Passa ai contenuti principali

Mediterraneo NO Triv: UN GRIDO DI DOLORE


Nasce spontaneo in me un grido di dolore quando mi rendo conto che non uno, ma tre impianti di trattamento acque stanno per entrare in funzione in Area Industriale di Viggiano; uno è l’impianto denominato Cuozzo , uno è l’Impianto denominato Danella ed infine c’è l’impianto Interno COVA.
Ormai essi nascono come funghi, funghi però assai velenosi perché la loro gestione comporterà l’uso di acidi e di sostanze aggressive e tossiche che circoleranno per la Val D’Agri e per l’intera Basilicata con potenziale pericolo per la salute e l'ambiente.
Sono impianti che dovrebbero separare l’acqua dal petrolio e dalle sostanze inquinanti presenti nella miscela che viene recuperata dal sottosuolo dopo lo sversamento incontrollato di petrolio dell’Agosto 2016 e del Febbraio 2017, oppure che dovrebbero separare e ripulire l’acqua di strato fossile che è stata nel sottosuolo millenni insieme al petrolio, ma che genereranno enormi quantità di scarti e di materiali contenenti alte concentrazioni di inquinanti ( idrocarburi, metalli pesanti e radioisotopi) , materiali questi che dovranno, a loro volta, essere trasportati dove presso impianti che al momento non è dato conoscere,ma che permetteranno certamente a Eni di risparmiare milioni di euro all’anno e di recuperare una parte di quel petrolio sversato in 25 ettari di terreno attorno al COVA.
Il mio grido di dolore nasce però:

Quando mi accorgo che l’Impianto Syndial Interno al COVA potrebbe concludere il suo percorso autorizzativo con la Conferenza di Servizio Autorizzativa convocata in pieno periodo di ferie (27 Agosto 2018) senza che il Sindaco Amedeo Cicala abbia mosso un dito per fermarlo e senza che abbia nemmeno tentato di fare opposizione concreta durante l’iter autorizzativo;

Quando sento il silenzio assordante dei Viggianesi e degli abitanti della Valle che sono stati informati del pericolo di avere veri e propri impianti chimici in Zona Industriale e non hanno protestato e/o reagito disinteressandosi e pensando che poche persone che tengono alla loro terra potessero fermare da soli il famelico cane a sei zampe;

Quando sento i miei concittadini che si lamentano del rumore dell’impianto Cuozzo, già operativo, e che non riescono a dormire per il rumore con le finestre aperte e poi non reagiscono quando stanno per entrare in esercizio altri 2 impianti simili di cui uno, quello del COVA, molto più rumoroso e impattante;

Quando leggo che in Conferenza di Servizio del 21 Maggio 2018, l’ENI afferma che, dovendo collegare con le tubazioni i piezometri realizzati, agli impianti di trattamento, non sarà possibile misurare le quantità di petrolio emunte dal terreno a seguito dello sversamento e nessuno dei tecnici presenti in Conferenza di Servizio batte ciglio davanti ad una tale affermazione priva del più elementare fondamento scientifico, come se tutti dimenticassero che esistono i contatori o i serbatoi tarati o mille altre diavolerie; ;

Quando sento che ENI scolerà, nei pressi del depuratore con la benedizione dell’ ASI, direttamente nel fiume Agri, l’acqua cosiddetta “depurata” proveniente da tali impianti di trattamento Syndial o Simam attuando con i fatti ciò che prevedevo e cioè che tutta l’acqua recuperata non potrà essere riutilizzata nel COVA, come affermava ENI nella richiesta dell’AIA, poiché le ingenti quantità in gioco obbligheranno a scaricarla nell’Agri, prima, e nel Pertusillo poi con un grave effetto accumulo di metalli pesanti residui, radioisotopi e idrocarburi, è già perché, per quanto quell’acqua possa essere stata depurata conterrà sempre qualche per cento di metalli pesanti e radioisotopi e,date le ingenti quantità trattate ( migliaia di mc./giorno), tali inquinanti si accumuleranno nel bacino del Pertusillo e finiranno sulle culture agricole pregiate della Val D’Agri e , come acqua ad uso potabile, sulle tavole dei Pugliesi e quando se ne ravviseranno gli effetti e le conseguenze nessuno sarà tardi il responsabile perché, collegialmente, siete tutti responsabili, i burocrati e gli amministartori che non hanno partecipato alle Conferenze di Servizio o che hanno partecipato ma hanno taciuto e i cittadini che non hanno protestato e gli imprenditori, si anche loro, che per 4 soldi di locazione hanno fatto realizzare nel loro lotto simili mostruosi impianti.

