFI riceveranno in busta paga due bonus salariali così come stabilito dal CCSL del 7 luglio 2015

Nell’anno 2019 i dipendenti di FCA-MELFI riceveranno in busta paga due bonus salariali così come stabilito dal CCSL del 7 luglio 2015. Gli aumenti sono i seguenti:   -A) Bonus Salario “Efficenza di Stabilimento” che corrisponde a un importo di 1025 euro (Fascia I con salario base annuo di 20500 euro); La sua erogazione sarà corrisposta nel mese di Febbraio;   -B) Bonus Salario “Risultato Operativo Emea” che corrisponde a un importo di 1230 euro (Fascia I con Salario Base annuo di 20500 euro); La sua erogazione sarà corrisposta nel mese di Marzo.

RIONERO. Chiusura delle scuole di ogni ordine e grado a causa della interruzione del servizio idrico per i giorni 15 - 16 - 17 gennaio 2019 dalle ore 14:00 in poi

PREMESSO che l’Acquedotto Lucano ha comunicato che nei giorni 14 - 15 - 16 e 17 gennaio prossimi, per consentire l’esecuzione di lavori da parte di Acquedotto Pugliese, l’erogazione dell’acqua potabile sarà sospesa dalle ore 14:00 alle ore 7:00 del mattino successivo, interesserà l’intero territorio comunale, con conseguente impossibilità di funzionamento dei servizi igienici presenti nelle strutture scolastiche.  La mancanza di acqua comporta l’inagibilità temporanea degli edifici in cui si svolgono le  didattiche delle istituzioni scolastiche, evidenziando che non sussistono soluzioni alternative idonee per assicurare la continuità della fornitura del servizio idrico; CONSIDERATA la particolare urgenza di disporre per motivi igienico sanitari la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado nei giorni 15 - 16 e 17 gennaio p.v. a partire dalle ore 14:00, al fine di evitare che le relative attività si svolgano in precarie condizioni igieniche legate alla mancanza di acqua corrente;

10 anni di Irccs, festeggiamenti al Crob per il primo decennale da Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Grande partecipazione all’Irccs Crob per l’appuntamento celebrativo “10 anni di Irccs” che si è tenuto questa mattina nell’auditorium Cervellino. “Questa è una giornata particolare” ha detto in apertura il direttore generale dell’Istituto Giovanni Battista Bochicchio “perché possiamo festeggiare un decennale assolutamente non scontato”. 

Presente al Crob il pubblico delle grandi occasioni tra cui il parlamentare Vito De Filippo all’epoca governatore regionale, il presidente del Consiglio regionale Vito Santarsiero, i consiglieri regionali, il presidente della provincia di Potenza, i sindaci, i vertici delle sigle sindacali, la fondazione BRB, i neo direttori di San Carlo, Asp e Asm, il direttore dell’Irccs Pascale di Napoli Attilio Bianchi, le forze dell’ordine, le associazioni. 

Una presenza che è come un abbraccio e una testimonianza di partecipazione alla storia ed al futuro dell’Istituto con le nuove sfide che lo attendono. Dopo i saluti del sindaco di Rionero Luigi Di Toro si è ten…

Rionero. Il comitato di quartiere (C10) raccoglie con soddisfazione i suoi primi frutti

Il Comitato di Quartiere Vivibilità e Sicurezza C10 - Via Monticchio nato dall’esigenza di alcuni cittadini residenti di migliorare la vivibilità e la sicurezza stradale in un area periferica del paese abitata da oltre 500 famiglie, con la presenza di una scuola superiore, che ospita ogni giorno oltre 10 00 persone tra alunni, g enitori, docenti e ATA. Constatato che i n quest’area si verificano periodicamente incidenti stradali anche gravi, dopo essersi costituito ha promosso una petizione indirizzata all'Am ministrazione Comunale con cui ha chiesto interventi urgenti sui problemi di sicurezza stradale dell'area quali :  - il ripristino della segnaletica stradale, orizzontale e verticale, che risulta carente e inadeguata;  - la rimozione della vegetazione e del fango dalla sede stradale ;  - l'installazione di dissuasori di velocità per i veicoli. Dopo le sollecitazioni all’amministrazione comunale ha coinvolt…

Colpaccio inaspettato per i colori bianconeri: Luigi Della Luna ha firmato oggi per la Vultur!

Il portierone non ha bisogno di presentazioni per i tifosi rioneresi, ma crediamo nemmeno per gli appassionati lucani: classe 1992, potentino, cresciuto nelle giovanili del capoluogo. E poi Melfi (Lega Pro) e ancora Potenza (Serie D e vittoria nell'Eccellenza lucana). Ma sono i tre anni a Rionero che lo consacrano nel cuore dei tifosi bianconeri, per il triplete e la successiva esperienza in serie D. Quindi Agropoli (Eccellenza campana), una stagione al Tortolì (Sardegna) in Serie D e un'altra mezza stagione sempre nell'isola in Eccellenza. Ora che era libero, non potevamo farci scappare una simile occasione per riportarlo nella "sua" Rionero. (Fonte CS Vultur 1921)

Cronaca: Arrestato a Lavello per lesioni e maltrattamenti

Su richiesta della Procura della Repubblica di Potenza che ha coordinato le indagini, i Carabinieri di Lavello hanno arrestato il 72enne F. S., gravato da precedenti di polizia e residente in Lavello. Dalle indagini è emerso che l’uomo, fino al mese di settembre 2018, ha più volte aggredito la compagna, una 53enne di origine pugliese, con la quale intratteneva una relazione sentimentale da diversi anni. Relazione interrotta proprio in seguito all’ultima aggressione subita dalla donna, costretta al ricovero in ospedale per le gravissime lesioni riportate. S. deve rispondere di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate, perpetrate fino a settembre 2018, attuando una condotta delittuosa reiterata nel tempo e consistita in ripetuti maltrattamenti fisici e morali ed aggressioni (anche mediante l’utilizzo di corpi contundenti) ai danni della donna.

