Passa ai contenuti principali

Convegno internazionale di studi su Don Milani


Si apre domani, 24 maggio a Matera, la due giorni del Convegno su “Don Milani e noi – L’eredità e le sfide di oggi” (presso l’Istituto Sant’Anna). Convegno organizzato dall’Università degli Studi della Basilicata, dall’Associazione Pedagogica Italiana (As.Pe.I.) e dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose Interdiocesano “Mons. Anselmo Pecci” di Matera. Un convegno dedicato a don Lorenzo Milani, a un personaggio scomodo per la sua epoca e dall’insegnamento tuttora attuale. Il cinquantennio della sua morte è occasione per ripensare e riflettere sulle sue parole e sulla sua testimonianza di vita in un contesto sociale e culturale odierno molto problematico e bisognoso di “maestri” autentici e coerenti, quale è stato appunto don Milani. Le due giornate sono ricche ed intense di interventi e di testimonianze. Tra i tanti è previsto un fuori programma di Michele Pinto (nel pomeriggio del 25), Dirigente scolastico emerito e attualmente formatore presso l’agenzia New Form di Potenza che ha dato alle stampe in questi giorni un breve scritto dedicato al grande maestro: “Don Lorenzo Milani. L’attualità dell’impegno e del messaggio a 50 anni dalla sua scomparsa” (pubblicato dall’associazione Culturale Memopolis di Rionero e dalla stessa New Form). Un volumetto frutto di riflessioni condivise durante un incontro di studio nell’Istituto “G. Fortunato” di Rionero. In 50 pag. l’Autore presenta in modo chiaro e sintetico –stuzzicando la curiosità- vita, scritti, credo pedagogico, “l’esperienza che il prete- educatore di Barbiana ha messo in atto a suo tempo –come si legge nell’introduzione- le critiche e le censure che ha suscitato, nonché la riabilitazione postuma della sua figura tanto di sacerdote rivoluzionario, anticonformista, quanto di maestro-educatore anticipatore dei tempi nuovi, non immune da critiche e censure, a suo tempo denigrato ed osteggiato tanto dai tradizionalisti quanto dai conservatori”. Uno scritto, se pur breve e senza pretesa di essere esaustivo, come lo stesso autore dichiara, è pregno di spunti e di stimoli, di “provocazioni” a quella scuola e a quei docenti, che ancora oggi fanno resistenza alla pedagogia milaniana che punta ad un apprendimento “in grado si suscitare nel ragazzo la gioia ed il gusto di imparare ad apprendere, attraverso esperienze personali dirette, di coinvolgimento emotivo ed affettivo alle attività didattiche e alla vita scolastica”, come si legge nel capitolo dedicato alla nuova didattica nella scuola di Barbiana. Un volume “stuzzicante” che facilmente potrà essere diffuso nelle scuole e tra i docenti, come una sorta di vademecum da cui ripartire per ritrovare e rinnovare la propria vocazione a “fare” scuola. ​ Pinto, che è stato anche un maestro amato e stimato dai suoi allievi, ha avuto come faro del suo insegnamento don Lorenzo Milani. Pertanto la sua è una rilettura non semplicemente da studioso ma da “allievo” che, come si evince tra le righe, ha passione e curiosità tanto da portarlo a fare un originalissimo e interesse accostamento: a Wittgenstein, al maestro-filosofo. Entrambi fautori di una scuola che privilegia l’apprendimento della lingua, l’arricchimento e la competenza linguistica, quale strumento per leggere e comprendere la realtà. In questa rilettura Pinto non tralascia il riferimento alla storia della scuola in Basilicata, dove l’interesse per l’impianto innovativo di don Milani fu recepito e realizzato in particolare nel 1° Circolo didattico di Melfi e nella scuola Domiziano Viola di Potenza (dal 1971 in poi). Pinto offre, con il suo volumetto, un’opportunità di riflessione sui principi fondamentali che caratterizzarono la pedagogia e la metodologia della scuola di Barbiana, un rinnovamento che don Milani pagò caro per le calunnie e per le critiche. Ma lui andò avanti per la sua strada. Il suo motto “I care” (mi interessa, ho a cuore) fu la vera risposta. Una risposta radicata nelle scelta evangelica di fondo che don Milani aveva fatto: prendersi cura degli ultimi. E l’autore chiude con una riflessione proprio sull’attualità del prete “scomodo” come fu definito, richiamando la visita di Papa Francesco a Barbiana e l’intenzione di avviare un processo di beatificazione. Il richiamo e le provocazioni che Michele Pinto suscita sono di una “attualità” disarmante che mette in discussione la società, gli insegnanti e la scuola odierna. Certo il Ministero della Pubblica istruzione, nel commemorarlo lo ha definito “precursore della scuola aperta ed inclusiva, pioniere per le risposte personalizzate”, come l’autore riporta, ma nello stesso tempo Pinto riporta quell’attualità ai giorni nostri nelle tante fragilità a cui siamo chiamati a rispondere come educatori, come Chiesa, istituzioni, come politici, come uomini di buona volontà. Lo scritto, che si apre con la presentazione del direttore della New Form, Angelo Sabia, del Dirigente Tecnico MIUR, Gerardo Antonio Pinto e con un’originalissimo acrostico della mistica Cristina di Lagopesole, non fa mancare nelle ultime pagine foto del Priore di Barbiana con i suoi ragazzi e a seguire anche alcune indicazioni bibliografiche. Un lavoro più che completo! 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nota congiunta Irccs Crob - Aor San Carlo su post Facebook Conte