Ogni giorno che passa i petrolieri preparano la morte della nostra acqua, del nostro territorio e dei suoi abitanti con il solo palese fine di aumentare i loro profitti, le Amministrazioni rimangono a guardare inefficienti e impreparate drogate dall’effetto Royalties e i cittadini non reagiscono accettando il ricatto del posto di lavoro .
Tutto ruota intorno al Dio Denaro e per esso diventiamo ciechi, sordi e non difendiamo nemmeno quanto di più sacro abbiamo , noi stessi e la nostra famiglia ; da Tutto Questo e contro Tutto Questo si eleva il mio Grido di Dolore che esula da profitti e interessi e vuole solo svegliare le coscienze lucane intorpidite.
Mediterraneo NO Triv 

Antonio Alberti 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nota congiunta Irccs Crob - Aor San Carlo su post Facebook Conte

Il direttore generale dell’Irccs Crob Giovanni Battista Bochicchio, e il commissario dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Rocco Alessandro Maglietta stigmatizzano con forza il comportamento dell’attuale responsabile amministrativo della centrale operativa degli screening oncologici regionali, Salvatore Conte, sulla vicenda scaturita a seguito di un suo post pubblico su Facebook dai contenuti e dai toni inaccettabili. I vertici delle due direzioni ospedaliere, alla luce delle richieste di intervento nelle dimissioni del dott. Conte pervenute da più parti, evidenziano come il responsabile amministrativo della centrale operativa degli screening oncologici non sia un dipendente della pubblica amministrazione facente capo ad una delle due strutture, bensì un dipendente dell’azienda Fora spa di Parma vincitrice dal 2013 di una gara ad evidenza pubblica indetta dalla Regione Basilicata. Rimane la gravità della condotta tenuta da un dirigente che ricopre un incarico impo…

Grillo invia ispettori ad ospedale Melfi

Giulia Grillo, ministro della Salute, ha ordinato un'ispezione all'ospedale di Melfi. Il ministro vuole accertare la dinamica dei fatti che hanno portato nei giorni scorsi alla morte di una bambina di due anni affetta da gravi patologie. Sul caso è già stata aperta l'indagine della Procura della Repubblica di Potenza ed è stata disposta l'autopsia.

GIOVEDI SU RAI UNO A 'LA VITA IN DIRETTA': RAPOLLA (PZ) e il PARCO URBANO DELLE CANTINE

Ribalta nazionale per la riuscitissima edizione 2018 per il Parco Urbano delle Cantine di Rapolla, presenti le telecamere della nota trasmissione 'La Vita in Diretta' in onda su Rai Uno, che offriranno un ricco e interessante servizio che sarà trasmesso Giovedi 18 ottobre a partire dalle ore 16.30. Grande riscontro ottenuto, anche superiore alle più rosee aspettative, considerando le ottime condizioni meteo e nonostante i numerosi eventi concomitanti in diverse località del Vulture Alto Bradano e resto del potentino, che non hanno affatto scalfito numeri da record per la comunità rapollese, con molti pullman provenienti da ogni parte del sud e tantissimi camper che sono stati parcheggiati nel campo sportivo e nelle apposite aree predefinite. Un evento che si distingue sempre più per la sua originalità, lo scenario, il contesto, l'unicità delle pietanze agroalimentari e piatti tipici, che ha catturato l'attenzione anche del popolare programma televisivo, con apprezzam…

Ginestra (Pz) 14 ottobre 2018. Al borgo dei Sapori Arbereshe, non solo cibo arbereshe, ma anche musica e poesia con Mogol, paroliere e produttore discografico