CALCIO ECCELLENZA LUCANA. IL BIG-MATCH DELLA GIORNATA VIENE VINTA DAL LAVELLO CHE BATTE LA CAPOLISTA MELFI PER 2-1

LAVELLO  2 MELFI 1 LAVELLO: Cilumbriello, Montenegro, Tridente, Pietragalla, Tiboni (80’ Adesso), Alessani (65’ Petagine), Gerardi (82’ Cantone), Tuosto, D’Italia, Di Stasi, Ciranna (al 82’Telesca). A disp: Sanza, Bavuso, Serra, Filannino. All. Alberti.

MELFI: Pinto, Sinisgalli, Giacomino, Mirabet, Miglionico (al 76’ Lambo), Jawara, Nardozza (al Falanga), Saurino, Sogliuzzo, Mastroberti, Bongermino. A disp: Natale, Moldovan, Battilana, Cascio, Casorelli, Claps. All. Astudillo Arbitro: Contini di Matera. Assistenti: Martinelli-Capolupo. Marcatori: al 40’ Gerardi; al 46’ Alessani; al 88’ Falanga. Note: espulsi Sogliuzzo (Melfi) al 13’ II tempo e Tuosto (Lavello) al 45’ II tempo.
Venosa. Alla presenza di una cornice di pubblico dalle grandi occasioni,circa mille spettatori, con larghissima rappresentanza dalla cittadina federiciana, il Lavello batte la capolista Melfi e rimette in gioco il campionato. Prima della partita ricordato Franco Pisicchio, bomber di Lavello, giocatore del milan, Cagli…

TENTATIVO DI ESTORSIONE A MEZZO MAIL

Un tentativo di estorsione ricattatorio a danno di diversi cittadini è in corso a mezzo mail. Sono in tanti ad aver segnalato alla Federconsumatori che un hacker sta richiedendo un riscatto in bitcoin per non diffondere dati sensibili e/o video acquisiti violando i profili personali delle vittime. E’ evidente che trattasi di tentativo di estorsione in quanto il pagamento richiesto in bitcoin non è tracciabile. Tranquillizziamo i cittadini che il tentativo in atto non è altro che un bluff e che pertanto va ignorato. A tutela dei consumatori, in ogni caso, abbiamo proceduto ad interessare l’Autorità competente. Ribadiamo ancora una volta le principali regole da seguire nell’utilizzo della posta elettronica invitando i cittadini a: - NON PAGARE ALCUN RISCATTO; - MANTENERE LA CALMA (SI E’ VITTIME E NON AUTORI DELL’HACKERAGGIO!); - NON UTILIZZARE MAI LA STESSA PASSWORD PER PIU’ PROFILI E ACCOUNT INTERNET; - CAMBIARE LA PASSWORD IN USO SOSTITUENDOLA CON UNA PIU’ COMPLESSA E FARLO PERIODICAMENTE; - …

Il Crob festeggia 10 anni di Irccs

Martedì 15 gennaio i festeggiamenti per il decennale del riconoscimento del carattere scientifico Rionero in Vulture 12/01/2018 – Martedì 15 gennaio il Centro di Riferimento Oncologico della Basilicata festeggia un anniversario importante, quello dei dieci anni Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. L’evento celebrativo “10 anni di Irccs” si terrà a partire dalle ore 9.30 nell’auditorium Cervellino e dopo i saluti istituzionali a cura del sindaco di Rionero Luigi Di Toro e del direttore generale Irccs Crob Giovanni Battista Bochicchio si dividerà in due momenti. 

Si comincerà con la tavola rotonda “Missione e Visione” con i tre direttori di dipartimento Michele Aieta, Aldo Cammarota, Giuseppe La Torre, il direttore scientifico facente funzioni Rocco Galasso, il presidente del consiglio di indirizzo e verifica Alessandro Sgambato, il componente del comitato tecnico scientifico Ruggero De Maria e il direttore generale della Ricerca e dell’Innovazione in Sanità del Ministero…

LA CORRIDA DEL SUD A VENOSA (PZ)

Seconda tappa del tour 2019 de 'La Corrida del Sud' nel Vulture, dopo il successo dello scorso ottobre ad Atella nel corso della 'Festa della Castagna', questa volta a distanza di un anno si torna a Venosa, presso il ristorante pizzeria 'Fantasy', in programma venerdi 18 gennaio a partire dalle ore 20.30. Ospiti e attrazioni con la conduzione di Antonio Petrino per una nuova divertente e appassionante 'sfida' alle prese con i concorrenti più stravaganti del momento, per gli aspiranti 'artisti' in cerca di successo, per uno spettacolo atteso e da ricordare. Ne sentiremo delle belle. Un format di successo con un esito straordinario, sulla falsariga del fortunato e storico programma televisivo portato alla ribalta da Corrado tanti anni fa e ritornato in auge l'anno scorso dopo molto tempo su RAI UNO con audience altissima.