Il direttore generale dell’Irccs Crob Giovanni Battista Bochicchio, e il commissario dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Rocco Alessandro Maglietta stigmatizzano con forza il comportamento dell’attuale responsabile amministrativo della centrale operativa degli screening oncologici regionali, Salvatore Conte, sulla vicenda scaturita a seguito di un suo post pubblico su Facebook dai contenuti e dai toni inaccettabili. I vertici delle due direzioni ospedaliere, alla luce delle richieste di intervento nelle dimissioni del dott. Conte pervenute da più parti, evidenziano come il responsabile amministrativo della centrale operativa degli screening oncologici non sia un dipendente della pubblica amministrazione facente capo ad una delle due strutture, bensì un dipendente dell’azienda Fora spa di Parma vincitrice dal 2013 di una gara ad evidenza pubblica indetta dalla Regione Basilicata. Rimane la gravità della condotta tenuta da un dirigente che ricopre un incarico impo…

Grillo invia ispettori ad ospedale Melfi

Giulia Grillo, ministro della Salute, ha ordinato un'ispezione all'ospedale di Melfi. Il ministro vuole accertare la dinamica dei fatti che hanno portato nei giorni scorsi alla morte di una bambina di due anni affetta da gravi patologie. Sul caso è già stata aperta l'indagine della Procura della Repubblica di Potenza ed è stata disposta l'autopsia.

GIOVEDI SU RAI UNO A 'LA VITA IN DIRETTA': RAPOLLA (PZ) e il PARCO URBANO DELLE CANTINE

Ribalta nazionale per la riuscitissima edizione 2018 per il Parco Urbano delle Cantine di Rapolla, presenti le telecamere della nota trasmissione 'La Vita in Diretta' in onda su Rai Uno, che offriranno un ricco e interessante servizio che sarà trasmesso Giovedi 18 ottobre a partire dalle ore 16.30. Grande riscontro ottenuto, anche superiore alle più rosee aspettative, considerando le ottime condizioni meteo e nonostante i numerosi eventi concomitanti in diverse località del Vulture Alto Bradano e resto del potentino, che non hanno affatto scalfito numeri da record per la comunità rapollese, con molti pullman provenienti da ogni parte del sud e tantissimi camper che sono stati parcheggiati nel campo sportivo e nelle apposite aree predefinite. Un evento che si distingue sempre più per la sua originalità, lo scenario, il contesto, l'unicità delle pietanze agroalimentari e piatti tipici, che ha catturato l'attenzione anche del popolare programma televisivo, con apprezzam…

Ginestra 14 ottobre 2018.Mogol e le sue canzoni per Mango e Battisti nel Borgo dei Sapori Arbereshe

“Liakre e Bare, il borgo dei sapori Arbëreshe”, festival che si tiene ogni anno da decenni nel Vulture, a Ginestra, il prossimo 14 ottobre, alle ore 19, avrà un ospite d’eccezione: Mogol e gruppi musicali che, sotto la guida del più grande “paroliere” della canzone italiano vivente, interpreteranno i più grandi successi di Battisti e Mango. 