Un 14 ottobre 2018 da ricordare nel piccolo centro arbereshe, ospite al "Borgo dei Sapori Arbereshe" il noto autore di canzoni: Mogol, paroliere di 2000 canzoni e di 523 milioni di dischi.  Alla presenza di Patrizia Minardi, dell'ufficio cultura e turismo della Regione Basilicata, Ulderico Pesce, rigista e attore lucano, collaboratore, insieme all'amministrazione comunale, guidata da Fiorella Pompa, di questo evento, che rientra tra i beni immateriali della Regione Basilicata e dei due gruppi musicali, la Rigillo's Band (composta da Annamaria Rigillo alla voce, Dino Rigillo alla chitarra, Raffaele Rigillo al piano, Michele Rigillo al basso e Corrado Aloise alla batteria) Gruppo "Stil Novo" (Raffaele Giuliano, Leo Giuliano, Cinzia G, Lorenzo P.Vincenzo Dorsi e Daniele) e la cantante Roberta Langone (che ha stupito il numeroso pubblico presente con la canzone "Oro" di Mango e scritta da Mogol) che hanno eseguito alcuni dei suoi brani cel…

Successo a Venosa per il Festival dei Cinque Continenti, tra cucina e spettacoli

Apprezzata la sfida gastronomica tra sindaci, insieme agli artisti italiani e internazionali 

Venosa ha ospitato la quattordicesima edizione del Festival dei Cinque Continenti, la rassegna di spettacoli e arte ideata dall’associazione culturale “Il Circo dell’Arte” e organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Venosa. 


Una serata di spettacoli di circo contemporaneo e musica, che ha animato Piazza Orazio, per concludersi in Largo Vescovado, nei pressi della Concattedrale di Sant’Andrea e del Museo Episcopale. 


A precedere le esibizioni di artisti e compagnie internazionali, la grande novità di quest’anno: lo show cooking “Vi racconto il mio primo - 4 sindaci ai fornelli”. 


L’evento è iniziato con l’attesa sfida ai fornelli tra i sindaci di quattro comuni, ognuno in rappresentanza di una provincia diversa: Umberto Di Michele, sindaco di Carapelle (Foggia), Beniamino Palmieri, sindaco di Montemarano (Avellino), Andrea Bernardo, sindaco di Colobraro (Matera) e …

Pignola. Lotta alla criminalita' il valoroso coraggio del maresciallo dei carabinieri Agatino Di Matteo

Il Comune di Pignola in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Pignola, organizzano il convegno “Lotta alla Criminalità: Il valoroso coraggio del Maresciallo dei Carabinieri Agatino Di Matteo”, Vittima del Dovere e insignito della Medaglia di Bronzo al Valore dell’Arma dei Carabinieri. Attraverso l’esperienza del Maresciallo Di Matteo, l’Amministrazione Comunale e la Dirigente Scolastica , intendono sensibilizzare i giovani della comunità Pignolese sul tema della legalità, attraverso una testimonianza diretta e concreta di un uomo che ha votato la propria esistenza alla giustizia e alla sicurezza del nostro Paese. Il M.llo CC. Agatino Di Matteo, e’ nato a Taranto, figlio di genitori lucani da anni vive a Pignola. L’ episodio sanguinoso, in cui si trovo’ coinvolto Agatino Di Matteo risale alla notte tra il 4 e il 5 giugno 1981, quando, insieme ad altro Carabiniere in servizio di perlustrazione sulla strada provinciale nel territorio, Brindisino notavano una macchina di c…

Il manganese oltrepassa la 106 Jonica: spunta in falda un refrigerante oltre l'area ENEA

Grazie all'impegno congiunto di Mediterraneo No-Triv e Cova Contro abbiamo ottenuto altri dati sulla contaminazione di falda dell'Itrec-Enea. Infatti relativamente ai piezometri di recente costruzione è rilevabile che nei prelievi relativi al mese di luglio 2018, nel piezometri spb1 - 5, oltre la SS106, il manganese la fa da padrone: si oscilla tra i 146 mcg/l (soglia di legge 50 ) ed i 682 mcg/l, quindi ben oltre 10 volte la soglia di legge. Incomprensibile è la mancata ricerca nelle analisi di tallio, vanadio ed idrocarburi totali già rinvenuti da Sogin in analisi precedenti nei suoli come nelle acque. Manca come al solito la ricerca di fenoli, bario ed altre sostanze, come prescritto dal dlgs 152/06. Inspiegabile ad oggi come piezometri poco distanti tra loro possano vedere oscillare così pesantemente i valori del manganese che passano da 150 circa di media ai 682 del piezometro spb3. Le analisi con le relazioni annesse non fugano altri dubbi: da dove vengono gli altri m…