L’evento, che rientra tra i “Beni immateriali” della Regione Basilicata, è stato fortemente voluto dall’Amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Fiorella Pompa che, per l’occasione, ha voluto festeggiare la cultura Arbëreshe con la presenza del grande autore della canzone italiana. L’evento sarà caratterizzato dalla presenza di numerosi ospiti tra i quali Patrizia Minardi, dirigente del settore turismo e cultura della Regione Basilicata, l’attore lucano Ulderico Pesce ( che pochi mesi fa si è esibito nel suo spettacolo-denuncia: Petrolio", proprio nel piccolo centro arbereshe) i gruppi musicali “Stil novo band”, “Rigillo’s band…

Premio Nazionale di poesia "Le Parole della Libertà"

Anche quest’anno l’ASD Academy Tursi, con il patrocinio del Consiglio Regionale della Basilicata e del Comune di Tursi, organizza il Premio Nazionale di Poesia “Le parole della libertà”, edizione 2019, riservato agli alunni delle classi 3^, 4^, 5^ elementari, di tutte le classi delle scuole medie e degli istituti superiori. La novità di quest'anno è l'allargamento del concorso a tutte le scuole d’Italia, dopo le due fortunate esperienze fatte a livello provinciale, nell'edizione 2017 e regionale nell'edizione 2018. Il premio di poesia, giunto alla quinta edizione, ha l’obiettivo di rendere indipendenti i ragazzi da vincoli tematici preimpostati, dando la possibilità ad ognuno di esprimersi al meglio con un tema libero. E’ questa, dunque, l’occasione per tutti di avvicinarsi al componimento poetico esprimendo la propria creatività. Le opere devono essere consegnate entro giovedì 28 febbraio 2019 mentre la premiazione avverrà sabato 11 maggio 2019 alle ore 18,00 …

Ginestra (Pz) 14 ottobre 2018. Al borgo dei Sapori Arbereshe, non solo cibo arbereshe, ma anche musica e poesia con Mogol, paroliere e produttore discografico

Un 14 ottobre 2018 da ricordare nel piccolo centro arbereshe, ospite al "Borgo dei Sapori Arbereshe" il noto autore di canzoni: Mogol, paroliere di 2000 canzoni e di 523 milioni di dischi.  Alla presenza di Patrizia Minardi, dell'ufficio cultura e turismo della Regione Basilicata, Ulderico Pesce, rigista e attore lucano, collaboratore, insieme all'amministrazione comunale, guidata da Fiorella Pompa, di questo evento, che rientra tra i beni immateriali della Regione Basilicata e dei due gruppi musicali, la Rigillo's Band (composta da Annamaria Rigillo alla voce, Dino Rigillo alla chitarra, Raffaele Rigillo al piano, Michele Rigillo al basso e Corrado Aloise alla batteria) Gruppo "Stil Novo" (Raffaele Giuliano, Leo Giuliano, Cinzia G, Lorenzo P.Vincenzo Dorsi e Daniele) e la cantante Roberta Langone (che ha stupito il numeroso pubblico presente con la canzone "Oro" di Mango e scritta da Mogol) che hanno eseguito alcuni dei suoi brani cel…

Pignola. Lotta alla criminalita' il valoroso coraggio del maresciallo dei carabinieri Agatino Di Matteo