VENOSA. LA CITTADINA ORAZIANA PROTESTA PER LA SCELTA DELLA RAI DI FARE" L’ANNO CHE VERRA’" A MATERA

La notizia apparsa lo scorso 16 ottobre sull’agenzia Ansa Basilicata nella quale la Rai Com decide di proporre Matera come sede dell’”Anno che Verrà” il 31 dicembre 2018 ha fatto indispettire amministratori, associazioni turistiche e cittadini di Venosa. La Rai ha motivato questa scelta dicendo: “non si può non tenere conto che la città dal 1 gennaio 2019 sarà la Capitale Europea della Cultura e diventerà la protagonista assoluta del panorama culturale italiano e europeo. Invece per la città di Venosa potrebbe essere indicata per l'edizione 2019/2020 previa una serie di verifiche tecniche e organizzative che dovranno essere effettuate". Carmela Sinisi, assessore alla Cultura del Comune di Venosa, non la pensa come la Rai e dice: “ sono furiosa. Sarebbe utile conoscere sviluppi e retroscena dei luoghi in cui si decide. A noi tocca sapere le cose in questo modo e urtarsi oltre modo. Io scenderei in piazza per chiedere dialogo e chiarimenti”. Michele Duino, presidente della pr…

Rinnovato il consiglio di amministrazione dell’Università della Basilicata

L’Unibas ha rinnovato il consiglio di amministrazione dell’Ateneo: il nuovo cda è composto dalla Rettrice (con funzioni di presidente), Aurelia Sole, dai docenti Ferdinando Di Carlo, Ruggero Ermini e Giovanni Salzano (componenti appartenenti alla comunità accademica in servizio nell'Università), da Mara Rosaria Belviso (componente appartenente al ruolo del personale dirigente e tecnico-amministrativo dell’Ateneo), da Pasquale Carrano e Luigi Gay (componenti esterni non appartenenti ai ruoli dell'Università), da Micaela Triunfo e Giovanni Albini (rappresentanti degli studenti biennio accademico 2017-2019), dal Prorettore vicario, senza diritto di voto, Michele Perniola, e dal Direttore generale, senza diritto di voto e con funzioni di segretario, Lorenzo Bochicchio. La Rettrice, nell’augurare buon lavoro al nuovo consiglio di amministrazione, ha ringraziato per l’impegno svolto in questi anni nel cda, Saverio Calia e Antonio Colangelo, il professor Francesco Panarelli, nuovo di…

TOLVE. Incontro sulla "Lotta alla Criminalità"

Il Comune di Tolve in collaborazione con l’ Istituto Scolastico I.C. "F. Giannone", organizzano il convegno “Lotta alla Criminalità: Il valoroso coraggio del Maresciallo dei Carabinieri Agatino Di Matteo”, Vittima del Dovere e insignito della Medaglia di Bronzo al Valore dell’Arma dei Carabinieri. Attraverso l’esperienza del Maresciallo Di Matteo, l’Amministrazione Comunale e la Dirigente Scolastica , intendono sensibilizzare i giovani della comunità di Tolve sul tema della legalità, attraverso una testimonianza diretta e concreta di un uomo che ha votato la propria esistenza alla giustizia e alla sicurezza del nostro Paese. Il M.llo CC. Agatino Di Matteo, e’ nato a Taranto, figlio di genitori lucani da anni vive a Pignola. L’ episodio sanguinoso, in cui si trovo’ coinvolto Agatino Di Matteo risale alla notte tra il 4 e il 5 giugno 1981, quando, insieme ad altro Carabiniere in servizio di perlustrazione sulla strada provinciale nel territorio, Brindisino notavano …