Il Comune di Pignola in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Pignola, organizzano il convegno “Lotta alla Criminalità: Il valoroso coraggio del Maresciallo dei Carabinieri Agatino Di Matteo”, Vittima del Dovere e insignito della Medaglia di Bronzo al Valore dell’Arma dei Carabinieri. Attraverso l’esperienza del Maresciallo Di Matteo, l’Amministrazione Comunale e la Dirigente Scolastica , intendono sensibilizzare i giovani della comunità Pignolese sul tema della legalità, attraverso una testimonianza diretta e concreta di un uomo che ha votato la propria esistenza alla giustizia e alla sicurezza del nostro Paese. Il M.llo CC. Agatino Di Matteo, e’ nato a Taranto, figlio di genitori lucani da anni vive a Pignola. L’ episodio sanguinoso, in cui si trovo’ coinvolto Agatino Di Matteo risale alla notte tra il 4 e il 5 giugno 1981, quando, insieme ad altro Carabiniere in servizio di perlustrazione sulla strada provinciale nel territorio, Brindisino notavano una macchina di c…

Il manganese oltrepassa la 106 Jonica: spunta in falda un refrigerante oltre l'area ENEA

Grazie all'impegno congiunto di Mediterraneo No-Triv e Cova Contro abbiamo ottenuto altri dati sulla contaminazione di falda dell'Itrec-Enea. Infatti relativamente ai piezometri di recente costruzione è rilevabile che nei prelievi relativi al mese di luglio 2018, nel piezometri spb1 - 5, oltre la SS106, il manganese la fa da padrone: si oscilla tra i 146 mcg/l (soglia di legge 50 ) ed i 682 mcg/l, quindi ben oltre 10 volte la soglia di legge. Incomprensibile è la mancata ricerca nelle analisi di tallio, vanadio ed idrocarburi totali già rinvenuti da Sogin in analisi precedenti nei suoli come nelle acque. Manca come al solito la ricerca di fenoli, bario ed altre sostanze, come prescritto dal dlgs 152/06. Inspiegabile ad oggi come piezometri poco distanti tra loro possano vedere oscillare così pesantemente i valori del manganese che passano da 150 circa di media ai 682 del piezometro spb3. Le analisi con le relazioni annesse non fugano altri dubbi: da dove vengono gli altri m…

La Basilicata onora i suoi Caduti nella Grande Guerra

Lo scorso fine settimana, a Scanzano Jonico (MT), nell’ambito delle commemorazioni per la Grande Guerra 1915 – 1918, si è svolta una cerimonia di inaugurazione del monumento dedicato ai cittadini scanzanesi caduti per la Patria. L’evento, dall’alta valenza culturale e simbolica, svoltosi alla presenza di numerose autorità civili, militari e religiose e delle associazioni combattentistiche e d’arma, ha avuto inizio con la cerimonia dell’Alzabandiera e l’Inno Nazionale scandito dalle note della fanfara del VII Reggimento Bersaglieri di Altamura; ad intonarlo, gli alunni dell’Istituto scolastico De Andrè. 

Dopo la benedizione del monumento, da parte del Vescovo di Matera-Irsina, Monsignor Caiazzo e la resa degli onori militari ai Caduti, ad alcuni discendenti di combattenti scanzanesi sono state consegnate delle medaglie commemorative ed una copia dei fogli matricolari dei propri congiunti. 

“Da oggi, come ha affermato il Colonnello…

LA TERRA E’ LA CASA COMUNE di Giandomenico Di Pisa

Sabato 20 ottobre 2018, alle ore 18:30, a Marconia, presso la sede dell’Associazione Culturale Ce.C.A.M., Giandomenico Di Pisa presenterà il suo libro “La terra è la casa comune” (Commentario sull’Enciclica <Laudato Si’> del Santo Padre Francesco) pubblicato dalla casa editrice Di Marsico Libri di Modugno (BA). Avvocato cassazionista, specializzato in diritto e procedura penale, Giandomenico Di Pisa, dall’anno 2005 è impegnato a sostenere alcune missioni e lebbrosari particolarmente disagiati in Africa, specie nel nord della Tanzania ove si è recato negli anni 2005, 2010 e 2018. Inoltre, è presidente dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani di Matera. “… I problemi dell’inquinamento e dello spreco delle risorse naturali sono strettamente connessi ai problemi di cui soffre oggi la maggioranza degli esseri umani e cioè la povertà, l’emarginazione, la fame, la mancanza di acqua potabile, lo sfruttamento dei minori, la mancanza di lavoro: è evidente – ci insegna Papa Francesco – che la…